22 Luglio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 13/07/2017, 16.26

    CINA

    E’ morto Liu Xiaobo



    Fino all’ultimo il governo cinese ha voluto tenere sotto controllo il grande dissidente, premio Nobel per la pace del 2010.

    Pechino (AsiaNews) – E’ morto Liu Xiaobo, premio Nobel per la pace nel 2010, una delle più importanti icone della democrazia in Cina. Il dissidente – al quale non fu consentito di ricevere il premio - era malato di cancro al fegato e per questo il 26 giugno gli era stato permesso di allontanarsi dal carcere dove era rinchiuso dal 2009, con l’accusa di aver tentato di “sovvertire la dittatura democratica del popolo della nostra nazione e il sistema socialista”.

    Quella che Human Rights Watch definì “una presa in giro della giustizia” e il commissario Onu per i diritti umani, Navi Pillai, una sentenza “estremamente aspra” traeva origine dall’impegno a diffondere la “Carta 08”, un manifesto in cui si chiedeva al Partito comunista cinese di varare alcune riforme sociali e politiche.

    Sebbene malato di cancro al fegato a uno stato terminale, a Liu non è stato consentito quello che i suoi familiari chedevano, ossia la porribilità di essere curato all’estero e gli è stato concesso di uscire dalla prigione per potersi curare. E ciò malgrado ancora il 10 luglio due medici, un americano e un tedesco che poterono visitarlo avessero affermato che Liu Xiaobo poteva viaggiare senza rischi per la sua salute per essere curato lontano dalla Cina, se Pechino lo avesse consentisse.

    Ma le autorità cinesi avevano evidentemente paura del Premio Nobel anche se era in fin di vita e lo hanno fatto morire dove potevano sorvegliarlo. Fino alla fine.

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    09/12/2009 CINA
    A un anno dall’arresto, sotto accusa l’autore di Carta 08
    Liu Xiaobo, dissidente ed ex professore, è stato arrestato con l’accusa di incitamento alla sovversione dopo la pubblicazione di Carta 08, il documento che chiede alla Cina democrazia, libertà religiosa e diritti umani per salvare lo stesso progresso economico.

    09/12/2011 CINA
    I Premi Nobel a sostegno di Liu Xiaobo, in prigione per 11 anni
    Il dissidente è l’unico vincitore del Nobel in carcere. Il suo rilascio “immediato e senza cndizioni” è chiesto da Shirin Ebadi, Jody Williams, Mairead Maguire, Betty Williams, Desmond Tutu e Vaclav Havel. L’occidente lo ha dimenticato.

    26/06/2011 CINA
    Libero Hu Jia dopo oltre tre anni di prigione
    La moglie Zeng Jinyan teme che alla liberazione seguano gli arresti domiciliari e l’obbligo del silenzio coi media. La sua liberazione avviene mentre Wen Jiabao è in Europa. Nel 2008 Hu Jia era stato insignito del Premio Sakarov.

    09/12/2010 CINA
    Pechino, ultimo attacco alla Commissione del Nobel
    Dopo la guerra diplomatica per allontanare gli ambasciatori dalla cerimonia di consegna del Premio a Liu Xiaobo, prevista per domani a Oslo, il governo cinese usa media e portavoce governativi per l’ultimo attacco: “Odiate la Cina”. E inventa il Premio Confucio per la pace, assegnato al presidente onorario del taiwanese Kuomintang, Lien Chan.

    07/07/2010 CINA
    Minacce e arresti per i dissidenti cinesi: “incitano a sovvertire il potere dello Stato”
    Liu Xianbin è stato arrestato per aver pubblicato sul web alcuni articoli sulla democrazia. Dopo il massacro di Tiananmen ha già passato due anni e mezzo in prigione; dopo la fondazione del partito democratico cinese, altri 10, sempre per “incitamento a sovvertire il potere dello Stato”. I suoi sostenitori visitati dalla polizia. Le forze dell’ordine minacciano anche Yu Jie, scrittore cristiano protestante, reo di voler pubblicare un libro che contiene critiche al premier Wen Jiabao. Rischia una condanna a 11 anni di prigione, “come Liu Xiaobo”. Tutti questi dissidenti sono firmatari di Carta 08.



    In evidenza

    CINA
    Liu Xiaobo: una fiaccola che illumina la civiltà umana



    La testimonianza del grande dissidente non violento, lasciato morire di cancro, è il più alto contributo all’umanità negli ultimi (sterili) 500 anni di storia cinese. Il ricordo di Liu (e di sua moglie) da parte di un sacerdote del nord della Cina.


    INDIA
    Goa: croci distrutte, cimitero dissacrato. Mons. Neri Ferrao: colpa dell’odio religioso



    Le croci sono state lasciate infrante ai margini della strada. Nel cimitero di Guardian Angel Church danneggiate 28 nicchie, cinque croci di legno e nove in granito, 16 tombe e la grande croce all’ingresso. Sajan K George: “Durante un raduno di indù, un fondamentalista ha detto che tutti quelli che mangiano la vacca devono essere impiccati”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®