5 Agosto 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato

invia ad un amico visualizza per la stampa


» 17/10/2011
PAKISTAN–VATICANO–ASSISI 2011
Giovane ulema pakistano ad Assisi, per promuovere il dialogo interreligioso
“Allama” Zubair Abid, presidente del Pakistan Ulama Mashaikh Coucil, si unirà a papa Benedetto XVI nel cammino di pace. Egli leggerà un breve testo “in lingua araba”, in rappresentanza di tutto il mondo musulmano. Sacerdote pakistano: la sua partecipazione sia di aiuto per “stemperare le tensioni” che emergono nel Paese.

Lahore (AsiaNews) – Fra i partecipanti al pellegrinaggio della pace 2011 – in programma il 27 ottobre ad Assisi – vi sarà anche un giovane imam pakistano, proveniente da Lahore. “Allama” Zubair Abid, presidente del Pakistan Ulama Mashaikh Coucil, si unirà a papa Benedetto XVI e un centinaio circa di partecipanti, nel cammino “per la pace e la verità” lanciato nel 1986 da Giovanni Paolo II e giunto al 25mo anno. Il giovane musulmano – considerato un esperto, nonostante l’età, di legge islamica – parteciperà per la prima volta all’incontro interreligioso e leggerà un messaggio “in lingua araba”.

AsiaNews ha interpellato il sacerdote domenicano p. James Channan, direttore del Peace Center a Lahore, che nei giorni scorsi ha incontrato Zubair Abid e ha discusso di alcuni particolari legati al viaggio in Italia, per partecipare al pellegrinaggio di pace. P. Channan, fra l’altro, è stato insignito del Golden Rule Award 2011, un premio indetto dalla Rete finlandese per il dialogo interreligioso; egli ha ricevuto il riconoscimento il 21 settembre scorso, in occasione della Giornata internazionale delle Nazioni Unite per la pace.

Il sacerdote pakistano racconta che “[Allama Zubair Abid] è entusiasta all’idea di partecipare alla conferenza internazionale di Assisi” ed è uno dei 10 leader religiosi al mondo presenti, che ha deciso di leggere un breve messaggio “in lingua araba, per rappresentare la comunità musulmana”. Il giovane imam di Lahore ha preso parte a un paio di eventi organizzati dai vescovi cattolici, incentrati sul tema del dialogo interreligioso e ha invitato alcuni leader cristiani ad incontri in moschea. “Ad oggi – spiega p. Channah – Zubair Abid ha organizzato tre dialoghi islamo-cristiani nella sua residenza”.

P. Channan è sicuro che il giovane ulema pakistano “renderà tutti gli onori a papa Benedetto XVI” ed è “entusiasta per questa opportunità unica e straordinaria”. Egli si augura che questa vetrina di Assisi possa aiutare Zubair Abid a “promuovere il dialogo islamo-cristiano in Pakistan” e che questa esperienza possa arricchilo. “Mi auguro che sarà di un qualche aiuto – aggiunge – nel lavoro volto a stemperare le tensioni che emergono, di tanto in tanto, nel Paese”. Nessun accenno, invece, alle leggi sulla blasfemia, di cui non si è fatto cenno durante il faccia a faccia fra il sacerdote cattolico e il leader islamico: “è una legge controversa – conclude p. Channan – e non era il caso di parlarne al nostro primo incontro”.

Il 27 ottobre Benedetto XVI guiderà numerosi esponenti e leader religiosi, oltre ad alcune persone non dichiaratamente religiose ad Assisi in un evento intitolato “Pellegrini della verità, pellegrini della pace”. Sarà una commemorazione dell’ormai storico incontro per la pace celebrato il 27 ottobre 1986 su iniziativa di Giovanni Paolo II. Il card. Peter Turkson, presidente del pontificio Consiglio Giustizia e Pace, uno degli organizzatori della giornata, ha messo in rilievo che “l’enfasi questa volta sarà sul pellegrinaggio e non sulla preghiera”. Al momento non è chiaro se la preghiera è “esclusa del tutto” oppure sarà “minima”. I dettagli della giornata saranno illustrati domani 18 ottobre in una conferenza stampa in Vaticano. (NC)

invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
14/10/2011 VATICANO-ASSISI 2011
Assisi 2011: pellegrinaggio, non preghiera, di tutte le religioni e di non credenti
11/10/2011 VIETNAM-VATICANO-ASSISI 2011
Nel mese del Rosario, i cattolici pregano per la pace in Vietnam e nel mondo
di J.B. Vu
25/10/2011 INDIA-ASSISI 2011
Mons. Machado: Assisi sia un raggio di luce fra le tenebre della violenza
di Nirmala Carvalho
27/10/2011 VATICANO
Il Papa parte in treno dalla stazione vaticana per Assisi 2011
26/10/2011 VATICANO – ASSISI 2011
Papa: la pace non si costruisce con la spada, ma essendo pronti a soffrire rifiuto e persecuzioni

In evidenza
CINA
Wenzhou, anche la Chiesa non ufficiale contro le demolizioni. La diocesi in digiuno
di Joseph YuanDopo la marcia del 90enne vescovo ufficiale mons. Vincent Zhu Weifang, il coadiutore mons. Peter Shao Zhumin e tutto il clero non ufficiale pubblicano una lettera aperta in cui chiedono di fermare la campagna di demolizione delle croci. Un appello ai cattolici “della Cina e del mondo intero” affinché si uniscano alla protesta, a sostegno della Chiesa cinese. Persino un vescovo illecito manifesta solidarietà con il clero del Zhejiang, contro gli atti del governo.
CINA
Wenzhou: Vescovo 90enne e 26 preti manifestano contro la demolizione delle croci
di Joseph YuanNon è la prima volta che l'anziano vescovo e i suoi sacerdoti si esprimono contro la campagna di demolizione di croci e chiese, che ha colpito oltre 400 edifici. La polizia ha cercato di disperderli e il gruppo ha presentato una petizione. La coroncina della Divina Misericordia a sostegno della Chiesa cinese. Entro il 31 agosto verranno abbattute le croci delle chiese nella zona di Lishui.
ISRAELE-IRAN
Dopo l’accordo sul nucleare, Israele dovrebbe diventare il miglior alleato dell’Iran
di Uri AvneryE’ la tesi del grande statista e pacifista Uri Avnery, leader del gruppo Gush Shalom, sostenitore della pace fra israeliani e palestinesi. Secondo Avnery, l’Iran desidera solo essere una potenza regionale e del mondo islamico, capace di commerciare con tutti, grazie alla sua raffinata e millenaria esperienza. Di fronte, rivolti al passato, vi sono le monarchie e gli emirati del Golfo. L’Iran può essere un ottimo alleato contro Daesh. Gli abbagli di Netanyahu e dei politici e media israeliani. (Traduzione dall’inglese di AsiaNews).

Dossier


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate