27 Febbraio 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 06/07/2012
UZBEKISTAN
Dopo quattro anni di carcere, Testimone di Geova uzbeko condannato ad altri 30 mesi
Abdubannob Ahmedov doveva uscire di prigione il 23 luglio. I termini di custodia prolungati per presunte “violazioni alle regole del carcere”. Cristiana battista rischia fino a tre anni di galera, in base all’accusa di “insegnamento illegale della religione”. Continua la stretta delle autorità uzbeke sulle religioni.

Tashkent (AsiaNews/F18) - A circa un mese dalla scadenza dei termini di custodia, dopo aver trascorso gli ultimi quattro anni in prigione, un Testimone di Geova ha visto la propria condanna prolungata di altri 30 mesi. La nuova pena è stata comminata dalle autorità uzbeke per presunte "violazioni alle regole del carcere" che il detenuto, Abdubannob Ahmedov, avrebbe commesso durante il regime detentivo. Insieme a lui, altri due fedeli obiettori di coscienza hanno ricevuto un aumento ulteriore della pena; scontata la condanna, da poco sono tornati in libertà. Di recente altre quattro persone, di fede musulmana, sono state rilasciate dalla prigione con l'obbligo di parlare in pubblico "in tono positivo" delle politiche promosse dal governo di Tashkent. Le autorità proseguono la campagna di repressione delle attività religiose e di fedeli, che colpisce cristiani protestanti, musulmani e Testimoni di Geova senza fare distinzioni.

Abdubannob Ahmedov, originario di Fergana - cittadina dell'Uzbekistan orientale - ha ricevuto una nuova condanna a due anni e mezzo di galera. Secondo quanto riferisce l'agenzia Forum 18, la sentenza è giunta a circa un mese dalla scadenza dei termini della prima condanna, prevista per il 23 luglio. Quattro anni prima, il 23 luglio 2008, egli era finito in prigione per presunte "attività religiose irregolari" (cfr. AsiaNews 23/08/2008 Tashkent, è reato incontrarsi in casa per pregare). Dietro la pena comminata in base all'articolo 221 del Codice penale uzbeko, vi sarebbero non meglio specificate "violazioni" ai termini di custodia in carcere.

Resta invece avvolta nel mistero la sorte di Yelena Kim, una cristiana battista anch'essa di Fergana,  che rischia una condanna fino a tre anni di galera. La donna è imputata in un procedimento, con l'accusa di "insegnamento illegale della religiose". A fine giugno funzionari della pubblica sicurezza hanno compiuto un raid nell'abitazione della donna, sequestrando diverso materiale fra cui libri, filmati, copie della Bibbia, inni, insieme a cartelle e documentazioni private e personali.

Le autorità uzbeke negano che nel Paese vi siano casi di violazione alla libertà religiosa. Di fatto, però, ciascuna comunità per esercitare questo diritto deve chiedere il permesso allo Stato. E le autorità di Tashkent rilasciano le concessioni a loro piacimento. Fra le comunità più colpite nel recente passato vi sono i cristiani protestanti, gruppi cattolici, fedeli musulmani e Testimoni di Geova, con processi mirati e condanne (cfr. AsiaNews 11/02/2012 Tashkent, due Testimoni di Geova rischiano altri 5 anni di lavori forzati).


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
08/09/2009 UZBEKISTAN
Tashkent, musulmani clandestini condannati come terroristi
21/06/2010 UZBEKISTAN
Le autorità uzbeke costringono cristiani e Testimoni di Geova all’illegalità
15/01/2010 UZBEKISTAN
Tashkent, pesanti multe e carcere per i cristiani
13/03/2010 UZBEKISTAN
Pastore battista condannato a 10 anni di carcere
14/06/2012 UZBEKISTAN
Tashkent, Testimone di Geova uzbeka rischia l’espulsione

In evidenza
EGITTO - ISLAM
Le parole di al-Tayeb e di al-Sisi un grande passo per una rivoluzione dell'islam
di Samir Khalil SamirIl grande imam di Al-Azhar ha denunciato le interpretazioni basate sulla lettera del Corano e della sunna, brandite dai fondamentalisti e dai terroristi islamici; sostiene l'urgenza di una riforma dell'insegnamento dell'islam fra i laici e gli imam; domanda la fine della scomunica (takfir) reciproca fra sunniti e sciiti. E il presidente egiziano al-Sisi ha deciso di combattere lo Stato islamico dopo la decapitazione di 21 cristiani copti, che egli ha definito "cittadini egiziani" a parte intera.
ARABIA SAUDITA - ISLAM
Imam di Al-Azhar: Per fermare l'estremismo islamico occorre una riforma dell'insegnamento religiosoPer Ahmed al-Tayeb è urgente stilare un nuovo curriculum di studi per evitare una "cattiva interpretazione" del Corano e della sunna. Il terrorismo islamico mette in crisi l'unità del mondo musulmano. Il "nuovo colonialismo globale alleato al sionismo mondiale". Il discorso del re saudita.
HONG KONG - CINA - VATICANO
Card. Zen: Sembra che qualcuno voglia farci tacere
di Card. Joseph Zen Ze-kiunIl diffuso ottimismo sul miglioramento del dialogo fra Santa Sede e Cina sembra non avere fondamento. Alcune "tendenziose" interviste a vescovi cinesi, frenati nella libertà di parlare. Le questioni fondamentali sono sempre aperte: chi nomina i vescovi; cosa fare dell'Associazione patriottica. La guida della Lettera di Benedetto XVI ai cattolici cinesi, citata anche da papa Francesco. Un non accordo è meglio di un cattivo accordo. Cosa è successo a mons. Cosma Shi Enxiang? E a mons. Giacomo Su Zhimin? Un'animata riflessione del vescovo emerito di Hong Kong, campione della libertà religiosa in Cina.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate