22 Maggio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 19/05/2017, 09.08

    NEPAL

    Elezioni a Kathmandu: i partiti laici vincono contro gli estremismi

    Christopher Sharma

    Il partito pro-monarchia induista ha vinto in una sola unità locale. I nepalesi a maggioranza indù scelgono la pace e la convivenza con le altre religioni.

    Kathmandu (AsiaNews) – Nonostante la popolazione indù sia la maggioranza (81,3%), gli elettori nepalesi hanno preferito i partiti laici agli indù pro-monarchia. I risultati della prima fase delle elezioni locali, tenutisi lo scorso 14 maggio, impongono ai partiti politici del Nepal di abbandonare le prospettive estremiste e rispettare i valori democratici.

    I risultati definitivi devono essere ancora pubblicati, ma è già evidente che gli elettori hanno respinto i partiti indù favorevoli alla monarchia. A raccogliere la maggioranza dei voti sono stati i partiti laici come il Partito unificato marxista leninista (Uml), il Congresso nepalese e i Maoisti.

    Secondo un rapporto di questa mattina della commissione elettorale, Uml ha vinto in 93 unità locali ed è arrivato primo in 25; il Congresso nepalese ha vinto in 91 unità posizionandosi alla testa di 13; il Centro maoista ha vinto 42 unità, posizionandosi al primo posto in quattro. Il Partito Rastriya Prajantantra (Rpp), promotore di una restaurazione dell’induismo e della monarchia, ha vinto in una sola unità.

    Krishna Khanal, professore e analista politico, commenta: “Gli elettori del Nepal hanno capito che il Nepal si diversifica nelle fedi e che qualsiasi partito politico cerchi di politicizzare la fede non verrà sostenuto. Questo è un chiaro messaggio da parte del popolo che vuole vivere in pace e solidarietà rispettando la fede dell’altro”.

    “Il Nepal ha una popolazione a maggioranza indù che crede nella laicità e desidera che le persone e le società non vengano divise in nome della religione”, ha continuato Khanal, aggiungendo poi: “Rpp vuole ristabilire l’induismo e la monarchia, in passato le persone avevano votato per loro, ma quando si sono resi conto che questo programma avrebbe deteriorato la pace fra le comunità, si sono rifiutati di votarli ancora”.

    Ramala Dhital, che ha votato per i laici, afferma: “In democrazia, perché lo Stato dovrebbe avere una qualunque religione? Lo Stato deve essere libero da qualsiasi fede e l’equo rispetto per tutti i gruppi religiosi deve essere assicurato. Io sono indù e i cristiani non disturbano la mia fede. Le persone sono libere di scegliere la loro professione. Non c’è niente di sbagliato in tutto ciò”.

    “In passato – aggiunge – ho votato per Rpp, ma quando hanno preteso induismo e monarchia, ho cominciato a disprezzarli. Potrebbe essere lo stesso per altre persone che hanno spostato il loro voto ai partiti laici”.

    P.C. Lohani, in precedenza leader del Rpp, commenta che “gli elettori non si sono allontanati dall’induismo, ma rifiutano l’estremismo in nome della religione”.

    Subash Nemwang, ex-portavoce del parlamento e vicepresidente di Uml dichiara: “I giorni dei fondamentalisti indù o di qualsiasi altra religione sono finiti. Le giovani generazioni scelgono il cambiamento e la laicità”. Ed aggiunge: “Non posso pensare al nostro Paese senza libertà religiosa e diritti per le minoranze. Qualsiasi partito religioso verrà spinto all’angolo quando sostiene un progetto estremista. Nelle prossime elezioni più persone non li voteranno, e tutti i laici vinceranno”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    15/05/2017 08:53:00 NEPAL
    Elezioni locali a Kathmandu: prima fase un successo, pochi episodi di violenza

    Sono le prime elezioni da 20 anni, un primo passo verso la “laicità” promessa dalla Costituzione. Hanno partecipato il 73% degli elettori. A parte alcuni episodi, si sono svolte in modo pacifico e con entusiasmo.



    22/03/2017 13:21:00 NEPAL
    Elezioni locali: i cattolici nepalesi invitano ad una partecipazione pacifica

    Le prossime elezioni, le prime in 19 anni, hanno suscitato grandi aspettative e numerose tensioni. I partiti madhesi protestano: cambiare la Costituzione prima del voto. I partiti nepalesi pro monarchia indù, incoraggiati dalle vittorie in India, spingono per un Nepal induista e monarchico. Il governo difende la laicità del Paese.



    06/04/2010 NEPAL
    Minacce ed estremismo indù non fermano le conversioni al cattolicesimo
    In occasione dell’ottava di Pasqua, 24 catecumeni riceveranno il battesimo nella cattedrale dell’Assunzione di Kathmandu. La Chiesa era stata colpita il 23 maggio 2009 da un attacco degli estremisti indù del Nepal Defense Army. Ogni domenica sono circa 200 i non cattolici che assistono alla messa nella cattedrale.

    03/02/2007 NEPAL
    I maoisti negano le persecuzioni contro i madhesi
    Il loro leader, Prachanda scarica le responsabilità sugli estremisti indù. Secondo il leader dei rivoluzionari, gli indù stanno spingendo la popolazione a ribellarsi al nuovo governo per permettere al re di conservare la corona.

    10/03/2017 09:43:00 NEPAL
    Nepal, i partiti cristiani uniti alle elezioni locali: le prime dopo 19 anni

    Le elezioni amministrative si svolgeranno il 14 maggio. Le quattro formazioni politiche cristiane vogliono avere più peso nel Paese. La tornata elettorale è la prima dopo 19 anni. Due i nodi da sciogliere: chi guiderà la coalizione e il simbolo del partito.





    In evidenza

    VATICANO
    Papa: Il 24 maggio, uniti ai fedeli in Cina nella festa della Madonna di Sheshan



    Al Regina Caeli papa Francesco ricorda la Giornata mondiale di preghiera per la Chiesa in Cina, instaurata da Benedetto XVI. I fedeli cinesi devono dare il “personale contributo per la comunione tra i credenti e per l’armonia dell’intera società”. Il Simposio di AsiaNews sulla Chiesa in Cina.  Un appello di pace per la Repubblica Centrafricana. “Volersi bene sull’esempio del Signore”. “A volte i contrasti, l’orgoglio, le invidie, le divisioni lasciano il segno anche sul volto bello della Chiesa”. Fra i nuovi cinque cardinali, anche un vescovo del Laos.


    VATICANO-CINA
    24 maggio 2017: ‘Cina, la Croce è rossa’, il Simposio di AsiaNews

    Bernardo Cervellera

    Il raduno in occasione della Giornata Mondiale di preghiera per la Chiesa in Cina. Un titolo con molti significati: la Croce è rossa per il sangue dei martiri; per il tentativo di soffocare la fede nei controlli statali; per il contributo di speranza che il cristianesimo dà a una popolazione stanca di materialismo e consumismo e alla ricerca di nuovi criteri morali. A tema anche la grande e inaspettata rinascita religiosa nel Paese. Fra gli invitati: il card. Pietro Parolin, mons. Savio Hon, il sociologo delle religioni Richard Madsen, testimonianze di sacerdoti e laici cinesi.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®