24 Ottobre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 01/02/2007
CINA - AFRICA
Grande attesa per la visita di Hu in Sudan, ma poche illusioni
Oggi Hu è in Liberia. In Sudan si attende uno sviluppo positivo per il genocidio del Darfur, senza dimenticare che la Cina compra petrolio e vende armi a Khartoum, favorita dal bando dell’Occidente.

Pechino (AsiaNews/Agenzie) – Oggi Hu è arrivato in Liberia. Si ferma poche ore prima di andare domani in Sudan, dove tutti aspettano novità positive per fermare il genocidio nel Darfur. Per la prima volta anche Pechino non dà speciale enfasi ai vantaggiosi accordi economici che intanto conclude, ma insiste sull’importanza della pace in Africa.

In Liberia sono previsti accordi per aprire la via agli investimenti delle ditte cinesi. La Liberia vuole istituire una zona economica speciale vicino al porto di Buchanan, dove spera di attirare centinaia di industrie estere per creare lavoro. La Cina ha anche rinunciato a crediti verso la Liberia per 15 milioni di dollari. Il debito estero complessivo del Paese è di 3,5 miliardi.

In Camerun (dove la Cina ha offerto prestiti e finanziamenti a tasso agevolato e discusso la realizzazione di case economiche e di un programma per l’acqua potabile, in cambio di materie prime come petrolio, ferro, bauxite), Hu ha ripetuto che “la Cina e l’Africa non hanno mai cercato di imporre i loro modelli di sviluppo sociale ed economico ad altri Paesi”. Il presidente Paul Biya ha insistito che le imprese e gli investimenti cinesi sono benvenuti.

In Sudan la Cina ha posto un sistematico veto a sanzioni mirate a costringere il governo ad accettare la forza di pace delle Nazioni Unite ed è stato impossibile fermare il sempre più grave genocidio nel Darfur (200mila civili morti, 2,5 milioni di sfollati dal febbraio 2003). Ora si spera che la Cina ottenga l’ingresso di una forza di pace internazionale, ma non ci sono illusioni che la pressioni di Pechino giungano a compromettere i suoi estesi interessi economici nella Nazione.

Pechino acquista il 60% del petrolio del Sudan (pari all’8% delle importazioni di petrolio in Cina) ed è impegnato in progetti miliardari come il complesso idroelettrico di Merowe (1,8 miliardi di dollari). La collaborazione tra i due Stati è esplosa negli anni ’90, quando le ditte occidentali fermarono i loro investimenti in Sudan per le accuse di sostenere il terrorismo e la tratta di schiavi. La Cina, invece, predica una “non ingerenza negli affari interni delle altre Nazioni”, come ha ricordato con compiacimento il presidente sudanese Omar al-Bashir  in una conferenza stampa del 28 novembre. Il suo governo è anche accusato di sostenere le operazioni militari contro i civili nel Darfur e di condurre raid aerei contro i villaggi.

Grazie agli investimenti delle ditte cinesi come la China National Petroleum Corp, il Sudan ha aumentato la produzione di greggio. Ad aprile è stato aperto un oleodotto di 1.400 km. per portare 200mila barili di greggio al giorno dai giacimenti di Melut Basin a Port Sudan sul Mar Rosso.

Secondo esperti, la Cina è il maggior fornitore di armi per il Sudan e il secondo per l’intera Africa, dopo la Russia. Pechino è attiva nel cercare collegamenti e intese militari con gli altri Stati. Anche se ha contribuito con circa 1.000 soldati alle missioni di pace Onu nel mondo, ha inviato più di 1.600 delegazioni militari in oltre 90 Stati tra cui 18 africani. Ha rappresentanze diplomatiche in 146 Paesi e centri diplomatici-militari in 103. In Sudan ha già mandato 450 dei 10mila soldati Onu che nel gennaio 2005 sono venuti a controllare l’accordo di pace che ha posto fine a 21 anni di guerra civile. Insieme ai suoi soldati sono venuti anche tecnici ed esperti per la “ricostruzione” del Paese. (PB)


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
28/05/2007 CINA - SUDAN
“Un ruolo più costruttivo” per Pechino contro il massacro del Darfur
31/01/2007 CINA - CAMERUN
Hu è oggi in Camerun per concludere i “soliti” accordi commerciali
29/01/2007 CINA
Inizia domani un difficile viaggio di Hu Jintao in Africa
14/07/2008 CINA - SUDAN
Foto satellitari e testimoni dicono che Pechino vende armi al Sudan, nonostante l'embargo
05/03/2009 CINA - SUDAN
La Cina chiede all’Onu di sospendere il mandato di arresto contro Omar al-Bashir

In evidenza
IRAQ - ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": raccolti e inviati quasi 700mila euro. La campagna continua
di Bernardo CervelleraInviata la seconda tranche di aiuti, raccolti nel mese di settembre. In Medio oriente e in Iraq si gioca il destino dei rapporti fra oriente e occidente. L'appello di papa Francesco e del Sinodo. I governi tiepidi. Gli aiuti giunti da tutto il mondo: una nuova comunità internazionale che sconfigge la "globalizzazione dell'indifferenza".
IRAQ-VATICANO
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del vescovo per i primi aiuti
di Amel NonaMons. Amel Nona, vescovo caldeo di Mosul, anch'egli rifugiato, ringrazia tutti i donatori della campagna lanciata da AsiaNews. La situazione è sempre più difficile per il numero enorme di profughi e per l'arrivo dell'inverno e della neve, che rendono impossibile alloggiare nelle tende o all'aperto. La crisi, un'occasione che rende attiva la fede dei cristiani.
ITALIA - IRAQ
Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul". Già raccolti oltre 350mila euro
di Bernardo CervelleraInviate al patriarca di Baghdad e ai vescovi del Kurdistan le donazioni ricevute fino al 31 agosto. La campagna serve a nutrire, alloggiare, vestire, consolare oltre 150mila profughi cristiani, yazidi, turkmeni, sciiti e sunniti, fuggiti dalla violenza dell'esercito del Califfato islamico. Una generosa partecipazione dall'Italia e da tutte le parti del mondo. Donazioni anche da chi è povero e senza lavoro. Una speranza per il mondo, per chi soffre e per chi dona.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate