22 Gennaio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 03/01/2018, 08.49

    ISRAELE - PALESTINA - USA

    Gerusalemme capitale: Trump minaccia di tagliare fondi ai palestinesi, contrari alla decisione



    Il presidente Usa adotta la politica del ricatto contro i palestinesi. Egli afferma di versare “centinaia di milioni di dollari” senza ottenere “apprezzamento o rispetto”. Replica dell’Olp: “Non cederemo ai ricatti”. La Knesset vota una legge che prevede la separazione dei quartieri palestinesi e vieta future rinunce territoriali in un’ottica di pace. 

     

    Gerusalemme (AsiaNews/Agenzie) - Il presidente Usa Donald Trump minaccia di tagliare gli aiuti ai palestinesi, i quali di recente hanno attaccato con forza la Casa Bianca e proposto di escludere gli Stati Uniti da ogni ruolo nel processo di pace in Medio oriente. La rivolta della leadership palestinese è peraltro conseguenza della [controversa e unilaterale] decisione dello stesso Trump di riconoscere Gerusalemme capitale di Israele e trasferire l’ambasciata Usa.

    Una scelta che aveva sollevato proteste e indignazione - con morti e feriti -, preoccupato lo stesso papa Francesco e i leader cristiani della regione e determinato risoluzioni e voti contrari alle Nazioni Unite. 

    Come già avvenuto a più riprese in queste settimane, la Casa Bianca sembra adottare la politica del ricatto finanziario e lancia - attraverso twitter - le linee guida della propria politica estera. Questa volta a finire nel mirino del presidente i palestinesi, che a suo avviso “non sono più disposti a parlare di pace” nella regione contesa. 

    Il leader Usa ricorda che “paghiamo loro [palestinesi, ndr] centinaia di milioni di dollari all’anno e non otteniamo alcun apprezzamento o rispetto”. Egli accusa i vertici di Ramallah di non voler “negoziare un trattato di pace con Israele, necessario da tanto tempo”. Dunque, conclude il presidente, “perché dovremmo proseguire in futuro con uno qualsiasi di quei pagamenti massicci?”. 

    Immediata la replica dei vertici dell’Organizzazione per la liberazione della Palestina (Olp). In una nota sottoscritta dall’alto funzionario Hanan Ashrawi si conferma che “non cederemo ai ricatti […] Ora [il presidente Trump] osa accusare i palestinesi, per le conseguenze delle sue azioni irresponsabili”. Egli, aggiunge la leader palestinese, ha “sabotato la nostra ricerca di pace, libertà e giustizia”. 

    La strategia del ricatto finanziario verso i palestinesi era stata anticipata qualche ora prima dall’ambasciatrice Usa alle Nazioni Unite Nikki Haley. La responsabile della diplomazia americana all’Onu aveva infatti affermato che Washington è pronta a chiudere i finanziamenti elargiti sinora all’agenzia che fornisce aiuti umanitari ai rifugiati palestinesi, organismo del quale gli Stati Uniti sono i principali donatori. Solo nel 2016 gli Usa avevano stanziato una cifra pari a 370 milioni di dollari. 

    Intanto, ieri la Knesset (il Parlamento israeliano) ha approvato il disegno di legge definito “Gerusalemme unificata”, che prevede la separazione dei quartieri palestinesi dalla città santa e vieta di rinunciare a qualsiasi parte della città. Per il futuro, ogni decisione relativa a Gerusalemme richiederà il consenso di 80 parlamentari, anche se si dovesse trattare dell’accordo di pace. Una mozione passata con 64 voti favorevoli e 51 contrari, un solo astenuto. 

    Dietro il progetto di legge voluto con forza dai ministri Naftali Bennett e Ze’ev Elkin, l’obiettivo di isolare i quartieri palestinesi da Gerusalemme e istituire un nuovo consiglio locale israeliano. Essa renderà ancor più difficile, in futuro, il passaggio all’Autorità palestinese della sovranità su alcune aree contese.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    20/12/2017 08:53:00 ONU - ISRAELE - PALESTINA
    Gerusalemme capitale: l’Assemblea generale Onu al voto contro Trump. Minacce Usa

    Domani i 193 Paesi membri voteranno una mozione presentata da Turchia e Yemen a nome dell’Oic. Essa ricalca il documento presentato al Consiglio di sicurezza e che ha segnato l’isolamento internazionale di Washington. Ambasciatrice Usa: “Prenderemo i nomi” per probabili ritorsioni economiche.

     



    19/12/2017 08:55:00 ONU - ISRAELE - PALESTINA
    Gli Stati Uniti bloccano la risoluzione Onu contro Gerusalemme capitale. Israele ringrazia

    Critiche nel mondo arabo per la scelta dell’ambasciatrice americana di opporre il veto. La mozione approvata con 14 voti favorevoli su 15, a conferma dell’isolamento Usa. Soddisfazione del premier israeliano Netanyahu. L’Olp non riconosce più gli Stati Uniti come interlocutore del processo di pace. 

     



    14/12/2017 08:58:00 TURCHIA- ISRAELE - PALESTINA
    I Paesi islamici contro Trump: Gerusalemme est capitale della Palestina

    I leader Oic definiscono “nulla e priva di validità” la dichiarazione della Casa Bianca che riconosce Gerusalemme capitale di Israele. Un “attacco” ai diritti del popolo palestinese che mina gli sforzi di pace. Allo studio una risoluzione del Consiglio di sicurezza Onu per mostrare l’isolamento internazionale di Washington. 

     



    13/12/2017 08:55:00 TURCHIA - ISRAELE - PALESTINA
    Gerusalemme capitale, Erdogan guida la rivolta islamica contro Israele

    Oggi a Istanbul è in programma un vertice straordinario Oic, su richiesta della Turchia presidente di turno. L’obiettivo di Ankara è promuovere un fronte comune in risposta alla controversa decisione degli Stati Uniti. Il leader turco si pone quale nuovo “difensore della causa palestinese”. Ma all’interno dell’organizzazione restano divisioni e contrasti. 

     



    11/12/2017 12:18:00 MEDIO ORIENTE - USA
    Gerusalemme capitale, cristiani in Medio oriente contro Trump: distrugge le speranze di pace

    Il patriarcato caldeo critica una scelta che “complica” la situazione e alimenta “conflitti e guerre”. Il card. Raï parla di “decisione distruttiva” che viola le risoluzioni internazionali. Il papa copto Tawadros II cancella l’incontro col vice-presidente Usa Pence. Continua la protesta “rassegnata” dei palestinesi. Attivisti israeliani: gli Usa hanno abdicato al ruolo di mediatori nella regione. 

     





    In evidenza

    EGITTO-LIBANO
    Al Cairo, musulmani e cristiani si incontrano per Gerusalemme, ‘la causa delle cause’

    Fady Noun

    Si è tenuta il 16 e 17 gennaio all’istituto sunnita al-Azhar. Hanno preso parte molte personalità del Libano, fra cui il patriarca maronita Bechara Raï. I mondo arabo diviso fra “complice passività” e “discorsi rumorosi ma inefficaci”. Ex-premier libanese: coordinare le azioni per una maggiore efficienza al servizio di una “identità pluralistica di Gerusalemme” e della “libertà religiosa”. Card. Raï: serve preghiera congiunta, la solidarietà interreligiosa islamico-cristiana in tutto il mondo arabo e sostenere i palestinesi.


    CINA
    Yunnan: fino a 13 anni di prigione per i cristiani accusati di appartenere a una setta apocalittica



    Le setta in questione è quella dei Tre gradi del Servizio, un gruppo pseudo-protestante sotterraneo fondato nell’Henan e diffuso soprattutto nelle campagne. I condannati rivendicano di essere solo cristiani e di non sapere nulla della setta. Gli avvocati difensori minacciati della revoca della loro licenza.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®