18/11/2005, 00.00
INDIA
Invia ad un amico

Diventa "un modello" un villaggio indiano colpito dalla tsunami

La ricostruzione finanziata da Caritas India. Entro il 26 dicembre saranno consegnate 647 case. E' cambiato ilmodo di vita della gente, che usa Internet anche per controllare le previsioni meteorologiche.

Devanampattinam (Asianews/Agenzie) - Devanampattinam, uno dei villaggi sulla costa di Tamil Nadu colpiti dallo tsunami, ha un nuovo volto grazie alla costruzione, finanziata dalla Caritas indiana, di centinaia di nuove case e sarà pronto prima del 26 dicembre data dell'anniversario del disastro. L'intero villaggio, nel distretto di Cuddalore, è al lavoro. Più di 500 muratori sono al'opera costantemente per completare 647 case (permanenti) .

Ogni giorno da metà ottobre vengono completate in media 10 case, spendendo 3 milioni (circa 65.750 USD) al giorno.

Un gruppo di addetti stampa e giornalisti della Caritas ha visitato il villaggio: la visita fa parte di una serie programmata, dal 27 al 31 ottobre, che mira a vedere i villaggi del Tabil Nadu colpiti dallo tsunami

Da quando gli abitanti del villaggio hanno ricevuto delle dimore fisse, sono diventati più fiduciosi e creativi, sostengono i membri della Caritas, i quali progettano di fare diventare Devanampattinam un villaggio modello.

La popolazione locale è creativa e usa già una comunicazione tecnologica avanzata, come Internet, impiegato per il lavoro e per la sicurezza. Vengono scaricate le ultime previsioni metereologiche, elaborate dalle autorità locali e poi trasmesse tre volte al giorno.

Alcuni dei villaggi più vecchi dicono che il bollettino meteo è diventato un punto di riferimento per la polizia locale e per i vigili di villaggi limitrofi.

Un'altra iniziativa innovativa è quella del "vermi-composting", metodo ingegnoso e all'avanguardia. Il composto è usato come concime, che dà una produzione 200 volte superiore.

Il centro di sviluppo della comunità è diventato il fulcro delle attività del Self Help Group che aiuta i giovani del posto ad acquisire abilità e capacità informatiche.

E' difficile capire se lo tsunami per gli abitanti dei paesi colpiti abbiafinito per essere quasi una benedizione. I loro villaggi hanno nuove abitazioni, edifici e i giovani lavoratori conoscono un nuovo stile di vita.

La Pondicherry Multipurpose Social Service Society, partner locale della Caritas indiana, con il suo direttore Ratchard sta gestendo i vari progetti. Il suo gruppo specializzato e i suoi animatori "hanno cambiato il modo di vivere del villaggio" affermano gli abitanti.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
"Ricostruire le persone", la vera sfida 6 mesi dopo lo tsunami
25/06/2005
Nuove case per i sopravvissuti dallo tsunami
28/12/2006
Tsunami nell’Oceano Pacifico: 15 morti alle Salomone
02/04/2007
Sopravvissuti allo tsunami fuggono dai campi di soccorso allagati
09/11/2005
Terremoto in West Papua. Ritirato l’allarme tsunami
30/09/2010