10/05/2013, 00.00
INDIA
Invia ad un amico

Estremista islamico: Via i missionari cristiani dal Kashmir, o se ne pentiranno

di Nirmala Carvalho
Un militante del gruppo armato United Jihad Council accusa i sacerdoti di convertire i poveri in cambio di soldi. Presidente del Global Council of Indian Christians (Gcic) denuncia la crescita dell’intolleranza religiosa nei confronti dei cristiani: due sudcoreani sono stati pestati e arrestati per aver distribuito Bibbie in strada.

Srinagar (AsiaNews) - "Tutti i missionari cristiani devono lasciare immediatamente la valle del Kashmir. Se non lo faranno, ne subiranno le conseguenze". A lanciare l'avvertimento è Syed Hussain Sadagat, portavoce del United Jihad Council, ombrello che raccoglie tutti i gruppi jihadisti del Jammu e Kashmir. Le parole del fondamentalista islamico, spiega ad AsiaNews Sajan George, presidente del Global Council of Indian Christians (Gcic), "testimoniano la gravità della situazione in cui vivono i cristiani nell'unico Stato indiano a maggioranza musulmana".

Negli ultimi giorni infatti, Sadagat ha diffuso un comunicato stampa nel quale accusa i missionari cristiani che vivono in Kashmir di "sfruttare i poveri e i bisognosi, offrendo loro aiuto economico per convertirli al cristianesimo". Secondo l'estremista islamico, questo atteggiamento è "altamente deprecabile", perché "l'islam è una religione di pace e armonia, che protegge le minoranze. Tuttavia - avverte -, le attività anti-islamiche non possono essere tollerate". Creato nel 1994, lo United Jihad Council e i suoi militanti armati si battono per l'indipendenza del Jammu e Kashmir dall'India.

Secondo il presidente del Gcic, esternazioni simili alimentano la discriminazione nei confronti della minoranza cristiana. Uno dei ultimi episodi di intolleranza religiosa è avvenuto il 6 maggio scorso a Lasjan, un villaggio vicino a Srinagar (capitale dello Stato). Due sudcoreani stavano distribuendo Bibbie e altro materiale cristiano ai passanti, che in modo libero accettavano se prenderlo. Un folto gruppo di persone è apparso, pestandoli con violenza. Nel frattempo, la polizia locale è accorsa, arrestando gli stranieri. I due ora sono in un luogo sicuro, dove ricevono cure mediche.

Quanto avvenuto, sottolinea Sajan George, "è una chiara discriminazione nei confronti della fede cristiana e dimostra i due pesi e le due misure con cui la nostra minoranza viene trattata". In India, nota, "è molto comune incontrare stranieri vestiti color zafferano [il colore tipico dell'induismo, ndr] che distribuiscono la Baghavad Gita [libro sacro degli indù, ndr] alle stazioni dei treni. Essi godono di piena libertà religiosa, come sancito dalla nostra Costituzione, e nessun poliziotto li arresterà mai".

Cristiani laici di altre nazionalità e missionari sono spesso nel mirino dei militanti islamici del Jammu e Kashmir. Lo scorso gennaio un gruppo di turisti stranieri ha rischiato il linciaggio dopo la pubblicazione di alcuni post su Facebook. Un caso esemplare risale al 2011, quando il rev. Chander Mani Khanna, pastore anglicano della All Saints Church, è stato arrestato per aver battezzato sette musulmani e poi incriminato da un tribunale islamico (che non ha alcuna autorità legale nello Stato, né in India, ndr) per proselitismo e conversioni forzate. 

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Missionario costretto a lasciare il Kashmir: “troppo buone” le sue scuole
12/07/2010
Kashmir, arrestato leader cristiano: “fomenta scontri interreligiosi”
30/03/2015
Jammu, polizia ordina l’espulsione dei rifugiati Rohingya
22/10/2012
L’Ayatollah Khamenei invoca sostegno per i musulmani del Kashmir indiano
20/11/2010
Jammu e Kashmir: i cattolici chiedono al governo sicurezza per le loro scuole
21/10/2009