21 Luglio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 13/03/2017, 08.56

    SIRIA

    Gruppo jihadista siriano, affiliato ad al Qaeda, dietro il doppio attacco a Damasco



    Il movimento estremista sunnita Hayat Tahrir al-Sham ha rivendicato l’attentato del 10 marzo; almeno 40 le vittime, circa 120 i feriti. Colpiti due bus carichi di pellegrini sciiti irakeni. L’attacco è un “messaggio all’Iran” per il sostegno ad Assad. Nuovo round di colloqui ad Astana mediato da Teheran, Mosca e Ankara.  

     

    Damasco (AsiaNews/Agenzie) - Un gruppo jihadista siriano, affiliato ad al Qaeda, ha rivendicato la responsabilità del doppio attentato suicida che ha colpito il 10 marzo scorso la capitale Damasco, uccidendo almeno 40 persone. Il movimento estremista sunnita Hayat Tahrir al-Sham ha sottolineato che l’attacco è “un messaggio all’Iran”, per il sostegno fornito da Teheran al presidente siriano Bashar al-Assad. 

    Secondo quanto riferisce l’Osservatorio siriano per i diritti umani, ong con base a Londra e una fitta rete di informatori sul territorio, la maggior parte delle vittime erano pellegrini irakeni. Per il gruppo, vicino all’opposizione, il numero dei morti è di 74 ma non vi sono conferme ufficiali. 

    Il governo irakeno aggiunge che i feriti sono almeno 120. 

    Il doppio attentato è stato sferrato con un ordigno azionato a distanza e un kamikaze che si è immolato al passaggio dei bus, carichi di pellegrini. La doppia esplosione, un episodio raro per la capitale siriana, è avvenuta nei pressi del cimitero di Bab al-Saghir, che ospita un mausoleo sciita. 

    Hayat Tahrir al-Sham [Organizzazione per la liberazione del Levante, ndr] è un nuovo gruppo terrorista, formato da fuoriusciti di Jabhat Fateh al-Sham (l’ex Fronte di al Nusra, emanazione di al Qaeda in Siria) e da altri quattro gruppi minori. 

    Dal 30 dicembre scorso in Siria, nazione martoriata da sei anni di sanguinosa guerra civile che ha causato oltre 310mila vittime e milioni di rifugiati, è in vigore una fragile tregua promossa da Russia, Turchia e Iran; tuttavia focolai di guerra e attacchi sporadici continuano a mietere vittime. 

    La maggior parte del territorio di Damasco è sotto il controllo del presidente Assad, sebbene vi siano diversi gruppi ribelli in alcuni distretti periferici. A gennaio un doppio attentato suicida nel distretto di Kafr Sousa ha causato almeno 10 vittime. Dietro l’attacco vi erano le milizie jihadiste di Jabhat Fateh al-Sham. 

    Intanto sul fronte diplomatico si stanno ultimando gli ultimi preparativi in vista del terzo incontro di Astana, in programma nei prossimi giorni, nonostante le richieste di rinvio da parte dei gruppi di opposizione. “Attendiamo la conferma di alcune parti - ha sottolineato Kairat Abdrakhmanov, ministro kazako degli Esteri - a questo incontro”. 

    I ribelli accusano i governativi e le milizie sostenute dall’Iran, alleate di Assad, di continuare a bombardare le zone nelle mani delle opposizioni a Damasco, Homs, Deraa et Idlib. 

    Dall’inizio dell’anno Astana ha già ospitato due incontri di pace, il 23-24 gennaio e a metà febbraio. Obiettivo di Mosca, Teheran e Ankara è di consolidare la tregua sottoscritta dopo la vittoria dell’esercito regolare ad Aleppo e la riconquista della ex capitale economica e commerciale del Paese. L’inviato speciale Onu per la Siria Staffan de Mistura sottolinea che questo appuntamento dovrebbe gettare le basi per il “mantenimento del cessate il fuoco, la sottoscrizione di misure immediate per ricostruire la fiducia e questioni pratiche in materia di lotta contro il terrorismo”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    14/03/2017 08:52:00 SIRIA - KAZAKHSTAN
    L’opposizione anti-Assad non parteciperà ai colloqui di pace di Astana

    Nella capitale kazaka governo e ribelli dovevano discutere il rafforzamento del cessate il fuoco e lo scambio di prigionieri. Leader opposizione: Boicottaggio per le “promesse non mantenute” dal governo sulla tregua. A Homs, capitale della rivoluzione, i gruppi ribelli raggiungono l’accordo per l’evacuazione. 

     



    04/05/2017 08:51:00 SIRIA - RUSSIA - TURCHIA
    Mosca: aree sicure e no-fly zones per rafforzare il cessate il fuoco in Siria

    Il presidente russo Putin ne ha parlato con il presidente Usa Trump e l’omologo turco Erdogan. L’obiettivo è favorire il rientro dei rifugiati e la consegna di aiuti alla popolazione. Previsto anche l’invio di truppe straniere nel ruolo di osservatori. I ribelli hanno sospeso la partecipazione ai colloqui di Astana per protesta contro i raid aerei governativi. 

     



    12/01/2016 TURCHIA
    Attentato al centro di Istanbul, almeno 10 vittime straniere
    Un terrorista si è fatto esplodere in un attacco suicida nel distretto Sultanahmet, nei pressi della Moschea Blu. I morti sono quasi tutti stranieri, circa 15 i feriti gravi. L’assalitore sarebbe un siriano. Erdogan: “Siamo nel mirino di tutti i gruppi terroristi della regione”. Card. Parolin: “Di fronte a questi mali serve misericordia”.

    10/02/2017 08:50:00 RUSSIA - TURCHIA - SIRIA
    Raid russo uccide tre soldati turchi. Mosca e Ankara rafforzano la cooperazione in Siria

    Un caccia russo centra un edificio nei pressi della cittadina di al-Bab. All’interno non vi erano miliziani dello Stato islamico, ma soldati dell’esercito di Ankara. Feriti 11 militari. Putin chiama Erdogan per esprimere “tristezza e cordoglio”. Entrambi i fronti hanno aperto un’inchiesta per chiarire la dinamica dei fatti. 

     



    05/05/2017 08:58:00 SIRIA - ONU
    Onu: zone di sicurezza in Siria un accordo incoraggiante, ma occorre verificarne l’applicazione

    Il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres apprezza l’impegno di Russia, Turchia e Iran nel cercare di “mettere fine” all’uso delle armi. Quattro le aree di de-escalation. Resteranno in vigore per almeno sei mesi. Ma la delegazione siriana e il fronte dei ribelli ad Astana non firmano. A Sochi Turchia e Russia rilanciano la cooperazione bilaterale. 

     





    In evidenza

    CINA
    Liu Xiaobo: una fiaccola che illumina la civiltà umana



    La testimonianza del grande dissidente non violento, lasciato morire di cancro, è il più alto contributo all’umanità negli ultimi (sterili) 500 anni di storia cinese. Il ricordo di Liu (e di sua moglie) da parte di un sacerdote del nord della Cina.


    INDIA
    Goa: croci distrutte, cimitero dissacrato. Mons. Neri Ferrao: colpa dell’odio religioso



    Le croci sono state lasciate infrante ai margini della strada. Nel cimitero di Guardian Angel Church danneggiate 28 nicchie, cinque croci di legno e nove in granito, 16 tombe e la grande croce all’ingresso. Sajan K George: “Durante un raduno di indù, un fondamentalista ha detto che tutti quelli che mangiano la vacca devono essere impiccati”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®