21/01/2021, 15.06
SRI LANKA
Invia ad un amico

Effetto pandemia: 80 lavoratori di Katunayake ridotti alla fame

di Melani Manel Perera

Non hanno ricevuto lo stipendio dello scorso mese e tre mensilità di contributi previdenziali. Il datore di lavoro dice di non avere soldi per pagarli. Alcuni costretti a cenare con tre biscotti e un bicchiere di latte. Le autorità accusate di non fare nulla per sbloccare la situazione.

Colombo (AsiaNews) – Per gli effetti della pandemia da coronavirus, 80 lavoratori della zona di libero scambio di Katunayake non hanno ricevuto il salario dello scorso mese e tre mensilità di contributi previdenziali. Da giorni si presentano allo stabilimento della Shore to Shore Ltd. – azienda produttrice di etichette – per protestare contro il datore di lavoro.

La proprietà si difende sostenendo di non avere i soldi per gli stipendi. Ridotte alla fame, le famiglie coinvolte accusano i proprietari di mentire. “Mangiano cibo di prima qualità mentre noi e i nostri bambini andiamo a dormire a stomaco vuoto”, hanno detto ad AsiaNews alcuni dei lavoratori.

Essi denunciano di trovarsi in questa situazione dallo scoppio dell’emergenza sanitaria un anno fa: “I proprietari dell’impresa giocano con le nostre vite e non comprendono la nostra sofferenza. Noi vogliamo solo che siano riconosciuti i nostri diritti”.

“Non avrei mai immaginato di soffrire così tanto”, ha affermato una lavoratrice 50enne dell’azienda sotto accusa. Originaria di una provincia meridionale del Paese, ella è stata abbandonata dal marito e deve prendersi cura di una figlia e di altri familiari. “Devo pagare ogni mese 5mila rupie [21 euro] per il vitto e l’alloggio. Senza stipendio sono costretta a cenare con due-tre biscotti e un bicchiere di latte”. 

Chandra Devanarayana, fondatrice dell’organizzazione Red (Revolutionary Existence for Human Development), fa notare che le autorità locali sono a conoscenza delle pratiche scorrette della Shore to Shore, ma finora non hanno fatto nulla per sbloccare la situazione. “I lavoratori – ha sottolineato l’attivista – continueranno la protesta se non otterranno quello che è dovuto loro”.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Katunayake e Biyagama: senza cibo né soldi, né lavoro per il lockdown
22/12/2020 14:12
Porto di Gwadar, apre la zona di libero scambio nella ‘Via della seta cinese’. Il disappunto di Delhi
30/01/2018 13:43
Pechino propone al Bangladesh un accordo di libero commercio
29/12/2014
Tokyo, con la pandemia cresce il numero dei poveri
19/01/2021 09:02
Covid-19, revocato il lockdown a Colombo
10/11/2020 13:04