21 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 28/08/2017, 15.24

    BANGLADESH

    Giustizia e pace: Accogliere i Rohingya in Bangladesh per ragioni umanitarie

    Sumon Corraya

    A migliaia cercano di attraversare il confine, anche di notte in cerca di salvezza. Quelli che vengono catturati sono rimandati in Myanmar. Imam di Dhaka: “sono nostri fratelli e sorelle”.

    Dhaka (AsiaNews) – “I rifugiati dovrebbero poter entrare in Bangladesh per ragioni umanitarie. Hanno il diritto a salvarsi la vita”, con queste parole Theophil Nokrek, segretario della Commissione episcopale Giustizia e Pace, risponde a quanto sta accadendo ai Rohingya in Myanmar, cacciati dal Paese verso il Bangladesh, che a sua volta li respinge indietro al confine. Per Norker, il “Governo dovrebbe essere flessibile verso i rifugiati Rohingya per salvere le loro vite”.

    Ogni giorno, centinaia di Rohingya cercano di entrare in Bangladesh, nelle località meridionali di Cox’s Baazar e di Bandarban, e di sfuggire al conflitto con l’esercito del Myanmar. Sono più di 100 i membri della minoranza islamica di origine bengalese uccisi di recente. Nonostante la guardia di frontiera bangladeshi (Bgb) fermi i profughi al confine, i Rohingya cercano di entrare di notte, non visti.

    Mostak Ahmad, 70 anni, è un Rohingya che ora si trova in una “terra di nessuno” a Bandarban, dove la sua vita è in costante rischio. “Il mio unico figlio è stato catturato dall’esercito del Myanmar. Sono certo che non tornerà vivo. Siamo scappati qui per salvare la nostra vita. Chiediamo rifugio al Bangladesh”.

    Rohina Akter, anche lei Rohingya, racconta: “Mio marito è innocente, ma i soldati birmani lo hanno catturato. È stato torturato davanti ai miei occhi, sono scappata per salvarmi e salvare la vita dei miei bambini”.

    Come loro due, altri Rohingya sono scappati dal Myanmar per cercare salvezza e rifugio in Bangladesh. Tuttavia, molti di loro vengono catturati dalla polizia di frontiera, che fornisce loro cibo e cure mediche prima di rimandarli indietro.

    Nessun cristiano o Ong al momento sta lavorando per i profughi Rohingya al confine.

    Molti musulmani nel Paese vorrebbero accogliere i rifugiati. L’imam di una moschea a Dhaka, Md Motin Miha, afferma: “I Rohingya sono nostri fratelli e sorelle. Sono musulmani. Non dovremmo tirarci indietro, dovremmo salvarli”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    25/08/2017 13:03:00 MYANMAR
    Kofi Annan presenta il Rapporto sui Rohingya. L’esercito: ‘Difetti e carenze’

    La “Rakhine State Advisory Commission” condotta da Kofi Annan chiede progresso sociale, cittadinanza, sicurezza e chiusura dei campi profughi i punti principali. I gruppi per i diritti umani accolgono il documento con favore. Aung San Suu Kyi aveva promesso di rispettare i suoi risultati. Il gen. Min Aung Hlaing, comandante in capo delle forze armate: “Suggeriamo di riesaminare i punti discussi,  individuare e apportare modifiche se vi sono errori e atteggiamenti sleali”. 



    08/11/2012 MYANMAR
    Aung San Suu Kyi: più soldati, per fermare le violenze fra birmani e Rohingya
    La Nobel per la pace auspica una maggiore presenza militare per riportare la pace nello Stato di Rakhine. Gli interessi di governo e opposizione ostacolano una soluzione politica della vicenda. Motivi economici e commerciali dietro gli scontri interconfessionali. Nuovo naufragio di una nave carica di profughi.

    14/09/2017 09:08:00 MYANMAR
    Aung San Suu Kyi annuncia un suo discorso sui Rohingya il 19 settembre

    La Signora “parlerà per la riconciliazione nazionale e la pace”. Sarà il suo primo intervento pubblico dall’inizio delle violenze. Il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite si è riunito ieri. La leader birmana criticata per carenza di leadership morale e compassione. L’esercito interessato al fallimento del processo democratico.



    13/09/2017 08:48:00 MYANMAR - ONU
    Yangon, Aung San Suu Kyi non andrà all'Assemblea generale dell’Onu

    Il vicepresidente del Myanmar Henry Van Thio prenderà il posto della Signora. L'annuncio arriva dopo le accuse dell’Alto commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani. Al Consiglio di sicurezza il Myanmar spera in Russia e Cina. Le accuse alla leader birmana. I sospetti sul ruolo dell’esercito nelle tensioni etniche.



    15/09/2017 14:38:00 MYANMAR
    Rohingya, ‘comprensione’ per la delicata posizione di Aung San Suu Kyi

    Commenti positivi di Rex Tillerson e personalità britanniche. Sul governo della Signora, le ombre dell’esercito. Colpire Aung San Suu Kyi mette a rischio la transizione democratica. Aung Shin, portavoce del partito: “I Paesi stranieri fanno loro ipotesi basate su fatti discutibili”.





    In evidenza

    HONG KONG - CINA - VATICANO
    Messa per un sacerdote sotterraneo defunto. Il card. Zen chiede a Dio la grazia di salvare la Chiesa in Cina e la Santa Sede ‘dal precipizio’

    Li Yuan

    P. Wei Heping, 41 anni, è morto in circostanze misteriose, buttato in un fiume a Taiyuan (Shanxi). Per la polizia egli si è suicidato. Ai familiari non è stato permesso nemmeno di vedere il rapporto dell’autopsia. Per il card. Zen la Santa Sede (che “non è necessariamente il papa”) cerca un compromesso a tutti i costi col governo cinese, rischiando di “svendere la Chiesa fedele”. Giustizia e pace pubblica un libretto su p. Wei, per non dimenticare.


    VATICANO - ITALIA - USA
    Papa: non più la guerra, che ha per frutto la morte, 'la distruzione di noi stessi'



    Francesco nel giorno della Commemorazione dei defunti ha celebrato messa al Cimitero americano di Nettuno. “Quando tante volte nella storia gli uomini pensano di fare una guerra, sono convinti di portare un mondo nuovo, sono convinti di fare una ‘primavera’. E finisce in un inverno, brutto, crudele, con il regno del terrore e la morte”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®