09/02/2012, 00.00
VIETNAM
Invia ad un amico

Dissidente buddista vietnamita nominato al Nobel per la pace 2012

Il venerabile Thich Quảng Độ, patriarca della Chiesa unificata buddista del Vietnam (Cubv), è fra i leader della lotta per i diritti umani e la libertà religiosa nel Paese comunista. Ancora oggi vive agli arresti domiciliari nel monastero di Thanh Minh Zen. Nei mesi scorsi ha sfidato il governo, invitandolo a sfuggire alla "morsa cinese".
Ho Chi Minh City (AsiaNews) - Il venerabile monaco Thich Quảng Độ, patriarca della Chiesa unificata buddista del Vietnam (Cubv), è fra i nominatii al Nobel per la pace 2012, con sostegno trasversale di parlamentari statunitensi ed europei. La conferma arriva dal Comitato vietnamita per i diritti umani, dopo che il primo febbraio scorso sono scaduti i termini di presentazione delle candidature; il vincitore verrà annunciato, come di consueto, verso la metà di ottobre. Ancora oggi l'83enne monaco e attivista per i diritti umani vive agli arresti domiciliari nel monastero di Thanh Minh Zen, a Ho Chi Minh City. Nei mesi scorsi, durante le rivolte anti-Pechino per le dispute nel Mar cinese meridionale, egli ha inviato una lettera al segretario generale del partito comunista del Vietnam, Nguyen Phu Trong, sfidando apertamente il regime. Il solo modo per sfuggire alla morsa cinese, suggeriva nella missiva, è "iniziare una transizione pacifica alla democrazia, affinché il nostro Paese possa respirare attraverso le narici dei 90 milioni di persone che compongono il Vietnam".

Dagli anni '60 Thich Quảng Độ è membro direttivo della Chiesa buddista vietnamita; per la sua opposizione al regime comunista, egli è stato incarcerato diverse volte e ancora adesso sconta una pena agli arresti domiciliari per aver lanciato, nel 2001, il celebre "Appello per la democrazia in Vietnam". Fin dalla caduta di Saigon e l'ascesa al potere dei nord-vietnamiti, il monaco ha lanciato proteste e manifestazioni in difesa dei diritti umani e della libertà religiosa nel Paese. Bollato come un "ostacolo" all'operato del governo, nel 1977 ha subito il primo provvedimento di fermo, cui sono seguite torture in carcere e un processo con l'accusa di "turbativa alla pace" e "diffusione di false informazioni".

Assolto e rilasciato, viene arrestato nel febbraio 1982 perché appartenente a un movimento dichiarato nel frattempo "illegale" dal regime comunista. Dopo dieci anni di confino, nel 1992 è tornato a Ho Chi Minh City dove, tre anni più tardi, viene di nuovo arrestato per le denunce di persecuzioni contro la Chiesa buddista e i suoi fedeli. Nel gennaio 2008 la rivista A Different View lo ha inserito nella lista dei 15 "Campioni della democrazia mondiale", accanto a personalità di livello fra cui Nelson Mandela, Lech Walesa, Corazon Aquino e Aung San Suu Kyi.

Commentando la candidatura a Nobel per la pace di Thich Quảng Độ, la parlamentare democratica Usa Loretta Sanchez ricorda "l'onore" di un "incontro personale" con il monaco e la sua "dedizione" alla causa della democrazia in Vietnam. L'ex ministro francese dell'Istruzione Françoise Hostalier sottolinea invece il premio ricevuto dalla fondazione norvegese Rafto nel 2006 che - in una situazione analoga a quella di Aung San Suu Kyi, Nobel per la pace birmana - egli non ha potuto ritirare perché agli arresti domiciliari e "non autorizzato" a viaggiare dalle autorità.

La Chiesa unificata buddista del Vietnam (Cubv), non riconosciuta dal governo, è stata la principale organizzazione buddista nel Vietnam meridionale e centrale fino al 1975, quando il governo ha assunto la diretta amministrazione di tutte le sue proprietà e istituzioni. Nel 1981, in seguito al suo rifiuto di sottomettersi al Partito comunista, il governo l'ha sciolta e sostituita con la Chiesa buddista vietnamita, di fatto controllata dallo Stato, ma la Cubv non ne ha mai riconosciuto l'autorità e non ha smesso la sua attività religiosa. Dagli anni '90 molti monaci sono stati arrestati, mentre il "Supremo Patriarca" Thich Huyen Quang - morto nel luglio 2008 - è stato spesso minacciato per la sua opposizione al governo e ha trascorso lunghi periodi agli arresti domiciliari nella sua pagoda.
Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Esponenti politici incontrano il vescovo ausiliare di Hanoi
17/01/2009
Sistematica persecuzione religiosa in Myanmar
18/10/2004
Hanoi, famiglie dei cattolici incarcerati ai leader religiosi: pregate per la liberazione
02/09/2011
Altri due tibetani si auto-immolano contro l'oppressione cinese
14/02/2013
Qinghai, 13 anni di carcere per un’auto-immolazione mai avvenuta
08/02/2013