22 Giugno 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 12/07/2013, 00.00

    VIETNAM – VATICANO

    Hanoi contro la beatificazione del card. Van Thuân. Testimone processo fermato in aeroporto



    Nguyên Hoang Duc, critico letterario ed ex funzionario, bloccato all’imbarco. Egli era atteso a Roma, su invito ufficiale, per la cerimonia di chiusura dell’inchiesta diocesana. Dall’incontro col porporato l’inizio del cammino di conversione che sfocia nel battesimo. Il governo comunista vuole ostacolare il processo.

    Hanoi (AsiaNews/Agenzie) - Le autorità vietnamite hanno impedito al critico letterario Nguyên Hoang Duc, testimone di primo piano nel processo di beatificazione del card. François-Xavier Nguyên Van Thuân, di salire sull'aereo con destinazione Roma. L'ex funzionario dell'Ufficio per gli affari religiosi e della sicurezza pubblica era atteso il 5 luglio scorso in Vaticano per la cerimonia di chiusura dell'inchiesta diocesana, in vista della beatificazione del porporato vietnamita; tuttavia, a dispetto dell'invito ufficiale, egli è stato bloccato dai funzionari della Pubblica sicurezza. Fra le ragioni, la contrarietà di Hanoi verso l'intero processo di beatificazione.

    Secondo il racconto dell'uomo, affidato alla sezione in lingua vietnamita di Radio Free Asia (Rfa), la sera del 2 luglio Nguyên Hoang Duc si è presentato all'aeroporto Nôi Bai di Hanoi. Egli ha presentato il biglietto al gate della compagnia Thai con la quale avrebbe dovuto viaggiare in direzione dell'Italia. Tuttavia, in risposta gli viene comunicato di presentarsi negli uffici della Pubblica sicurezza dello scalo.

    Un funzionario comunica al critico e intellettuale vietnamita che "non è autorizzato" a lasciare il Paese, senza peraltro specificare le motivazioni alla base del rifiuto. L'agente aggiunge solo che sta "eseguendo gli ordini". Dopo vari colloqui e discussioni, egli è riuscito a instaurare una sorta di procedimento verbale, nel quale è stato "espressamente indicato" il rifiuto all'espatrio imposto dalle autorità.

    Fra le motivazioni alla base dell'intervento della polizia di frontiera, il "disaccordo" del governo comunista con la canonizzazione del cardinale, il quale nella sua lunga e travagliata vita ha trascorso 13 anni nelle carceri del regime. Essa mette infatti in evidenza il "prolungato soggiorno" di un alto prelato nelle prigioni governative. Seguono poi altre ragioni più legate alla "personalità" del critico letterario, ex funzionario del governo, oggi scrittore indipendente e spesso critico verso l'autorità.

    Oggi Nguyên Hoang Duc è conosciuto e apprezzato per l'opera letteraria, ma la sua vita è strettamente legata a quella del card. Van Thuân, dal cui incontro è nato anche il desiderio di convertirsi. Secondo l'ex funzionario, "affascinato" dalla personalità del porporato, sono tre i "miracoli" di cui ha beneficato nell'incontro col cardinale: la conversione alla fede cristiana, la guarigione da una malattia, la rivelazione di un avvenimento futuro. E proprio il cammino di conversione al cattolicesimo e il successivo battesimo sono raccontanti in un testo intitolato "Cammino di fede, con l'intermediazione di François-Xavier Nguyên Van Thuân". Una narrazione che ha contribuito alla beatificazione del porporato vietnamita, che le autorità di Hanoi vogliono invece ostacolare. 

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    15/05/2017 11:39:00 VIETNAM-VATICANO
    Per i vietnamiti, la santità del card. Van Thuan comprende anche il suo impegno per la dottrina sociale della Chiesa

    Il futuro beato, quando era Presidente del Pontificio consiglio di Giustizia e pace, ha messo le basi per la pubblicazione del Compendio di dottrina sociale della Chiesa. Ad Hanoi, un Club ispirato a lui diffonde la dottrina e raccoglie libri per spingere i giovani a leggere con lo “Scaffale di speranza” in ogni parrocchia e a impegnarsi nella carità e nella missione.



    04/07/2013 VIETNAM – VATICANO
    Cattolici vietnamiti in festa per il card Văn Thuận, futuro beato
    Si è chiusa la fase diocesana del processo di beatificazione. Domani in programma la messa presieduta dal cardinale vicario di Roma Agostino Vallini. In patria preghiere e celebrazioni per ricordarne la memoria. Le famiglie cattoliche tramandano ai figli le gesta eroiche del porporato.

    03/07/2013 VATICANO-VIETNAM
    Il cardinale Van Thuân: dalla persecuzione alla beatificazione, chiude la fase diocesana del processo
    Imprigionato 13 anni senza essere stato processato, "mentre veniva «rieducato» in maniera forzata egli educava con un altro metodo i suoi nemici. Le sue guardie divennero suoi scolari. La sincerità delle sue relazioni cambiarono i rapporti all'interno della prigione". Furono i carcerieri a dargli, di nascosto, dei pezzetti di legno con i quali realizzò una croce e un pezzo di filo elettrico, che divenne una catena. Gli restarono al collo per tutto il resto della vita, anche da cardinale.

    04/05/2017 13:13:00 VATICANO – VIETNAM
    Papa: riconosciute le “virtù eroiche” del cardinale Van Thuân, testimone della speranza

    Vissuto 13 anni in carcere, senza essere mai stato sottoposto a giudizio, in condizioni durissime, è stato “testimone della speranza” tema al quale ha dedicato pensieri e scritti. Di lui Giovanni Paolo II ha detto: “Una vita spesa nell'adesione coerente ed eroica alla propria vocazione”, mentre Benedetto XVI lo cita per due volte nella Spe Salvi.



    21/09/2009 VIETNAM
    Il cardinal Van Thuan esempio di santità per i cattolici vietnamiti
    Più di mille persone nella cattedrale di Ho Chi Minh City nel settimo anniversario della morte e a due anni dall’inizio della causa di beatificazione. Vescovo esemplare, trascorse 13 anni in prigione, senza essere mai processato.



    In evidenza

    RUSSIA-VATICANO
    Studiosi vaticani e ortodossi russi dialogano sulla storia e sulla Ostpolitik

    Vladimir Rozanskij

    Il Convegno inizia domani e continua fino al 21 giugno. Il lavoro comune si era bloccato nel 2002 per le accuse di “proselitismo” alla Chiesa cattolica russa. Clima cambiato dopo l’incontro fra Francesco e Kirill all’Avana nel 2016. I russi preferiscono parlare di missione comune verso il mondo piuttosto che di unità della Chiesa indivisa nei primi 10 secoli.


    LAOS - VATICANO
    Il primo cardinale del Laos: ‘La forza delle piccole Chiese perseguitate’

    Weena Kowitwanij

    Il 21 maggio scorso papa Francesco aveva annunciato a sorpresa la nomina. La comunità cattolica in Laos è composta da circa 50mila fedeli. “È una Chiesa bambina, che vive il primo annuncio, rivolta soprattutto ai tribali e agli animisti”. “Alcuni dei problemi più gravi sono la carenza di sacerdoti e la qualità della formazione”. “Per molti essere cardinale è un onore, per me significa aiutare il papa a risolvere i problemi”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®