22 Agosto 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 24/03/2005, 00.00

    ISRAELE – PALESTINA – TERRA SANTA

    Gerusalemme: la Croce distrugge i muri della paura

    Bernardo Cervellera

    Conversazione con p. Pierbattista Pizzaballa, ofm, Custode di Terra Santa.

    Gerusalemme (AsiaNews) – Gerusalemme, il luogo della Croce, è la città dove si assapora la vicinanza di Dio, ma anche l'abisso della violenza, delle pretese dell'uomo. Segnata dall'amore, la città è anche segnata da muri e divisioni, dalla paura fra israeliani e palestinesi, fra ebrei, musulmani e cristiani. La città santa è un luogo dove segni di morte convivono a fianco di segni di risurrezione. P. Pierbattista Pizzaballa, 40 anni, francescano Custode di Terra Santa, ha accettato di conversare con AsiaNews sulla missione della minoranza cristiana nei luoghi di Gesù e sul bisogno che essa ha di essere sostenuta da tutte le chiese del mondo.

    Come si vive la Settimana Santa in questa terra dove Gesù è morto e risorto?

    Per la prima volta dopo tanto tempo, quest'anno Gerusalemme è piena di pellegrini. Fra le strade piene di fedeli da tutto il mondo, c'è un clima di festa e di preghiera, che si era smarrito a causa della Seconda Intifada e delle violenze israeliane.  Le celebrazioni pasquali qui a Gerusalemme hanno sempre un clima speciale di religiosità e di attenzione. C'è anche un accavallarsi di riti e cerimonie che si richiamano fra di loro: la Pasqua ebraica, la Pasqua cattolica, la Pasqua ortodossa. Quest'anno le date sono distanti fra di loro, ma di solito vi è un intreccio di riti ebraici, orientali, latini.

    Pasqua a Gerusalemme è  un avvenimento del passato o ha significato per l'oggi?

    C'è differenza fra chi è cristiano e chi non lo è. Il Venerdì santo noi lo viviamo con profonda partecipazione, emozione, con solidarietà alle sofferenze di Cristo, al dolore e le ingiustizie nel mondo. Poi fai 10 passi e ti trovi fuori in una società che non sa, che continua la sua vita. Per noi è un tempo eccezionale, per loro banale vita quotidiana. Non è una critica a musulmani o agli ebrei: solo ci rendiamo conto che questo evento così centrale e fondante per noi, lascia altri totalmente indifferenti. In Europa – anche se in modo scontato - questi giorni sono segnati dalla festa; qui ci è chiesta un'attitudine diversa. Capisci che questo Cristo che muore in croce, che è fonte della mia salvezza, è fonte di salvezza per loro, anche se non lo sanno. Questo mi spinge ad essere più fedele e innamorato, testimone di un fatto avvenuto proprio qui, pur rispettando la loro fede e la loro storia. È come portare una piccola croce: noi doniamo la presenza di Gesù nella nostra passione interiore.

    Per tutti i cristiani Gerusalemme è il punto di inizio della fede. Eppure Gerusalemme è anche un abisso amaro per l'umanità: una guerra fra israeliani e palestinesi che dura da 100 anni; difficoltà di collaborazione fra cattolici e orientali… È forse una beffa? Un'ironia?

    Assolutamente no: Gerusalemme è il luogo dove Dio e l'uomo si sono incontrati. La bellezza di questa città sta nella meraviglia di quest'incontro. Essa è anche il luogo dove si assapora la distanza, l'abisso fra il disegno di Dio e la pretesa dell'uomo. Sembra una contraddizione, invece le due cose vanno insieme. A Gerusalemme non ci sarebbe una simile concentrazione di dolore, se non ci fosse stato il Cristo. Del resto, Cristo ha assunto tutto il dolore del mondo, e qui si vede proprio tutto il dolore del mondo.

    Quali segni di morte e di risurrezione si percepiscono a Gerusalemme?

    Vi sono ingiustizie, dolori, sofferenze che troviamo raccolte nella croce di Gesù. Ma tutte nascono da un dolore più a monte: la paura. Questo vale per israeliani e palestinesi, per ebrei, musulmani, cristiani. Noi cristiani ad esempio, parliamo tanto di riconciliazione, ma poi non siamo credibili.

    Questa paura ad accoglierci, ad aver fiducia l'uno dell'altro, porta a conseguenze che sono sotto gli occhi di tutti. Gesù muore in croce in queste paure. Ma proprio lui, per dirla con san Paolo, è venuto a distruggere il muro di inimicizia (cfr Efes.  2, 14). La costruzione israeliana del Muro, è una grande ingiustizia: essa impedisce a tante persone di andare al lavoro, o a scuola. Nei palestinesi vi è  un'ingiustizia di base, che è il non accogliere fino in fondo l'esistenza degli israeliani e il loro diritto a vivere in pace e nella sicurezza.

    Quanto ai segni di risurrezione, essi sono piccoli e non fanno rumore. E sono frutto della conversione del cuore, che per amore di Gesù, trasforma l'odio in amore. Un'insegnante di Betlemme, che lavora a Gerusalemme, mi ha detto che per molto tempo è stata sempre umiliata ai check point. Ad un certo punto ha deciso di non tenere più gli occhi bassi e odiare i soldati, ma di guardarli negli occhi, come suoi simili. E questo l'ha liberata.

