24 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 02/03/2007, 00.00

    CINA

    Dirigente comunista licenziata ed espulsa dal Partito perché cristiana



    Geng Sude, protestante di 55 anni, era la vicepreside della scuola del Partito comunista di Baoding. All’inizio dell’anno ha ospitato nell’auditorium dell’edificio un incontro di studi biblici, interrotto dalla polizia che ha arrestato i partecipanti. Ora annuncia un ricorso alle autorità provinciali.
    Baoding (AsiaNews) – Una dirigente comunista di Baoding, cristiana, ha perso il proprio posto di lavoro e la sua carica all’interno del Partito perché ha ospitato e preso parte ad una sessione di studi biblici all’interno di una scuola comunista da lei gestita.
     
    L’incontro, il primo gennaio, è stato interrotto da circa 100 poliziotti che hanno sequestrato il materiale ed arrestato i partecipanti.
     
    Geng Sude, protestante di 55 anni, ha confermato che un mese fa la Commissione del Partito di Baoding (nella provincia orientale dell’Hebei) le ha tolto il ruolo di vicepreside della locale scuola comunista e l’ha cacciata.
     
    Geng ha mantenuto il ruolo di professoressa di filosofia, ma non è chiaro se le verrà permesso di insegnare ancora. Alla Reuters ella dichiara di “non capire la decisione del Partito: non ho detto nulla contro il governo o contro la Cina e non ho infranto la legge”, che prevede la piena libertà religiosa per i fedeli che accettano il controllo dello Stato.
     
    La decisione di ospitare la sessione biblica nella scuola, spiega, è nata dal fatto che “l’auditorium non viene usato quasi mai”. Ora si appellerà alle autorità provinciali contro la sua cacciata.
     
    All’incontro erano presenti circa 50 cristiani – fra cui avvocati, professori, scrittori, giornalisti ed artisti – che nel corso del raid della polizia sono stati portati via ed interrogati. Secondo la Geng, il problema è legato ai timori che il Partito ha verso i cristiani. Esso infatti  “è molto più tollerante nei confronti dei suoi membri che praticano il buddismo”.
     
    Circa un anno fa l'Ufficio di controllo interno del Partito comunista, in un documento segreto, ha stabilito che un terzo dei 70 milioni di membri del Pc è  "credente di una qualche fede". L'ondata di conversioni religiose interessa soprattutto le fasce più istruite della popolazione.
    Pechino permette la pratica del cristianesimo protestante solo all'interno del Movimento delle tre autonomie (MTA), nato nel 1950 dopo la presa di potere di Mao e l'espulsione dei missionari stranieri e dei leader delle Chiese, anche cinesi. Le statistiche ufficiali dicono che in Cina vi sono 10 milioni di protestanti ufficiali, tutti uniti nel MTA. I protestanti non ufficiali, che si radunano nelle "chiese domestiche" non registrate, sono stimati ad oltre 50 milioni.
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    23/03/2006 Cina
    Cina, nuove violenze contro i cristiani protestanti

    Non si ferma la persecuzione nei confronti dei cristiani non ufficiali di tutta la Cina. Dopo il Xinjiang e lo Shanxi, nuovi arresti e violenze nell'Hunan e nell'Hebei.



    20/05/2014 CINA
    Zhejiang: ancora croci e chiese demolite. Chiese ufficiali e domestiche nella persecuzione
    Distrutti una Via Crucis cattolica, chiuse e disperse comunità domestiche. I motivi ufficiali sono "l'abbellimento" delle città, eliminando le costruzioni illegali o ritenute tali. Ma la vera ragione sta nel tentare di eliminare quanto contrasta con il potere del Partito e nel sequestrare i terreni per lo sviluppo edilizio. Le religioni sono la minaccia più grande alla società (cioè al Partito). Un pastore protestante: Si può distruggere un edificio, ma non la chiesa come comunità.

    16/03/2006 Cina
    Cina, nuove violenze contro i cristiani protestanti

    Non si ferma la persecuzione nei confronti dei cristiani non ufficiali di tutta la Cina. Dopo il Xinjiang e lo Shanxi, nuovi arresti e violenze nell'Hunan e nell'Hebei.



    19/12/2015 CINA
    Shandong, pregavano in privato: cinque studenti cristiani espulsi dall’università
    I ragazzi erano riuniti in una stanza chiusa dello Shandong Yingcai College: qualcuno li ha fotografati e denunciati alla polizia. Il Dipartimento provinciale per l’Istruzione ha proibito “incontri religiosi” che coinvolgano “tre o più studenti”. Aumenta il controllo statale sulle religioni.

    11/03/2006 Cina
    Cina: ondata di arresti contro cristiani protestanti

    Nell'Henan la polizia sgombra una riunione biblica ed arresta tre pastori "dediti ad un culto malvagio ed illegale". Condannato ai domiciliari anche Su Wenxing, musicista cristiano di fama internazionale.





    In evidenza

    MYANMAR-VATICANO
    Yangon, ‘ore frenetiche’ per l’arrivo del papa. L’impegno dei cattolici per i pellegrini

    Paolo Fossati

    Attese 200mila persone per la messa solenne al Kyaikkasan Ground. Tra loro anche leader buddisti e musulmani. In arrivo 6mila ragazzi per la messa dei giovani del giorno seguente. Anche filippini, australiani e thailandesi per lo storico viaggio apostolico di papa Francesco. Dal nostro inviato.


    YEMEN
    Il genocidio dello Yemen: dopo le bombe, la fame, la sete e il colera

    Pierre Balanian

    La coalizione guidata da Riyadh blocca l’arrivo di carburante necessario per far funzionare i pozzi. Oltre un milione di persone senza acqua a Taiz, Saada, Hodeida, Sana’a e Al Bayda. Secondo l’Unicef, 1,7 milioni di bambini soffrono di malnutrizione acuta”; 150mila bambini rischiano di morire di stenti nelle prossime settimane. Il silenzio e l’incuria della comunità internazionale. La minaccia di colpire le navi-cargo del greggio. Ieri l’Arabia saudita ha permesso la riapertura dell’aeroporto di Sana’a e del porto di Hudayda, ma solo per gli aiuti umanitari. Una misura insufficiente.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®