23 Gennaio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 13/07/2017, 16.26

    CINA

    E’ morto Liu Xiaobo



    Fino all’ultimo il governo cinese ha voluto tenere sotto controllo il grande dissidente, premio Nobel per la pace del 2010.

    Pechino (AsiaNews) – E’ morto Liu Xiaobo, premio Nobel per la pace nel 2010, una delle più importanti icone della democrazia in Cina. Il dissidente – al quale non fu consentito di ricevere il premio - era malato di cancro al fegato e per questo il 26 giugno gli era stato permesso di allontanarsi dal carcere dove era rinchiuso dal 2009, con l’accusa di aver tentato di “sovvertire la dittatura democratica del popolo della nostra nazione e il sistema socialista”.

    Quella che Human Rights Watch definì “una presa in giro della giustizia” e il commissario Onu per i diritti umani, Navi Pillai, una sentenza “estremamente aspra” traeva origine dall’impegno a diffondere la “Carta 08”, un manifesto in cui si chiedeva al Partito comunista cinese di varare alcune riforme sociali e politiche.

    Sebbene malato di cancro al fegato a uno stato terminale, a Liu non è stato consentito quello che i suoi familiari chedevano, ossia la porribilità di essere curato all’estero e gli è stato concesso di uscire dalla prigione per potersi curare. E ciò malgrado ancora il 10 luglio due medici, un americano e un tedesco che poterono visitarlo avessero affermato che Liu Xiaobo poteva viaggiare senza rischi per la sua salute per essere curato lontano dalla Cina, se Pechino lo avesse consentisse.

    Ma le autorità cinesi avevano evidentemente paura del Premio Nobel anche se era in fin di vita e lo hanno fatto morire dove potevano sorvegliarlo. Fino alla fine.

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    05/01/2010 CINA
    Il processo a Liu Xiaobo, ovvero la morte della giustizia
    La leader delle “Madri di Tiananmen”, una fra i primi firmatari di Carta 08, attacca il governo cinese: “Con la sentenza contro il dissidente, è iniziato il crollo morale del regime comunista. E si tratta di un processo irreversibile”. Fino a che Liu rimarrà in galera “nessuno avrà un giorno di pace”.

    09/12/2011 CINA
    I Premi Nobel a sostegno di Liu Xiaobo, in prigione per 11 anni
    Il dissidente è l’unico vincitore del Nobel in carcere. Il suo rilascio “immediato e senza cndizioni” è chiesto da Shirin Ebadi, Jody Williams, Mairead Maguire, Betty Williams, Desmond Tutu e Vaclav Havel. L’occidente lo ha dimenticato.

    07/07/2010 CINA
    Minacce e arresti per i dissidenti cinesi: “incitano a sovvertire il potere dello Stato”
    Liu Xianbin è stato arrestato per aver pubblicato sul web alcuni articoli sulla democrazia. Dopo il massacro di Tiananmen ha già passato due anni e mezzo in prigione; dopo la fondazione del partito democratico cinese, altri 10, sempre per “incitamento a sovvertire il potere dello Stato”. I suoi sostenitori visitati dalla polizia. Le forze dell’ordine minacciano anche Yu Jie, scrittore cristiano protestante, reo di voler pubblicare un libro che contiene critiche al premier Wen Jiabao. Rischia una condanna a 11 anni di prigione, “come Liu Xiaobo”. Tutti questi dissidenti sono firmatari di Carta 08.

    16/12/2009 CINA
    Pechino risponde a Usa e Ue: Liu Xiaobo rimane in galera
    Il governo cinese respinge al mittente le richieste di Stati Uniti ed Unione europea, che volevano la scarcerazione dell’autore di “Carta 08”. Il processo inizia la settimana prossima: se condannato, il dissidente rischia 15 anni di galera.

    02/01/2009 CINA
    Liu Xiaobo, di Carta 08, sorvegliato in luogo sconosciuto, contro le stesse leggi cinesi
    Liu rischia di rimanere sequestrato per un anno e mezzo, senza alcuna accusa e senza processo. Crescono le adesioni (almeno 5 mila) alla Carta 08 per trasformare la Cina in un Paese che difende i diritti umani.



    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Il Vaticano domanda ai vescovi legittimi di farsi da parte per lasciare spazio a quelli illegittimi

    John Baptist Lin

    Lo scorso dicembre mons. Pietro Zhuang Jianjian di Shantou (Guangdong) è stato obbligato ad andare a Pechino dove “un prelato straniero” del Vaticano gli ha chiesto di lasciare la cattedra al vescovo illecito Giuseppe Huang Bingzhang. La stessa richiesta gli è stata fatta lo scorso ottobre. Mons. Giuseppe Guo Xijin, vescovo ordinario di Mindong dovrebbe diventare l’ausiliare o il coadiutore del vescovo illecito Vincenzo Zhan Silu. Sinicizzare la Chiesa cinese: sostenere il principio dell’indipendenza e seguire la leadership del Partito comunista.


    VATICANO – PERU'
    Papa in Perù: Giovani, il cuore non si può ‘fotoshoppare’, perché è lì che si gioca l’amore vero



    All’Angelus nella Plaza de Armas, papa Francesco ai giovani di seguire Gesù con tutto se stessi, senza scoraggiarsi, su esempio di san Martino di Porres, il santo meticcio. La preghiera silenziosa per la pace nella Repubblica del Congo. Ai vescovi, l’esempio di san Toribio di Mogrovejo, un infaticabile evangelizzatore: “Oggi lo chiameremmo un vescovo ‘di strada’”. Alle religiose contemplative l’invito a pregare per l’unità della Chiesa peruviana.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®