24 Luglio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 06/07/2012, 00.00

    UZBEKISTAN

    Dopo quattro anni di carcere, Testimone di Geova uzbeko condannato ad altri 30 mesi



    Abdubannob Ahmedov doveva uscire di prigione il 23 luglio. I termini di custodia prolungati per presunte “violazioni alle regole del carcere”. Cristiana battista rischia fino a tre anni di galera, in base all’accusa di “insegnamento illegale della religione”. Continua la stretta delle autorità uzbeke sulle religioni.

    Tashkent (AsiaNews/F18) - A circa un mese dalla scadenza dei termini di custodia, dopo aver trascorso gli ultimi quattro anni in prigione, un Testimone di Geova ha visto la propria condanna prolungata di altri 30 mesi. La nuova pena è stata comminata dalle autorità uzbeke per presunte "violazioni alle regole del carcere" che il detenuto, Abdubannob Ahmedov, avrebbe commesso durante il regime detentivo. Insieme a lui, altri due fedeli obiettori di coscienza hanno ricevuto un aumento ulteriore della pena; scontata la condanna, da poco sono tornati in libertà. Di recente altre quattro persone, di fede musulmana, sono state rilasciate dalla prigione con l'obbligo di parlare in pubblico "in tono positivo" delle politiche promosse dal governo di Tashkent. Le autorità proseguono la campagna di repressione delle attività religiose e di fedeli, che colpisce cristiani protestanti, musulmani e Testimoni di Geova senza fare distinzioni.

    Abdubannob Ahmedov, originario di Fergana - cittadina dell'Uzbekistan orientale - ha ricevuto una nuova condanna a due anni e mezzo di galera. Secondo quanto riferisce l'agenzia Forum 18, la sentenza è giunta a circa un mese dalla scadenza dei termini della prima condanna, prevista per il 23 luglio. Quattro anni prima, il 23 luglio 2008, egli era finito in prigione per presunte "attività religiose irregolari" (cfr. AsiaNews 23/08/2008 Tashkent, è reato incontrarsi in casa per pregare). Dietro la pena comminata in base all'articolo 221 del Codice penale uzbeko, vi sarebbero non meglio specificate "violazioni" ai termini di custodia in carcere.

    Resta invece avvolta nel mistero la sorte di Yelena Kim, una cristiana battista anch'essa di Fergana,  che rischia una condanna fino a tre anni di galera. La donna è imputata in un procedimento, con l'accusa di "insegnamento illegale della religiose". A fine giugno funzionari della pubblica sicurezza hanno compiuto un raid nell'abitazione della donna, sequestrando diverso materiale fra cui libri, filmati, copie della Bibbia, inni, insieme a cartelle e documentazioni private e personali.

    Le autorità uzbeke negano che nel Paese vi siano casi di violazione alla libertà religiosa. Di fatto, però, ciascuna comunità per esercitare questo diritto deve chiedere il permesso allo Stato. E le autorità di Tashkent rilasciano le concessioni a loro piacimento. Fra le comunità più colpite nel recente passato vi sono i cristiani protestanti, gruppi cattolici, fedeli musulmani e Testimoni di Geova, con processi mirati e condanne (cfr. AsiaNews 11/02/2012 Tashkent, due Testimoni di Geova rischiano altri 5 anni di lavori forzati).

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    08/09/2009 UZBEKISTAN
    Tashkent, musulmani clandestini condannati come terroristi
    I tribunali puniscono con molti anni di carcere i seguaci di culti non approvati, applicando le pene previste per i terroristi. Gruppi per la tutela dei diritti denunciano che i condannati hanno solo fatto attività religiosa. Intanto giro di vite anche contro cristiani e Testimoni di Geova.

    21/06/2010 UZBEKISTAN
    Le autorità uzbeke costringono cristiani e Testimoni di Geova all’illegalità
    Lo denunciano membri di Chiese e gruppi religiosi cui la necessaria autorizzazione statale è negata con pretesti o col silenzio. Senza autorizzazione, è punito persino riunirsi per pregare. La lunga inutile battaglia della Central Protestan Church.

    15/01/2010 UZBEKISTAN
    Tashkent, pesanti multe e carcere per i cristiani
    Anche nel periodo di Natale la polizia ha perseguitato gli incontri religiosi. Le multe spesso ammontano all’equivalente di anni di stipendio e per i recidivi c’è la prigione.

    13/03/2010 UZBEKISTAN
    Pastore battista condannato a 10 anni di carcere
    Riconosciuto colpevole di traffico di ingente quantità di droga, ma i fedeli protestano che la condanna è “fabbricata”. Nel Paese è frequente il carcere e la tortura per chi pratica la sua religione senza autorizzazione.

    14/06/2012 UZBEKISTAN
    Tashkent, Testimone di Geova uzbeka rischia l’espulsione
    La donna costretta ad abbandonare la madre, malata e bisognosa di cure. Il provvedimento per presunte irregolarità in materia di cittadinanza. In realtà sarebbe una ritorsione legata alla fede professata. Lo scorso anno è stata condannata due volte a pesanti pene pecuniarie. Nel mirino delle autorità anche una cristiana battista.



    In evidenza

    ASIA-GMG
    Card. Gracias: Alla Gmg di Cracovia i giovani asiatici portano i valori asiatici

    Nirmala Carvalho

    I nostri pellegrini asiatici non portano solo la grandezza, la vitalità e la bellezza dell’Asia, ma anche la diversità multi-culturale, il pluralismo e i valori asiatici dell'ospitalità, la famiglia e, naturalmente, la Chiesa dei giovani. Alla scoperta di Cracovia e del carisma di Giovanni Paolo II, iniziatore della Gmg.


    SIRIA
    Orrore ad Aleppo: gruppo ribelle “moderato” decapita un bambino palestinese



    Il movimento Nur Eddin Zanki ha sgozzato l’11enne Abdallah Issa al grido di “Allah Akhbar”. Il bambino è stato giustiziato per aver collaborato con l’esercito governativo. Prima di morire egli è stato vittima di torture. Il comando generale, prende una (timida) distanza dalla barbara uccisione. Il gruppo è sostenuto da Turchia, Usa, Qatar e Arabia saudita.

     


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®