28/08/2017, 15.24
BANGLADESH
Invia ad un amico

Giustizia e pace: Accogliere i Rohingya in Bangladesh per ragioni umanitarie

di Sumon Corraya

A migliaia cercano di attraversare il confine, anche di notte in cerca di salvezza. Quelli che vengono catturati sono rimandati in Myanmar. Imam di Dhaka: “sono nostri fratelli e sorelle”.

Dhaka (AsiaNews) – “I rifugiati dovrebbero poter entrare in Bangladesh per ragioni umanitarie. Hanno il diritto a salvarsi la vita”, con queste parole Theophil Nokrek, segretario della Commissione episcopale Giustizia e Pace, risponde a quanto sta accadendo ai Rohingya in Myanmar, cacciati dal Paese verso il Bangladesh, che a sua volta li respinge indietro al confine. Per Norker, il “Governo dovrebbe essere flessibile verso i rifugiati Rohingya per salvere le loro vite”.

Ogni giorno, centinaia di Rohingya cercano di entrare in Bangladesh, nelle località meridionali di Cox’s Baazar e di Bandarban, e di sfuggire al conflitto con l’esercito del Myanmar. Sono più di 100 i membri della minoranza islamica di origine bengalese uccisi di recente. Nonostante la guardia di frontiera bangladeshi (Bgb) fermi i profughi al confine, i Rohingya cercano di entrare di notte, non visti.

Mostak Ahmad, 70 anni, è un Rohingya che ora si trova in una “terra di nessuno” a Bandarban, dove la sua vita è in costante rischio. “Il mio unico figlio è stato catturato dall’esercito del Myanmar. Sono certo che non tornerà vivo. Siamo scappati qui per salvare la nostra vita. Chiediamo rifugio al Bangladesh”.

Rohina Akter, anche lei Rohingya, racconta: “Mio marito è innocente, ma i soldati birmani lo hanno catturato. È stato torturato davanti ai miei occhi, sono scappata per salvarmi e salvare la vita dei miei bambini”.

Come loro due, altri Rohingya sono scappati dal Myanmar per cercare salvezza e rifugio in Bangladesh. Tuttavia, molti di loro vengono catturati dalla polizia di frontiera, che fornisce loro cibo e cure mediche prima di rimandarli indietro.

Nessun cristiano o Ong al momento sta lavorando per i profughi Rohingya al confine.

Molti musulmani nel Paese vorrebbero accogliere i rifugiati. L’imam di una moschea a Dhaka, Md Motin Miha, afferma: “I Rohingya sono nostri fratelli e sorelle. Sono musulmani. Non dovremmo tirarci indietro, dovremmo salvarli”.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Rakhine, il governo respinge il cessate il fuoco offerto dai militanti Rohingya
11/09/2017 09:01
Rohingya, Aung San Suu Kyi ed il card. Bo per l’unità e lo sviluppo del Rakhine
13/10/2017 13:26
Kofi Annan presenta il Rapporto sui Rohingya. L’esercito: ‘Difetti e carenze’
25/08/2017 13:03
Non solo Rohingya: la persecuzione delle minoranze cristiane in Myanmar
03/10/2017 15:47
Rohingya, ‘comprensione’ per la delicata posizione di Aung San Suu Kyi
15/09/2017 14:38