07/05/2010, 00.00
NEPAL
Invia ad un amico

Estremisti indù attaccano i maoisti. Popolazione in protesta nella capitale

di Kalpit Parajuli
L’attacco ha provocato oltre 30 feriti tra le file dei maoisti. Essi scioperano dal 1° maggio per chiedere le dimissioni del primo ministro e la firma della costituzione. A Kathmandu più di 20mila persone si sono radunate per chiedere la fine della manifestazioni e la riapertura di scuole e negozi.

Kathmandu (AsiaNews) - Si alza la tensione in Nepal dopo sei giorni di sciopero organizzato dal partito maoista per chiedere le dimissioni del governo. Oggi nella città di Birjuni, al confine con l’India, un gruppo di estremisti indù ha attaccato i maoisti in sciopero ferendo oltre 30 persone; 10 sarebbero in gravi condizioni. Proteste anche in altre aree del Paese dove la popolazione ha assaltato le sedi del gruppo ex guerriglia. Intanto questa mattina  una folla di 20mila persone si è radunata per le strade di Kathmandu per chiedere la fine delle manifestazioni e la riapertura di scuole, negozi e fabbriche. Per evitare scontri la polizia ha imposto il coprifuoco in 10 distretti della capitale.

Dal 1° maggio centinaia di migliaia di maoisti bloccano il Nepal. Nella capitale la libera circolazione è consentita solo per 2 ore al giorno ed è ormai impossibile trovare cibo e il prezzo degli ortaggi è salito di quasi 5 volte.

Dina Nath Sharma, portavoce del partito maoista afferma: “La nostra protesta pacifica serve a proteggere i valori della democrazia, la repubblica il federalismo e la logica conclusione del processo di pace…Abbiamo deciso di non attaccare chi manifesta contro di noi, ma quando proveranno a vendicarsi contro una manifestazione pacifica compieremo azioni contro di loro”.   

La comunità internazionale ha inviato in questi giorni i propri delegati per monitorare la situazione, dopo il fallimento dei colloqui tra governo e il leader delle proteste.

“Se non si arriverà  al consenso entro oggi, il Paese rischia la guerra civile – afferma il britannico Andrew Hall, inviato dell’Unione Europea in Nepal – dobbiamo fare pressione sui partiti politici affinché stipulino un accordo immediato”.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Nuove tensioni tra ribelli maoisti e governo
26/10/2009
Indonesia, cinesi discriminati nei soccorsi per lo tsunami
05/01/2005
I maoisti nepalesi terminano lo sciopero
08/05/2010
Rischio guerra civile in Nepal, l’Onu invita il governo a risolvere la situazione
06/05/2010
Esercito in allerta; non si ferma la protesta dei maoisti
03/05/2010