10 Dicembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  •    - Brunei
  •    - Cambogia
  •    - Filippine
  •    - Indonesia
  •    - Laos
  •    - Malaysia
  •    - Myanmar
  •    - Singapore
  •    - Tailandia
  •    - Timor Est
  •    - Vietnam
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 09/01/2013, 00.00

    VIETNAM

    Fino a 13 anni di prigione per i cattolici attivisti di Nghe An

    Joseph Dang

    Tre di loro sono stati condannati a 13 anni di prigione ciascuno; gli altri a pene da 3 a 8 anni. Appello all'Onu contro la detenzione arbitraria. Accademico Usa: La situazione si deteriora per chi è impegnato nella politica non violenta e nell'attivismo sociale.

    Hanoi (AsiaNews) - Dopo due giorni di processo, oggi il Tribunale del popolo di Nghe An (nel Vietnam centrale) ha emesso la sentenza per i 14 cattolici  accusati di "sovversione" contro lo Stato. Il gruppo rischiava la pena di morte. Tre degli imputati - Hồ Đức Hòa, Đặng Xuân Diệu, Lê Văn Sơn - sono stati condannati a 13 anni di prigione ciascuno. Gli altri 11 hanno ricevuto condanne da 3 a 8 anni.

    Molti gruppi cattolici in Vietnam criticano la pesante sentenza che mira a colpire la libertà di espressione.

    Il gruppo dei 14 cattolici era accusato di far parte di un movimento detto Viet Tan, un gruppo non violento che sostiene la democrazia, che le autorità considerano "terrorista". Secondo testimoni del processo, gli imputati hanno spesso rivendicato che il loro impegno era solo un aiuto alla popolazione, diffondendo notizie e critiche sulla corruzione dei membri del partito e del governo e sul loro arricchirsi durante la crisi finanziaria.

    Alcuni membri della comunità cattolica affermano che tutto il processo - a cui i fedeli non hanno potuto partecipare in massa (v. foto) - è stato "immorale". Esso giunge al culmine di una campagna lanciata dal primo ministro Nguyen Tan Dung, per fermare la dissidenza e la diffusione di notizie da parte di blogger. Per colpire anche i cristiani, cattolici e protestanti,  egli avrebbe stabilito "la quota" di cristiani da arrestare. Molti degli arrestati sono stati presi dalla polizia, a caso, andando a visitare le chiese durante i servizi liturgici.

    Gli avvocati difensori dei 14 cattolici, hanno anche affermato che i loro clienti hanno subito torture e sono stati costretti ad auto-accusarsi.

    Fra i 14 , 11 di loro appartengono a un gruppo di 17 che ha inviato un appello al gruppo Onu contro la detenzione arbitraria.

    La settimana scorsa, Allan Weiner, professore di legge alla Stanford University (Usa), inviando un aggiornamento all'Onu sul loro caso, ha sottolineato che il governo di Hanoi "su basa sempre di più sulla detenzione per sopprimere i diritti umani universali". Il caso dei 17 - ha aggiunto - mostra che  per l'impegno politico non violento e l'attivismo sociale, la situazione in Vietnam si sta "deteriorando" sempre di più

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    08/01/2013 VIETNAM
    La polizia monopolizza il processo contro 14 cattolici attivisti. Nuovi arresti e torture
    Il processo doveva essere aperto, ma la sala era piena quasi solo di poliziotti. Gli accusati, insieme a tre protestanti, sono accusati di "sovversione" solo per aver denunciato le malefatte dei membri del Partito. Giustizia e pace condanna il processo-farsa. Il vescovo di Vinh e decine di intellettuali sostengono l'appello per il rispetto dei diritti umani in Vietnam. Il governo sta tradendo la costituzione vietnamita e la Convenzione Onu per i diritti civili e politici. Gli avvocati difensori denunciano torture, privazioni di sonno e false testimonianze.

    24/04/2013 VIETNAM
    La Corte suprema aggiorna il processo di appello degli attivisti cattolici
    La decisione in una lettera del 18 aprile scorso, che parla di generici motivi di “ordine familiare” che hanno impedito la presenza a membri della giuria. In realtà è una ritorsione del governo, contro le recenti denunce di violazioni ai diritti umani da parte dell’Unione europea e degli Stati Uniti. Al momento non vi sono date certe sulle udienze.

    11/10/2016 13:29:00 PAKISTAN
    Attivisti contro la pena di morte in Pakistan: 425 persone impiccate in meno di due anni (VIDEO)

    Ieri si è celebrata la Giornata mondiale contro la pena di morte. Più di 20 difensori dei diritti umani hanno manifestato in forma pacifica davanti al Lahore press club. Essi denunciano che le condizioni delle carceri è disastrosa e che i condannati vengono impiccati anche se hanno commesso il crimine quando erano minorenni.



    10/02/2010 CINA
    Pechino, la Corte Suprema chiede di limitare la pena di morte
    Il massimo grado di giudizio cinese è dal 2007 l’unico organismo a poter condannare a morte i criminali, su proposta dei tribunali minori. Oggi chiede “giustizia temperata dalla compassione” e invita e pronunciare meno sentenze capitali. In Cina, ogni anno, avviene il 90 % delle esecuzioni mondiali.

    28/03/2015 VIETNAM
    Vinh, governo contro cattolici: percosse e violenze per ottenere lo sgombero di una parrocchia
    La piccola e remota parrocchia di Dông Yên nel mirino delle autorità, che vogliono cacciare i fedeli per realizzare un mega impianto portuale. La maggioranza dei cattoici ha lasciato la zona, ma un gruppo di 150 persone lotta per restare. Nei giorni scorsi la polizia ha effettuato un raid, ferendo diversi parrocchiani. La solidarietà del vescovo di Vinh.



    In evidenza

    IRAQ
    Parroco di Amadiya: profughi cristiani di Mosul, fra l’emergenza aiuti e l’attesa del rientro

    P. Samir Youssef

    In una lettera p. Samir Youssef racconta la situazione dei rifugiati, da oltre due anni lontani dalle loro case. Si segue con attenzione l’offensiva, anche se case e chiese “sono in gran parte” bruciate o distrutte. Con l’arrivo dell’inverno servono cherosene, vestiti, cibo e denaro per pagare il trasporto degli studenti. Un appello per continuare a sostenere la campagna di AsiaNews.


    IRAQ
    “Adotta un cristiano di Mosul”: il dono di Natale per attraversare l’inverno

    Bernardo Cervellera

    Le nuove ondate di profughi, con l’avanzata dell’esercito verso la Piana di Ninive e Mosul rischiano di far dimenticare i rifugiati che da due anni hanno trovato ospitalità nel Kurdistan. C’è bisogno di cherosene, vestiti per l’inverno, aiuti per i bambini, soldi per gli affitti. La campagna lanciata da AsiaNews due anni fa è più urgente che mai. Rinunciare a un dono superfluo per offrire loro un dono essenziale per vivere.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®