27 Febbraio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 19/09/2007, 00.00

    NEPAL

    Esplodono violenze “religiose” tra indù ed islamici

    Kalpit Parajuli

    L’assassinio di un leader islamico nel distretto di Kapilvastu (forse ad opera di maoisti) scatena una guerriglia urbana tra i due gruppi. Incendiate centinaia di abitazioni, con centinaia di feriti e molti morti. Ora la polizia “controlla” la situazione.

    Kathmandu (AsiaNews) – La polizia ha ripreso il controllo nel distretto di Kapilvastu (200 chilometri a ovest di Kathmandu) dopo giorni di guerriglia tra islamici e indù. Ma rimane il coprifuoco e ieri nei campi sono stati trovati altri 5 corpi, decapitati e mutilati, ritenuti di indù. Chi poteva è fuggito nei distretti vicini, nonostante i trasporti fossero interrotti, non sentendosi sicuro nemmeno in casa.

    Le violenze sono esplose il 16 settembre dopo l’assassinio di Mohit Khan, leader musulmano e politico ed ex presidente di un gruppo antimaoista. Sono sospettati i maoisti locali, suoi antichi avversari.

    Quando la notizia si è diffusa, una folla infuriata ha assalito e incendiato veicoli e più di 200 case di indù. Un automobilista indù è stato trucidato in strada e altri feriti. La folla ha incendiato oltre 20 uffici del governo e massacrato il funzionario di polizia Hasan Puri. Molti negozi sono stati saccheggiati.

    In risposta gli indù hanno iniziato hanno aggredito e percosso gli islamici. Due moschee sono state distrutte e altre case incendiate.

    Le proteste dei gruppi antagonisti sono proseguite nonostante il coprifuoco. Fonti locali dicono che ancora ieri dal vicino confine indiano sono entrati gruppi di islamici che hanno assaltato un tempio indù ma sono stati fermati dalla polizia.

    Narendra Dahal, capo della polizia locale, dice ieri ad AsiaNews che “ora la situazione è sotto controllo, ma ancora non siamo in grado di andare a vedere se ci sono altre vittime”, che si temono numerose. Si parla di almeno 150 feriti, molti gravi.

    Il governo ha condannato le violenze e anche l’Organizzazione islamica Ettehad a Kathmandu ha invitato tutti “all’armonia sociale e alla tolleranza religiosa”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    16/10/2007 NEPAL
    Islamici nepalesi pronti “a pagare qualsiasi prezzo” per i loro diritti
    Leader islamico racconta le discriminazioni subite nel Paese indù, che non riconosce i loro costumi e le leggi, né le feste religiose, e li discrimina nei posti pubblici. Ora intendono lottare per i loro diritti, ma lo annunciano anche gruppi fondamentalisti.

    11/04/2008 NEPAL
    Voto regolare in Nepal, nel primo seggio scrutinato sconfitti i maoisti
    Solo pochi incidenti in un pugno di seggi, ma con almeno 4 morti. Ci vorranno oltre 10 giorni per lo spoglio. Nel primo seggio assegnato, sconfitta dei maoisti.

    23/03/2007 NEPAL
    Maoisti contro poveri Madhesi: decine di morti e di feriti
    Per un banale pretesto, maoisti e Madhesi scatenano un conflitto al fuoco nel centro di una città. I Madhesi riuniscono i gruppi sociali meno affermati, da cui i maoisti hanno preso le distanze quando sono giunti al potere. Il dramma degli oltre 100 mila profughi bhutanesi in Nepal.

    02/01/2009 NEPAL
    Scontri tra monaci indù e polizia al tempio di Pashupati
    Il governo di Prachandra ha nominato due monaci nepalesi quali responsabili del luogo di culto. Dal 1904 le funzioni erano guidate da religiosi indiani oggi estromessi. L’esecutivo maoista si intromette negli affari religiosi per segnare l’inizio del nuovo corso del Paese.

    24/09/2007 NEPAL
    Minacce di morte per guru Swami, annullato lo “yoga collettivo”
    Oltre 30mila persone si erano iscritte per partecipare all’incontro, ritenuto troppo pericoloso. Sempre più tesa la situazione del Nepal, ritornato ad essere teatro di scontri fra i maoisti e l’esercito regolare.



    In evidenza

    LIBANO
    Trump, Marine Le Pen e il Medio oriente: il Libano contro muri e divisioni

    Fady Noun

    L’inizio della presidenza Trump ha segnato la “babelizzazione” della società americana. Ciascun Paese riversa il suo odio contro un nemico esterno. La crisi globale attuale ha radici religiose. Al cuore del caos vi è la minaccia jihadista. Laterza guerra mondiale non si vince con i droni, ma usando moderazione e promuovendo l’incontro e il confronto. 

     


    EGITTO – ISLAM
    Al Azhar sotto l’influenza dell’islamismo di Daesh

    Kamel Abderrahmani

    Le istituzioni religiose ufficiali e le università cosiddette islamiche sono la causa dell’immobilità del mondo musulmano. I programmi insegnati ad Al Azhar e la letteratura usata sono gli stessi che sono applicati sul terreno da tutti i terroristi armati. Nessun paragone possibile fra Al Azhar e il Vaticano. Il Vaticano ha ospitato musulmani irakeni e siriani che fuggivano la guerra. Al Azhar non ha fatto nulla per cristiani e Yazidi. La persecuzione verso Mohamed Nasr Abdellah, desideroso di modernizzare l’islam. Il commento di uno studente musulmano.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®