27 Giugno 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 07/01/2016, 00.00

    EGITTO - ISRAELE

    Giza, spari contro bus e hotel di turisti vicino alle piramidi



    Due uomini armati hanno aperto il fuoco contro il Three Pyramids Hotel e un pullman. Fra i turisti a bordo del mezzo vi erano anche arabi israeliani. Gli attentatori, che hanno lanciato anche razzi e Molotov, identificati e fermati dalle forze di sicurezza. Al momento non si registrano morti, né feriti.

    Il Cairo (AsiaNews/Agenzie) - Due uomini armati hanno aperto il fuoco contro il Three Pyramids Hotel, a Giza, a sudovest del Cairo, non lontano dall’area delle piramidi. Al momento degli spari un gruppo di turisti stava salendo a bordo di un pullman, che è stato investito da alcuni colpi. L’attacco è avvenuto in concomitanza con il Natale ortodosso, che si celebra oggi, e ha provocato lievi danni sia al mezzo che alla facciata dell’edificio. Tuttavia, secondo quanto riferiscono fonti locali non vi sarebbero morti né feriti, e le forze della sicurezza avrebbero già arrestato i due presunti attentatori.

    Fra i passeggeri a bordo del mezzo vi sarebbero stati anche dei turisti israeliani di origine araba. Jaber Jabarin, uno dei turisti ospiti dell’hotel, parla di un primo “lancio di razzi”, cui sono seguiti “colpi indirizzati verso il bus”, che è stato anche oggetto di attacchi con bottiglie Molotov. 

    Dal luglio 2013 con la cacciata dell’ex presidente Morsi, sostenuto dai Fratelli musulmani, e l’ascesa al potere di Abd al-Fattah al-Sisi, l’Egitto è diventato un terreno di battaglia fra governo (sostenuto dai militari) e fronte jihadista. I miliziani, provenienti in gran parte dalla Penisola del Sinai, hanno ucciso centinaia di personale appartenente alla sicurezza, oltre che civili innocenti. 

    Bombe sono esplose tanto nella capitale, quanto nei principali centri turistici; nel mirino dei terroristi, fra gli altri, vi sono anche i turisti occidentali. 

    A giugno uomini armati hanno ucciso a colpi di arma da fuoco due poliziotti, a poche centinaia di metri di distanza dalle piramidi, la più importante attrazione turistica del Paese. Di recente, a ottobre, un gruppo affiliato allo Stato islamico (SI) ha rivendicato l’abbattimento di un aereo passeggeri sui cieli dei Sinai, che ha provocato la morte di 224 persone. 

    Tuttavia, nell’occasione gli esperti di intelligence egiziana hanno affermato di non aver rinvenuto alcuna traccia riconducibile alla matrice terrorista dell’incidente. 

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    08/08/2012 EGITTO - ISRAELE
    Raid aerei egiziani sul Sinai: almeno 20 morti
    Elicotteri e jet hanno bombardato il villaggio di al Arish, dove erano nascosti i radicali islamici che hanno ucciso 16 guardie di frontiera egiziane. Un test per il presidente Morsi. Israele chiede più sicurezza e sottolinea la presenza di radicali del Jihad globale nella Striscia di Gaza. Hamas si difende.

    02/07/2015 EGITTO
    Chiesa cattolica: il popolo egiziano è unito nella lotta al terrorismo jihadista
    P. Rafic Greiche spiega che “più della paura” domina un sentimento diffuso “di ira” per la morte del procuratore e l’attacco nel Sinai. Almeno un centinaio le vittime nell’assalto sferrato dagli islamisti nella penisola. Per il portavoce cattolico nella morte del procuratore è evidente il “rilassamento” della polizia. Forze esterne cercano di portare “instabilità” nel Paese.

    25/07/2005 EGITTO
    Bombe a Sharm, la polizia cerca 6 pakistani

    Bilancio ufficiale dei morti, 64; ma fonti ospedaliere riferiscono di oltre 88 vittime.



    18/06/2012 ISRAELE - EGITTO
    Sinai, scontro a fuoco fra esercito israeliano e terroristi islamici egiziani; due morti
    Si sospetta un atto dimostrativo per celebrare la probabile vittoria dei Fratelli musulmani alle presidenziali egiziane. La sparatoria è avvenuta lungo la barriera fortificata lungo il confine. Gli estremisti sono penetrati attraverso la Striscia di Gaza. Fra i morti un terrorista e un operaio del ministero della Difesa israeliano.

    03/11/2015 EGITTO - RUSSIA
    Sinai, disastro aereo: per al-Sisi le rivendicazioni dello Stato islamico sono “propaganda”
    Il presidente egiziano non dà credito alle voci dei jihadisti, che affermano di aver abbattuto l’Airbus 321 Metrojet. Per l’aviazione federale russa ogni ipotesi è al momento prematura e non basata su fatti certi. Un “lampo” catturato da un satellite Usa lascia aperta la pista dell’attentato.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    Confusione e polemiche per il silenzio del Vaticano sul caso di mons. Ma Daqin di Shanghai

    Bernardo Cervellera

    Per alcuni l’articolo di mons. Ma con cui elogia l’Associazione patriottica, riconoscendo i suoi “errori”, è solo “fango”. Per altri egli si è umiliato “per il bene della sua diocesi”. Molti esprimono perplessità per il silenzio della Santa Sede: silenzio sul contenuto dell’articolo; silenzio sulla persecuzione subita dal vescovo di Shanghai. Il sospetto che in Vaticano si vede bene lo svolgimento del “caso” Ma Daqin che però fa emergere un problema: la Lettera di Benedetto XVI (con cui dichiara l’AP non compatibile con la dottrina cattolica) è abolita? E chi l’ha abolita? Il rischio di una strada di compromessi senza verità.


    CINA - VATICANO
    Mons. Ma Daqin: il testo della sua “confessione”

    Mons. Taddeo Ma Daqin

    Con un articolo pubblicato sul suo blog, il vescovo di Shanghai, dimessosi dall’Associazione patriottica quattro anni fa, sembra “confessare” il suo errore e esalta l’organismo di controllo della Chiesa. Riportiamo qui il testo quasi integrale del suo intervento. Traduzioni dal cinese a cura di AsiaNews.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®