02/01/2014, 00.00
PAKISTAN
Invia ad un amico

Faisalabad, cristiani e musulmani marciano per la pace e lo sviluppo economico del Paese

di Shafique Khokhar
Rafforzamento della politica estera, riforme strutturali e miglioramento dell’istruzione. Sono alcuni dei punti rilanciati dai partecipanti alla Marcia della solidarietà 2014, indetta dagli attivisti di Aman Ittehad. Migliaia di persone hanno sfilato in tutto il Pakistan, manifestando solidarietà alle vittime della violenza fondamentalista.

Faisalabad (AsiaNews) - Un rafforzamento della politica estera pakistana, finora "incoerente" e legata a un'epoca ormai "passata", che deve adeguarsi alle nuove e sempre più "dinamiche" potenze mondiali; una coesistenza pacifica fra Islamabad e i Paesi vicini, unita al miglioramento delle relazioni bilaterali fondate su rapporti commerciali che vanno perseguiti mediante un lavoro diplomatico "urgente e propositivo". Sono queste le richieste avanzate da migliaia di cittadini, che hanno marciato ieri in tutto il Pakistan per l'edizione 2014 della Marcia della solidarietà indetta dalla rete attivista Aman Ittehad (Uniti per la pace).

Attivisti e cittadini comuni hanno sfilato per le vie di Lahore, Karachi, Sialkot, Hyderabad, Peshawar, Abbottabad, Quetta, Mardan e altre ancora. A Faisalabad (nella foto) hanno marciato almeno 300 persone, fra cui avvocati, leader religiosi musulmani e cristiani, politici, educatori, giornalisti e studenti. Obiettivo comune, il rilancio di programmi di "pace e solidarietà" e la richiesta al governo di un rafforzamento della politica estera, in una nazione "per decenni" divenuta "surrogato" di potenze straniere.

Secondo le stime fornite dal Forum economico mondiale, il Pakistan si piazza al 133mo posto su 148 nazioni nel biennio 2013/14; un dato che evidenzia un "allarmante collasso" delle sue strutture economiche. Per questo sono necessarie riforme volte al miglioramento della competitività, un potenziamento del livello di istruzione e una crescita a livello infrastrutturale. Nel quadro complessivo della "sicurezza nazionale" si inseriscono infatti gli obiettivi di "crescita economica e stabilità".

I manifestanti hanno sfilato anche in segno di solidarietà alle vittime del terrorismo, un fenomeno in continua crescita nel Paese in particolare contro le minoranze religiose. Fra i molti episodi, nella memoria della comunità cristiana è ancora vivo l'attacco alla chiesa di Peshawar a settembre, che ha causato un centinaio di vittime. L'attivista per i diritti delle donne Amina Zaman auspica una riforma della giustizia, con un rafforzamento del sistema penale. L'ex parlamentare cristiano George Clement aggiunge che è "compito dello Stato" assicurare il rispetto della legge e del diritto. "Il governo deve prendere seri provvedimenti - aggiunge - contro quanti [...] fomentano l'estremismo mediante parole o azioni. Non dobbiamo permettere a nessuno di compiere azioni fuorvianti in nome della religione o dell'ideologia". 

 

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Rami, profugo a Erbil: "Non possiamo fuggire, il futuro dei cristiani è in Iraq"
09/01/2015
Faisalabad, cristiani e musulmani in piazza chiedono giustizia per la coppia “blasfema” bruciata viva
07/11/2014
Musulmani pakistani: solidarietà ai cristiani, vittime del rogo di Lahore
21/03/2013
Pakistan, gara di solidarietà per le vittime dello tsunami
11/01/2005
Bambini cristiani e musulmani pregano insieme per le vittime del terremoto
17/10/2005