21 Novembre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 22/08/2012
CINA - VATICANO
Diocesi di Shanghai sotto assedio dopo il "grande schiaffo" di Ma Daqin
di Bernardo Cervellera
I seminari rimarranno chiusi fino a nuovo ordine; una suora è stata dimissionata come superiora generale. Seminaristi e suore "non hanno collaborato" col governo per l'ordinazione episcopale del 7 luglio, quando Ma Daqin ha deciso di uscire dall'Associazione patriottica. Crescono le resistenze e le critiche dei cattolici verso l'organismo di controllo della Chiesa ufficiale. Un vescovo ad AsiaNews: "Il governo ha perso il controllo delle masse e la fiducia della gente".

Roma (AsiaNews) - Il seminario regionale e quello minore di Shanghai non apriranno - come programmato - agli inizi di settembre fino a nuovo ordine; una suora è stata dimessa come superiora generale del suo ordine: sono alcune delle "vendette" dell'Associazione patriottica per manifestare l'ira contro la scelta di mons. Taddeo Ma Daqin di uscire dall'organo di controllo della Chiesa cattolica ufficiale e contro coloro che "lo hanno aiutato".

Il 7 luglio scorso mons. Ma è stato ordinato vescovo ausiliare di Shanghai, con l'approvazione della Santa Sede. Durante la cerimonia egli ha sfuggito l'abbraccio e la comunione con Zhan Silu, il vescovo illecito lì presente, e ha dichiarato che per dedicarsi in modo completo alla pastorale, sarebbe uscito dall'Associazione patriottica (Ap), un organismo che per Benedetto XVI ha fondamenti "inconciliabili con la dottrina cattolica", perseguendo una politica di "indipendenza" dalla Santa Sede.

Subito dopo la sua ordinazione, il coraggioso mons. Ma (v. foto) è stato messo agli arresti domiciliari nel seminario regionale di Sheshan e gli viene proibito di indossare ogni insegna episcopale (croce pettorale, anello, beretta, ecc..). In più, è stata aperta un'indagine sul suo atteggiamento per aver violato le "regole" delle ordinazioni secondo il Partito.

Ora il vescovo di Shanghai, mons. Aloysius Jin Luxian ha diramato una breve nota in cui avverte che i seminari non apriranno agli inizi di settembre "fino a ulteriore comunicazione" e ciò è dovuto alla "situazione presente".

Alcuni giorni prima, un'altra nota avvertiva che suor Agnese Liu Shujing è stata dimissionata dall'incarico di superiora generale della congregazione di Nostra Signora della Presentazione. La madre, che stava preparando un corso settimanale con tutte le 86 suore del suo ordine, ha dovuto cancellare anche questo impegno.

Secondo l'agenzia Ucan, "non vi sono motivi ufficiali per le dimissioni", ma si sa che sr Agnese  "non ha cooperato" con il governo nella preparazione dell'ordinazione del 7 luglio. Ella ha infatti ritardato di diffondere al suo istituto il messaggio dell'Ap, secondo cui le suore dovevano partecipare alla cerimonia, anche se vi era un vescovo illecito.

Fonti di AsiaNews aggiungono particolari: suore e seminaristi, in realtà, hanno partecipato alla cerimonia, ma con una funzione molto precisa: evitare che vescovi illeciti riuscissero ad entrare nella chiesa e partecipassero alla cerimonia. Per questo tutti loro hanno costituito una "barriera umana" contro i vescovi non in comunione col papa, anche se Zhan Silu è poi riuscito a infiltrarsi lo stesso.

L'Ap teme che l'esempio di mons. Ma Daqin e quello dei seminaristi e delle suore si diffonda in tutte le altre diocesi e per questo si sta vendicando tenendo chiuso il seminario e dimissionando sr Agnese.

Ma forse tali mosse rischiano di essere un boomerang che creerà ancora più resistenza nella Chiesa. Già oggi un sacerdote, citato da Ucan, fa notare che il seminario maggiore di Sheshan serve non solo Shanghai, ma anche l'Anhui, il Fujian, il Jiangsu, lo Jiangxi e il Zhejiang e per questo "non dovrebbe essere implicato nell'incidente". I leader delle Chiese di queste province hanno pianificato di criticare la scelta delle autorità governative di Shanghai.

Un altro sacerdote, contattato da AsiaNews difende la scelta di mons. Ma: "L'Ap non è il governo e perciò uno può liberamente entrare e uscire da un'associazione. Mons. Ma non ha fatto nulla di illegale nel dare le dimissioni dall'Ap".

Perfino vescovi che finora sono stati molto ubbidienti all'Ap stanno facendo marcia indietro. Almeno due vescovi ufficiali, precettati dal Partito  a partecipare all'ordinazione illecita di Harbin, hanno rifiutato e trovato il modo di non andarci.

Un vescovo ha commentato ad AsiaNews: "Nella Chiesa cattolica cinese sta succedendo quanto avviene nella società: il governo ha perso il controllo delle masse e la fiducia della gente. I fedeli non guardano più in faccia l'Ap, che non conta più nulla".


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
12/12/2012 VATICANO - CINA
Mons. Savio Hon: Un sopruso la destituzione del vescovo di Shanghai. Tutte le Chiese del mondo preghino per lui
di Bernardo Cervellera
14/12/2012 CINA - VATICANO
Card. Zen: Il caso del vescovo di Shanghai, una vergogna per la Chiesa e per i nuovi dirigenti cinesi
di Card. Joseph Zen
05/10/2012 CINA - VATICANO
Shanghai, preti e suore sottoposti a lavaggio del cervello, dopo il "grande schiaffo" di Ma Daqin
11/07/2012 CINA – VATICANO
La vendetta dell'Associazione patriottica: mons. Ma Daqin sotto indagine
di Jian Mei
11/07/2012 CINA - VATICANO
Harbin, l'Associazione Patriottica, "il Vaticano non favorisce l'unità della Chiesa"
di Justina Li

In evidenza
IRAQ - ITALIA
Lettera dell'arcivescovo di Mosul: Grazie per gli aiuti, che sostengono le sofferenze dei rifugiati
di Amel NonaLe offerte di tutti i donatori della campagna "Adotta un cristiano di Mosul" sono usate per acquistare cibo, vestiti pesanti, coperte per i profughi e affittare case o roulotte per affrontare l'inverno e il freddo che sono giunti molto presto. Due donne hanno difeso la loro fede cristiana davanti ai miliziani islamisti che volevano convertirle, minacciandole di uccidere. Rifugiato fra i rifugiati, mons. Nona scopre un modo nuovo di essere pastore.
IRAQ - ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": raccolti e inviati quasi 700mila euro. La campagna continua
di Bernardo CervelleraInviata la seconda tranche di aiuti, raccolti nel mese di settembre. In Medio oriente e in Iraq si gioca il destino dei rapporti fra oriente e occidente. L'appello di papa Francesco e del Sinodo. I governi tiepidi. Gli aiuti giunti da tutto il mondo: una nuova comunità internazionale che sconfigge la "globalizzazione dell'indifferenza".
IRAQ-VATICANO
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del vescovo per i primi aiuti
di Amel NonaMons. Amel Nona, vescovo caldeo di Mosul, anch'egli rifugiato, ringrazia tutti i donatori della campagna lanciata da AsiaNews. La situazione è sempre più difficile per il numero enorme di profughi e per l'arrivo dell'inverno e della neve, che rendono impossibile alloggiare nelle tende o all'aperto. La crisi, un'occasione che rende attiva la fede dei cristiani.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate