22 Giugno 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 14/05/2010, 00.00

    INDIA

    Gujarat: ragazza di 13 anni stuprata costretta ad abortire su consiglio della Corte

    Nirmala Carvalho

    I giudici hanno accolto la richiesta di interruzione di gravidanza fatta dalla madre ribaltando il giudizio negativo del tribunale locale. Essi giudicano la nascita del bambino un pericolo per la salute mentale della ragazza e un problema economico e sociale per la famiglia. Mons. Agnelo Gracias, presidente della Commissione per la famiglia e per la Vita della Conferenza episcopale indiana: “La giustizia dovrebbe punire il criminale e non l’innocente”.

    Mumbai (AsiaNews) – L’Alta corte del Gujarat autorizza l’aborto per una ragazza di 13 rimasta in cinta dopo uno stupro e al momento ancora sotto shock. La decisione è stata presa lo scorso 10 maggio e ribalta il giudizio negativo del tribunale locale che il 30 marzo scorso ha rigettato la richiesta di interruzione di gravidanza fatta dalla madre della giovane. L’Alta corte ritiene la nascita del neonato un pericolo per la salute mentale e fisica della ragazza e aggiunge che potrebbe causare in futuro problemi di natura sociale ed economica per la famiglia.

    In India l’aborto è legale dal 1971. A farne ricorso sono soprattutto le donne degli strati più poveri della società, che non potendo accudire i nascituri preferiscono interrompere la gravidanza. Nel caso di violenza sessuale su minore, molto diffusa tra la popolazione povera, i giudici risolvono il problema inducendo le vittime ad abortire.     

    Interpellato da AsiaNews mons. Agnelo Gracias, presidente della Commissione per la famiglia e per la Vita della Conferenza episcopale indiana, inquadra il caso all’interno della sfera morale e non legale. “Ciò che è possibile nella legge – afferma il prelato – non è detto che lo sia sul piano morale. Anni fa i giornali hanno riportato la notizia di un gruppo di giudici olandesi intenzionati a legalizzare i rapporti con gli animali. Anche se questo fosse accaduto, la zoofilia non potrebbe mai essere permessa a livello morale…Da questo punto di vista terminare la vita di un innocente non deve essere mai concesso”.

    Mons. Gracias non riduce però la drammaticità del caso. “Per la ragazza – dice –  deve essere stata un’esperienza terribile e  tutti dobbiamo avere compassione per lei, ma questo non giustifica l’aborto. La vita umana che è dentro di lei è innocente e non merita la morte”.

    Per il prelato dietro la compassione deve esserci un sostegno attivo. “Bisogna aiutare la ragazza a uscire fuori dal trauma – afferma - e trovare una sistemazione al bambino, dandolo in adozione in modo che la vittima possa iniziare una nuova vita e dare al neonato un futuro senza l’onta della vergogna. La Chiesa darebbe volentieri questo aiuto, se richiesto”.

    “Dietro il sostegno – aggiunge – è necessario prevenire il ripetersi di casi di stupro. Una punizione esemplare dei malfattori potrebbe servire da deterrente e un rapido sistema di giustizia farebbe capire ai criminali che la violenza sessuale non è tollerata in una società civilizzata. La giustizia dovrebbe punire il criminale e non l’innocente”.

     

     

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    18/05/2010 INDIA
    La Chiesa indiana studia un “codice anti-abusi”
    La Conferenza episcopale, insieme ai superiori delle congregazioni religiose indiane, si riunisce per studiare le norme da applicare in caso di crimini di natura sessuale. Il vescovo di Pune spiega: “Tolleranza zero per chi sbaglia. Il Papa ha indicato la via, sbagliato criticarlo”.

    29/07/2010 COREA DEL SUD
    Seoul, la Chiesa celebra il primo Congresso nazionale per la vita
    Due giorni di discussioni e interventi, coordinati dalla Commissione per la vita e da quella sulla Bioetica della Conferenza episcopale coreana, per trasformare la “cultura della morte” in una “cultura della vita”.

    26/01/2013 INDIA
    Mumbai, "37 milioni di luci" contro gli aborti selettivi e la violenza sulle donne
    Il numero si riferisce alla disparità di numero tra maschi e femmine segnalata dall'ultimo censimento nazionale (2011). Nelle parrocchie dell'arcidiocesi si accenderanno 37 milioni di lampade e candele. Per il direttore del settimanale cattolico The Examiner serve un'educazione spirituale e sessuale, per portare un cambiamento di mentalità che rispetti la dignità e la sacralità dell'essere umano. Il messaggio della Conferenza episcopale per la Festa della repubblica indiana.

    08/09/2010 INDIA
    La nascita di Maria e la sofferenza di milioni di donne in India
    La Chiesa indiana celebra oggi il Day of the Girl Child per condannare la discriminazione della donna nella società indiana. Solo il 67,7% delle bambine tra 15 e 24 anni riceve un’istruzione e circa il 40% delle donne sposate subisce violenze all’interno delle mura familiari. India agli ultimi posti per il tasso di crescita della popolazione femminile, a causa dei diffusi feticidi, aborti e selezione prenatale.

    22/07/2011 FILIPPINE
    Filippine, attacco contro la pagina pro-life del sito della Conferenza episcopale
    Gli hacker hanno bloccato il sito per ore con un immagine di un uomo imbavagliato. L’attacco avviene a pochi giorni dal congresso organizzato dai pro-life cattolici contro la legge sul controllo delle nascite. Fonti di AsiaNews sottolineano la confusione politica nel Paese e il calo di popolarità del presidente Aquino.



    In evidenza

    RUSSIA-VATICANO
    Studiosi vaticani e ortodossi russi dialogano sulla storia e sulla Ostpolitik

    Vladimir Rozanskij

    Il Convegno inizia domani e continua fino al 21 giugno. Il lavoro comune si era bloccato nel 2002 per le accuse di “proselitismo” alla Chiesa cattolica russa. Clima cambiato dopo l’incontro fra Francesco e Kirill all’Avana nel 2016. I russi preferiscono parlare di missione comune verso il mondo piuttosto che di unità della Chiesa indivisa nei primi 10 secoli.


    LAOS - VATICANO
    Il primo cardinale del Laos: ‘La forza delle piccole Chiese perseguitate’

    Weena Kowitwanij

    Il 21 maggio scorso papa Francesco aveva annunciato a sorpresa la nomina. La comunità cattolica in Laos è composta da circa 50mila fedeli. “È una Chiesa bambina, che vive il primo annuncio, rivolta soprattutto ai tribali e agli animisti”. “Alcuni dei problemi più gravi sono la carenza di sacerdoti e la qualità della formazione”. “Per molti essere cardinale è un onore, per me significa aiutare il papa a risolvere i problemi”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®