21 Ottobre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 06/10/2015, 00.00

    ASIA – STATI UNITI

    Firmato il Trattato di libero scambio nel Pacifico, copre il 40% dell’economia mondiale



    Dopo cinque anni di negoziati, gli Stati Uniti trovano la quadra con altre 11 nazioni dell’area e danno il via all’accordo, che prevede l’abolizione delle barriere – anche tariffarie – e l’adeguamento degli standard commerciali. Obama: “Non possiamo permettere che le regole dell’economia mondiale siano fissate dalla Cina”. Pechino accoglie “con cautela” la notizia ma non entra nel circolo.

    Washington (AsiaNews/Agenzie) – Dopo cinque anni di negoziati, gli Stati Uniti hanno firmato ad Atlanta il Trattato di libero scambio nel Pacifico (Tpp,Trans-Pacific Partnership). L’accordo commerciale coinvolge un totale di 12 nazioni dell’area, che insieme coprono il 40% dell’economia mondiale. Definito “una normale evoluzione dei rapporti economici mondiali”, il patto è visto come un contro-bilanciamento alla presenza e all’influenza cinese nella regione dell’Asia-Pacifico.

    L’accordo sul Tpp prevede l’eliminazione delle barriere tariffarie e non-tariffarie e l’adeguamento degli standard commerciali in una vasta area dell’Asia-Pacifico. Il testo prevede che l’economia statunitense venga associata a quella di altri 11 Paesi: Australia, Brunei, Canada, Cile, Giappone, Malesia, Messico, Nuova Zelanda, Perù, Singapore e Vietnam. I partner si impegnano a cooperare anche sul fronte delle valute, una risposta alla svalutazione dello yuan ordinata da Pechino.

    Se dal punto di vista strategico si tratta di una vittoria per gli Stati Uniti, dal punto di vista economico è uno dei maggiori passi avanti per il Giappone. In questo modo, infatti, la produzione industriale nipponica avrà una “corsia privilegiata” nei confronti degli altri Stati membri.

    Il presidente americano Obama ha accolto la firma con gioia: “Ho passato ogni giorno della mia presidenza a combattere per far crescere la nostra economia e rafforzare la classe media. In un momento in cui il 95% dei nostri clienti vive fuori dai confini degli Stati Uniti, non possiamo far scrivere a Paesi come la Cina le regole dell'economia globale. Dobbiamo scrivere queste regole, aprendo nuovi mercati ai prodotti americani e allo stesso tempo fissare alti standard per proteggere i lavoratori e conservare il nostro mercato”.

    Il governo cinese ha risposto invece con cautela. Il ministero del Commercio ha pubblicato una nota in cui definisce il Tpp “un accordo chiave per la regione. La Cina spera che questo patto aiuti le economie delle nazioni coinvolte e contribuisca a far crescere investimenti e produzione”. Ma ha aggiunto: “Dobbiamo comunque ricordare che le regole per gli scambi internazionali vengono fissate dall’Organizzazione mondiale del commercio, non da Paesi che si accordano fra di loro”.

    Oltre che dalla Cina, il Trattato è stato contestato con durezza anche da diversi movimenti no-global che lo definiscono “l’omicidio dell’occupazione dei Paesi membri”. Il timore dei manifestanti è che, con l’abolizione delle barriere, si fomenti l’assunzione di operai sotto-pagati provenienti dalle nazioni meno sviluppate dell’area. 

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    10/10/2015 VIETNAM - ASIA - STATI UNITI
    Trattato di libero scambio nel Pacifico: luci e ombre per l’economia vietnamita
    Dagli effetti sulla crescita all’associazione sindacale, passando per settori chiave dell’economia locale sono molti i punti critici. Il Ttp dovrebbe favorire la nascita di sigle sindacali autonome, ma nel Paese restano scarse le conoscenze in tema di diritti dei lavoratori. Si profilano pesanti perdite nell’allevamento del bestiame.

    22/11/2004 ASIA - PACIFICO
    APEC: confronto aperto tra Cina e Stati Uniti
    I contrasti su mercato monetario, America latina, Nord Corea e Taiwan.


    18/02/2016 11:13:00 VIETNAM - STATI UNITI
    Vietnam e Stati Uniti sempre più vicini dopo il Summit Asean

    Per la prima volta Washington ha ospitato due giorni di colloqui con i 10 Paesi del sud-est asiatico. Sicurezza, sviluppo economico e la situazione del Mar Cinese i temi principali. Il Vietnam si propone come interlocutore di primo piano degli Stati Uniti, che sono diventati la prima meta del suo export. Gli scambi tra i due Paesi hanno raggiunto nel 2015 i 37 miliardi di dollari.



    17/11/2016 15:16:00 VIETNAM – USA – CINA
    Fra Usa e Cina, Hanoi sospende la ratifica del Tpp

    L’accordo era stato voluto da Obama e sottoscritto da 12 Paesi a ottobre 2015. Washington paga il clima di insicurezza causato dall’elezione di Trump. In campagna elettorale, il presidente eletto aveva definito il Tpp “un disastro” e aveva promesso di revocarlo.



    28/09/2016 08:06:00 GEORGIA – CINA
    Il libero commercio fra Georgia e Cina modificherà gli assetti dell’Asia centrale

    I due governi hanno firmato in tempi record un accordo che elimina di fatto dazi e tariffe doganali sull’import-export e si preparano, sempre in brevissimo tempo, a metterlo in pratica. Grandi vantaggi per il piccolo mercato delle esportazioni georgiane, in modo particolare per i vinicoltori, e pochi rischi di “invasione” da parte delle merci cinesi. Pechino punta infatti a ottenere il sostegno della Georgia per evitare la Russia nelle rotte della Nuova Via della Seta. Per gentile concessione della Jamestown Foundation.





    In evidenza

    MYANMAR
    Non solo Rohingya: la persecuzione delle minoranze cristiane in Myanmar



    La sofferenza di Kachin, Chin e Naga. La discriminazione su basi religiose è in certi casi addirittura istituzionalizzata. I cristiani sono visti come espressione di una fede straniera ed in contrasto con la visione nazionalista. Per anni il regime militare ha introdotto feroci misure discriminatorie.


    VATICANO - ASIA
    Il mondo ha urgenza della missione della Chiesa

    Bernardo Cervellera

    Ottobre è un mese consacrato al risveglio della missione fra i cristiani. Nel mondo c’è indifferenza o inimicizia verso Dio e la Chiesa. Le religioni sono considerate la fonte di tutte le guerre. Il cristianesimo è l’incontro con una Persona, che cambia la vita del fedele e lo mette al servizio delle ferite del mondo, lacerato da frustrazioni e guerre fratricide. L’esempio del patriarca di Baghdad e del presidente della Corea del Sud.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®