20 Gennaio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 15/06/2012, 00.00

    EGITTO

    Egitto, si infiamma la protesta dopo lo scioglimento del parlamento



    Gli islamisti minacciano "giorni difficili"e ricordano le manifestazioni oceaniche del 2011 contro Mubarak. L'esercito ripristina le leggi speciali per la detenzione dei manifestanti senza processo in vista dei ballottaggi delle presidenziali.

    Il Cairo (AsiaNews/ Agenzie) - Centinaia di manifestanti sono radunati da ieri sera davanti alla sede della Corte suprema egiziana, in protesta contro lo scioglimento della Camera bassa del parlamento, dominata dagli islamisti, per incostituzionalità della legge elettorale. Per timore di attentati, esercito e polizia presidiano l'edificio circondato da barricate e filo spinato.

    Oggi, Fratelli musulmani e salafiti hanno lanciato un appello a tutti gli egiziani invitandoli a scendere in piazza per tenere alti i valori della rivoluzione.  In un comunicato essi avvertono che "l'Egitto vivrà giorni difficili, più pericolosi degli ultimi giorni di Mubarak. Tutti i frutti della democrazia guadagnati con la rivoluzione rischiano di cadere nelle mani di uno dei simboli del vecchio regime".  

    Secondo i media egiziani la tensione ricorda quella dei giorni precedenti alla caduta dell'ex presidente. La popolazione teme un colpo di mano dell'esercito che ora controlla il parlamento. I militari hanno promesso di garantire la sicurezza durante i ballottaggi delle presidenziali fra Mohammed Morsy (Fratelli musulmani) e Ahmed Shafiq, candidato indipendente ed ex Primo ministro di Mubarak. Per evitare scontri verranno ripristinate alcune leggi speciali come il diritto da parte delle forze dell'ordine di detenere i manifestanti sospettati di reati per tutto il periodo elettorale.

     

     

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    11/05/2012 EGITTO
    L'Egitto si ferma per il primo dibattito elettorale televisivo nella storia del Paese
    Milioni di persone hanno seguito l'evento su televisori e schermi nei locali e nelle piazze. Al confronto hanno partecipato Amr Moussa, moderato ed ex segretario della Lega araba e Aboul Fotouh, islamista indipendente. Fra le tematiche la pericolosa ascesa del radicalismo islamico e i rapporti con Israele.

    07/05/2012 EGITTO
    Egitto, militari e privati cittadini insieme contro gli estremisti islamici
    Dopo gli scontri del 4 maggio costati 12 morti, torna la calma davanti al ministero della Difesa egiziano. Ieri, centinaia di salafiti e Fratelli musulmani di nuovo in piazza nonostante il coprifuoco. Portavoce della Chiesa cattolica teme una nuova escalation di violenza in vista delle elezioni presidenziali.

    23/11/2011 EGITTO
    Egitto: mille partiti per le prime elezioni, forse, libere
    In piazza Tahrir migliaia di giovani continuano la protesta contro il Consiglio supremo dei militari. Ieri il generale Tantawi ha accettato le dimissioni del governo Sharaf, ma non ha intenzione di abbandonare il potere. L’esperto egiziano André Azzam analizza la difficile situazione pre- elettorale in un Paese che non ha mai avuto vere elezioni. Lo spettro di una vittoria dei partiti islamici e le paure dei cristiani copti. Un morto ad Alessandria.

    11/12/2012 EGITTO
    Morsi prende il controllo della Banca centrale egiziana
    Il presidente avrà diritto di nominare il governatore e i vice-governatori senza consultare il governo. Nel frattempo, ignoti attaccano i manifestanti accampati in piazza Tahrir: nove feriti. Paura per le due manifestazioni in corso al Cairo.

    18/06/2013 EGITTO - ISLAM
    La "longa mano islamista" conquista l'Egitto, sospetto terrorista nominato governatore di Luxor
    Il presidente Morsi nomina 17 nuovi governatori provinciali. Sette militano nelle fila dei Fratelli Musulmani. Proteste a Luxor, Ismailia, Gharbiya e Menoufiya, città natale di Mubarak. Il movimento pro-democrazia "The Rebel" raccoglie 13 milioni di firme per delegittimare Morsi.



    In evidenza

    EGITTO-LIBANO
    Al Cairo, musulmani e cristiani si incontrano per Gerusalemme, ‘la causa delle cause’

    Fady Noun

    Si è tenuta il 16 e 17 gennaio all’istituto sunnita al-Azhar. Hanno preso parte molte personalità del Libano, fra cui il patriarca maronita Bechara Raï. I mondo arabo diviso fra “complice passività” e “discorsi rumorosi ma inefficaci”. Ex-premier libanese: coordinare le azioni per una maggiore efficienza al servizio di una “identità pluralistica di Gerusalemme” e della “libertà religiosa”. Card. Raï: serve preghiera congiunta, la solidarietà interreligiosa islamico-cristiana in tutto il mondo arabo e sostenere i palestinesi.


    CINA
    Yunnan: fino a 13 anni di prigione per i cristiani accusati di appartenere a una setta apocalittica



    Le setta in questione è quella dei Tre gradi del Servizio, un gruppo pseudo-protestante sotterraneo fondato nell’Henan e diffuso soprattutto nelle campagne. I condannati rivendicano di essere solo cristiani e di non sapere nulla della setta. Gli avvocati difensori minacciati della revoca della loro licenza.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®