09/04/2009, 00.00
INDONESIA
Invia ad un amico

Elezioni: favorito il partito del presidente Susilo

Il Paese rinnova il parlamento. Dal voto usciranno anche indicazioni decisive sui candidati per le presidenziali di luglio. L’apertura dei seggi preceduta da violenze a Jayapur, capitale della provincia di Papua: 6 morti e diversi feriti. Per i partiti di ispirazione islamica i sondaggi prevedono per ciascuno il 4% dei voti.
Jakarta (AsiaNews/Agenzie) - L’Indonesia al voto: i 171 milioni di elettori del Paese a stragrande maggioranza islamica hanno iniziato oggi a votare per il rinnovo del parlamento nazionale, e di quelli provinciali e distrettuali. Ma la tornata elettorale concorrerà a definire anche le presidenziali di luglio. Infatti, i partiti o le coalizioni che otterranno un quinto dei 560 seggi parlamentari o almeno il 25% dei voti potranno esprimere un candidato per la guida del Paese. Il Partito democratico (Pd) del presidente in carica, Susilo Bambang Yudhoyono, si attende dalle urne un buon risultato che permetterebbe all’ex generale di concorrere per un secondo mandato.
 
La chiusura dei seggi è prevista per il mezzogiorno di oggi (5 GMT), ma l’estensione del Paese, che copre tre diversi fusi orari, fa prevedere che le operazioni di voto si protrarranno oltre il previsto. A complicare le procedure anche la complessità del sistema elettorale. Gli indonesiani sono chiamati a indicare direttamente la preferenza per uno singolo candidato e non per un partito. Non sono mancate le accuse di voto di scambio e i sospetti di brogli dovuti alla lentezza con cui sono stati allestiti gli oltre 500mila seggi nelle diverse province dell’arcipelago.
 
La giornata elettorale è stata preceduta ieri da violenze. Nella città di Jayapur, capitale della provincia di Papua, un centinaio di persone, armati di lance e machete, hanno preso d’assalto il locale posto di polizia: 6 i morti e diversi i feriti. Le forze dell’ordine hanno ritrovato una decina di ordigni e arrestato una quindicina di persone. L’attacco è attribuito ai movimenti separatisti da tempo attivi nella provincia.
 
Alcuni analisti prevedono che il Pd raggiungerà il 26% dei voti, un risultato che permetterebbe a Susilo di candidarsi per il secondo mandato senza il bisogno di alleanze con altre formazioni. Secondo i sondaggi, l’Indonesian Democratic party,dell’ex-presidente Megawati Sukarnoputri, si attesterebbe al 14%, mentre Golkar, il partito da cui è nata la dittatura di Suharto, dovrebbe raggiungere il 13% . I quattro partiti di ispirazione islamica dovrebbero invece raccogliere ciascuno il 4% dei voti.
Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
È scontro tra il presidente Yudhoyono e la Commissione anti-corruzione
23/09/2009
In carcere il capo della Commissione anti-corruzione indagato per omicidio
05/05/2009
Jakarta, per la prima volta il presidente Yudhoyono critica gli islamisti
23/07/2013
Presidente indonesiano: ripulire "le nostre case" dalla corruzione
06/05/2005
Elezioni presidenziali: ex generali fra i più favoriti
03/07/2004