22 Febbraio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 07/01/2017, 09.10

    EMIRATI ARABI UNITI

    Gli emirati vietano la vendita e il possesso di tigri e leoni come animali domestici



    Per i trasgressori previste pene fino a sei mesi di carcere e multe fino a 140mila dollari. A lungo i felini hanno rappresentato uno status-symbol da sfoggiare nelle case, nelle auto e per le strade. Le nuove norme riguardano anche i proprietari di cani: obbligatoria la registrazione, il guinzaglio e le vaccinazioni.

    Abu Dhabi (AsiaNews/Agenzie) – Dopo anni di polemiche e discussioni, gli Emirati Arabi Uniti (Eau) hanno messo al bando il possesso privato di animali selvatici come tigri, leoni e ghepardi. Secondo una moda diffusa nel Paese - e negli Stati della regione ricchi di petrolio - non è raro vedere famiglie facoltose possedere, come animali domestici, esemplari di felini di grossa taglia e perlopiù pericolosi.

    Questi animali hanno rappresentato a lungo uno status-symbol da sfoggiare non solo nelle abitazioni domestiche, ma anche nei parchi, su barche e persino nelle auto (nella foto).

    Non è raro vedere profili social di facoltosi arabi che posano accanto ai grossi felini, incuranti non solo del pericolo che costituiscono, ma anche delle esigenze degli stessi animali che prediligono altri habitat naturali.

    A ottobre ha spopolato sul web un video in cui alcune tigri - bianche e del Bengala - facevano il bagno nelle acque antistanti una spiaggia di Dubai.

    Tuttavia, da oggi i proprietari rischiano pesanti multe se non il carcere in caso di violazioni.

    Più che per la tutela degli animali, il provvedimento delle autorità degli emirati è conseguenza del pericolo costituito dagli animali, che più volte sono stati sorpresi a girare liberi per le strade del Paese. Secondo quanto riferisce il sito Gulf News, la norma vieta la vendita e il possesso di “tutti i tipi di animali selvatici e di quelli addomesticati, ma che rappresentano pur sempre un pericolo”.

    In futuro questi esemplari potranno essere tenuti solo all’interno di zoo, parchi naturali, circhi e in centri di ricerca o di conservazione e studio delle specie selvatiche. Chiunque sarà sorpreso in possesso di un felino o di altri animali esotici in pubblico verrà punito con pene fino a sei mesi di galera e multe di 500mila dirhams (poco meno di 140mila dollari). Le multe potranno salire fino a 700mila dirhams se gli esemplari verranno utilizzati per “terrorizzare” la popolazione.

    La normativa coinvolge anche i proprietari di animali domestici e più tradizionali. Anche i possessori di cani, infatti, dovranno chiedere e ottenere l’autorizzazione al possesso e, in caso di passeggiate in pubblico, sarà necessario tenere l’animale al guinzaglio ed effettuare i vaccini contro le malattie più pericolose.

    Anche in questo caso sono previste multe fino a 100mila dirhams in caso di violazione. Gli amanti dei cani avranno tempo fino a metà giugno per ottenere le licenze e procedere alle iniezioni.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    26/01/2018 08:42:00 LAOS
    Vientiane, allevamenti illegali di tigri. Morti tre esemplari

    Solo 25 tigri vivono ancora allo stato brado in Laos. In cinque stabilimenti, tre dei quali operano con permessi speciali, ne sono tenute in cattività circa 700. Prodotti come la carne del felino, ossa e persino esemplari vivi sono in vendita negli hotel di lusso di Vientiane e nelle zone economiche speciali cinesi.



    03/03/2004 emirati arabi uniti - asia
    Una nuvola d'inquinamento minaccia il Golfo Persico e il mondo

    Nuove scoperte sull'inquinamento in Asia dicono che il destino del mondo non è lo scioglimento delle calotte polari, ma la desertificazione



    18/02/2013 EMIRATI ARABI UNITI
    Ad Abu Dhabi gli Stati del Golfo mostrano la loro fame di armi
    Giunta alla sua 11ma edizione l'International Defence Exhibition è iniziata ieri nella capitale dell'emirato. Quest'anno hanno partecipato oltre 1100 espositori di 58 Paesi. Il giro di affari è stimato in centinaia di miliardi di dollari. La Francia venderà il suo costoso caccia Rafale agli Emirati Arabi Uniti.

    24/11/2017 09:57:00 EMIRATI ARABI UNITI - OMAN
    Fede, dialogo e solidarietà: i giovani d’Arabia si preparano al Sinodo

    Agli incontri promossi in Oman e negli Emirati hanno partecipato centinaia di ragazzi e ragazze. Provengono da famiglie di lavoratori migranti, in maggioranza indiani e filippini. Molte le domande poste in forma anonima al vicario apostolico. Mons. Hinder: Grande desiderio di “interagire” fra loro e con i vescovo. Il ruolo dei social e dei nuovi media come “strumento per l’evangelizzazione”. 

     



    05/09/2006 EMIRATI ARABI UNITI
    A Dubai, per allinearsi ai mercati internazionali è stato spostato il weekend
    La decisione, in vigore dal primo settembre, potrebbe essere motivata anche dal fatto che la maggioranza dei residenti non è musulmana. Ma mancano i dati ufficiali di un Paese in crescita frenetica, che sta divenendo il centro commerciale dell'intero mondo arabo.



    In evidenza

    BANGLADESH
    Snehonir, la ‘Casa della Tenerezza’ per disabili (Foto)



    La struttura nasce 25 anni fa dall’opera delle suore Shanti Rani e dei missionari Pime. A Rajshahi accoglie disabili mentali e fisici, sordomuti, ciechi, orfani, poveri, abbandonati. “Il principio-guida è avviarli alla vita”.


    COREA
    L’abbraccio delle atlete della Corea unita, sconfitte in gara, ma ‘prime’ nella storia



    Oggi hanno perso l’ultima partita conto la Svezia e sono finite al settimo posto. Le lacrime per l’imminente separazione. L’orgoglio della coach canadese: “I politici hanno preso la decisione esecutiva. Le nostre giocatrici e il nostro staff sono quelli che l'hanno fatta funzionare”. Atleta sudcoreana: spero che il nostro Paese sia fiero di noi: era una cosa più grande dell’hockey.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®