    In mezzo alle violenze vi sono tanti movimenti laici e religiosi, di israeliani e palestinesi che, nonostante le barriere, vogliono continuare a incontrarsi. Vi sono poi tantissime persone che lavorano per i poveri, per i diritti umani, e pagano di persona per il loro impegno.

    Un altro segno di resurrezione sono i catecumeni. A Pasqua verranno battezzati due israeliani. delle mie vecchie comunità di lingua ebraica; saranno battezzati anche dei palestinesi, e poi molti thailandesi, srilankesi, filippini che sono qui a lavorare come badanti, muratori, domestici. A Gerusalemme la Chiesa è davvero la casa di tutti i popoli.

    Il Venerdì santo nelle chiese di tutto il mondo vi è sempre una colletta per la Terra Santa…A che serve questa raccolta?

    La prima colletta per Gerusalemme è stata voluta da san Paolo. Siamo perciò nella pura tradizione apostolica. La colletta è importante: essa esprime il fatto che Gerusalemme appartiene a tutti i cristiani del mondo. Qui in Terra Santa noi cristiani siamo una minoranza; da soli non riusciamo a sussistere. Per questo la Chiesa universale si sente in dovere di sostenerci. A cosa servono questi soldi? Certo a tenere in piedi e restaurare le strutture: chiese, scuole, imprese. Ma più del 60% vanno a progetti di sostegno per la popolazione cristiana. È stata la Congregazione vaticana per le Chiese orientali a dare quest'indicazione: usare la colletta per sostenere anzitutto le persone, poi le strutture.

    Un consiglio  ai cristiani che vogliono venire a Gerusalemme…

    Grazie a Dio i pellegrinaggi stanno tornando. Il mio appello è che tutti vengano in Terra Santa perché è sicuro, e non vi sono pericoli. Venire in terra Santa è un modo per sostenere i cristiani locali, ma anche un modo per tornare alle radici della propria fede e andare al cuore del mistero che dà la vita al mondo.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    29/03/2010 ISRAELE - PALESTINA
    Settimana Santa a Gerusalemme, difficoltà per i cristiani palestinesi
    Il governo ha chiuso le frontiere con la Cisgiordania. Proibita l’entrata alla Spianata delle Moschee ai giovani. I cristiani possono entrare nella città solo con permesso. Difficile la loro venuta da Gaza. Mons. Twal: Gesù è entrato in Gerusalemme senza scorta, senza soldati e senza muri di separazione. La preoccupazione del papa.

    23/03/2005 TERRA SANTA – ISRAELE – PALESTINA
    Patriarca di Gerusalemme: la gioia del Risorto tra le prove del Medio Oriente


    24/06/2016 12:48:00 ISRAELE-PALESTINA-TERRA SANTA
    P. Pierbattista Pizzaballa amministratore apostolico del Patriarcato latino di Gerusalemme

    Nello stesso giorno, la Santa Sede accetta le dimissioni di Fouad Twal, patriarca dei latini, e nomina l’ex custode di Terra Santa come amministratore apostolico del patriarcato. Rispondere alle nuove sfide, affrontando i cambiamenti geopolitici e socio-religiosi che avvengono in Medio oriente.



    03/04/2005 ISRAELE – PALESTINA – TERRA SANTA
    Mons. Sabbah: Papa sempre vicino alle sofferenze dei popoli di Terra Santa


    27/07/2017 11:20:00 TERRA SANTA
    Gerusalemme, una conferenza interreligiosa per la pace e il perdono

    Hanno partecipato all’evento rappresentanti di tutte e tre le religioni monoteistiche di Terra Santa. In un mondo dove ferire l’altro è un “passatempo”, serve intraprendere un cammino per un futuro non segnato dall’odio. Chi serba rancore ne è la prima vittima. Fondamentale, educare i bambini destinati a portare questi valori nel futuro. Per il Cardinal Tagle bisogna seguire l’esempio di Cristo sulla croce nella testimonianza del perdono.





    In evidenza

    RUSSIA-VATICANO
    Il card. Parolin a Mosca: l’Ostpolitik che vince le diffidenze

    Vladimir Rozanskij

    A tema un incontro fra papa Francesco e il patriarca Kirill, non a Mosca, ma in qualche luogo santo dell’Oriente cristiano, o a Bari. Una conferenza internazionale sul futuro di Ucraina e Crimea. L’impegno per i cristiani e la pace in Medio oriente.


    LIBANO-M. ORIENTE-VATICANO
    Patriarchi cattolici d’Oriente: Il genocidio dei cristiani, un affronto contro tutta l’umanità

    Fady Noun

    Colpite da guerre, emigrazione e insicurezza, le comunità cristiane si sono ridotte ormai a un “piccolo gregge” nell’indifferenza internazionale. Un appello a papa Francesco e alla comunità internazionale. Cattolici e ortodossi condividono gli stessi problemi. La fine dei cristiani in Oriente sarebbe “uno stigma di vergogna per tutto il XXI secolo”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®