18/12/2015, 00.00
BANGLADESH
Invia ad un amico

Dinajpur, confessa uno degli assalitori di p. Piero Parolari

di Sumon Corraya
Sariful Islam è membro del gruppo fondamentalista islamico Jamaat-ul-Mujiahideen, bandito dal governo locale. Oltre all’agguato al missionario del Pontificio Istituto Missioni Estere, ha confessato anche l’attacco a un tempio indù. Le autorità incontrano i leader cristiani e garantiscono massima sicurezza per le celebrazioni natalizie.

Dhaka (AsiaNews) – Sariful Islam, membro del gruppo fondamentalista islamico Jamaat-ul-Mujiahideen, ha confessato ieri di aver organizzato ed eseguito di persona l’attentato contro p. Piero Parolari, missionario del Pontificio Istituto Missioni Estere, avvenuto lo scorso 18 novembre a Dinajpur. Il sotto-ispettore Bazlur Rashid conferma la confessione: “Islam ha compiuto un attacco anche contro un tempio indù del Paese”.

Il Jamaat-ul-Mujiahideen è stato fondato nel 1998. Il governo locale l’ha bandito in maniera ufficiale nel febbraio del 2015, dopo una serie di attacchi compiuti contro alcune Organizzazioni non governative. Dopo alcuni mesi di silenzio, il gruppo è tornato a farsi sentire nell’agosto del 2015 con centinaia di attacchi a più di 300 luoghi diversi sparsi per il Bangladesh.

P. Parolari, 64 anni, è un medico missionario e viceparroco di Suihari. Egli è presente in Bangladesh dal 1985, dove lavora presso l’ospedale di St. Vincent. L’agguato è stato compiuto da tre uomini armati in motocicletta, che lo hanno attaccato a colpi di pistola mentre si recava proprio in ospedale.

L’agguato contro il sacerdote del Pime conferma un clima teso nel Paese, dove nelle ultime settimane decine di cattolici e protestanti hanno ricevuto minacce di morte.

Le autorità sono comunque impegnate per garantire la sicurezza alla comunità cristiana durante le prossime festività natalizie. Ieri i leader cattolici e delle varie denominazioni cristiane si sono incontrati al Commissariato metropolitano di Dhaka per colloqui con i vertici della polizia. Nirmal Rozario, presente all’incontro, dice ad AsiaNews: “Abbiamo avuto grandi rassicurazioni per il prossimo Natale”. 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
P. Piero Parolari è rientrato in Italia: fuori pericolo, ma le cure saranno lunghe
30/11/2015
Bangladesh: cristiani, musulmani e indù chiedono giustizia per p. Parolari
21/11/2015
Pime: Più che l’Isis, il movente è politico nell’attentato al missionario in Bangladesh
19/11/2015
Dinajpur, attentato a un missionario del Pime, colpito da arma da fuoco
18/11/2015
Distretto di Bogra: per più di 100 madrasse né permessi, né controlli
04/01/2017 11:23