1 Febbraio 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 31/01/2007
CINA
Esproprio delle terre, prima causa di conflitti e scontri sociali
Secondo il vice direttore dell’Ufficio centrale per gli Affari finanziari ed economici, oltre il 50 % di tutte le proteste nella Cina rurale nasce dalla requisizione di terre ai contadini da parte dei dirigenti locali. Esclusa l’ipotesi privatizzazione.

Pechino (AsiaNews/Agenzie) – Il governo cinese ha ammesso che la requisizione di terre ai contadini da parte delle autorità locali è la prima causa di conflitti nella Cina rurale. Nonostante ciò, per i dirigenti comunisti “è fuori discussione” persino l’ipotesi di privatizzare i terreni agricoli.
 
I dati sono stati confermati ieri da Chen Xiwen, vice direttore dell’Ufficio centrale per gli Affari finanziari ed economici, che nel corso di una conferenza stampa ha ammesso: “Le dispute sul possesso dei terreni sono la causa di oltre il 50 % di tutte le proteste sociali”.
 
Il dirigente ha aggiunto che “il 30 % degli scontri può essere fatto risalire all’appropriazione indebita di fondi pubblici da parte di dirigenti comunisti, mentre il restante va attribuito all’inquinamento ambientale”.
 
Tuttavia, ha precisato, “il numero di proteste sociali è diminuito rispetto agli anni precedenti e la tensione fra contadini e dirigenti si è molto ammorbidita dopo che il governo ha eliminato le tasse sull’agricoltura ed ha ordinato lo stanziamento di sussidi diretti a chi lavora la terra”. In ogni caso, non ha voluto precisare il numero di incidenti avvenuti nel corso del 2006.
 
Liu Jinguo, vice ministro per la Sicurezza sociale, aveva già affrontato l’argomento all’inizio di gennaio, nel corso di una conferenza nazionale sull’ordine pubblico. Per il dirigente, nel 2006 gli scontri sociali sono diminuiti del 16,5 %, rispetto alle oltre 87mila proteste del 2005.
 
Nel corso del discorso, parlando dei problemi relativi alle requisizioni di terre, Liu ha precisato: “Per il momento, e per il prossimo futuro, non si può neanche parlare di privatizzazione delle terre. Questa posizione non nasce da una politica del Partito comunista, ma dalla Costituzione stessa, che non prevede alcun cambiamento nelle politiche dei territori”.

invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
23/03/2007 CINA
Protestano contro l'esproprio di terreni: un morto e 10 feriti gravi
07/02/2006 Cina
Cina, contadini difendono attivista per i diritti umani
19/12/2005 Cina
Cina, il governo difende il massacro di Dongzhou
13/12/2005 cina
Dongzhou, arrestati 9 "agitatori" della rivolta
12/12/2005 cina
Cina, il governo minimizza la strage di Dongzhou

In evidenza
IRAQ
I bambini di Mosul e il futuro: il campo profughi "a cinque stelle"
di Bernardo CervelleraNel giardino della parrocchia di Mar Elia accanto alle tende ci sono container che servono da aule per i ragazzi e da biblioteca. Un altro serve da stanza per il ricamo. Un coro di bambini. P. Douglas: "preoccuparsi dei profughi non significa solo pensare al mangiare, al bere, alle medicine, le iniezioni, le vaccinazioni... Le persone rifugiate hanno bisogno di fare qualcosa e di coltivare la speranza".
IRAQ
Via Crucis: i profughi di Mosul oltre l'emergenza
di Bernardo CervelleraSono almeno mezzo milione le persone che si sono rifugiate in Kurdistan per sfuggire all'ISIS. Nello Shlama Mall a Erbil: 350 persone vivono nello scheletro di un edificio in costruzione, con panni stesi e coperte a fare da pareti. L'ordinazione sacerdotale di un giovane, anch'egli profugo dimostra che con la fuga, c'è qualcosa che non è stato distrutto: la fede, le tradizioni, il sacerdozio.
IRAQ-VATICANO
Vescovo di Mosul: Gesù nasce fra i container dei rifugiati. Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul"
di Amel NonaI profughi perseguitati dallo Stato islamico hanno perso tutto: beni, casa, lavoro, scuole, futuro. Ma rimane forte la fede e la missione. Raccolti e inviati quasi 900mila euro. Il messaggio di vicinanza di papa Francesco. La campagna continua secondo la proposta del patriarca di Baghdad: digiuno e sobrietà a Natale e Capodanno, offrendo il corrispettivo per i cristiani di Mosul.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate