05 Dicembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  •    - Brunei
  •    - Cambogia
  •    - Filippine
  •    - Indonesia
  •    - Laos
  •    - Malaysia
  •    - Myanmar
  •    - Singapore
  •    - Tailandia
  •    - Timor Est
  •    - Vietnam
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 22/08/2012, 00.00

    VIETNAM

    Hanoi: arrestato tycoon della finanza, crollano i mercati



    Nguyen Duc Kien, 48 anni, è uno dei fondatori dell'Asia Commercial Bank e ha interessi nel mondo del calcio. Egli è stato fermato per “condotta illegale negli affari”. L’istituto di credito parla di “vicenda personale”, ma il titolo perde punti. La borsa vietnamita segna il peggior dato dall’ottobre 2008.

    Hanoi (AsiaNews/Agenzie) - Per reati legati alla finanza, la polizia vietnamita ha arrestato Nguyen Duc Kien, uno dei più importanti banchieri del Paese con interessi nel mondo del calcio e figura di primo piano nell'intreccio fra affari e politica ad Hanoi. Il fermo è avvenuto nei giorni scorsi e ha seminato il panico fra gli investitori, causando il crollo degli indici di borsa che hanno fatto segnare il dato più basso degli ultimi quattro anni. Secondo gli esperti l'intera vicenda è un segnale della profonda "fragilità" e "vulnerabilità" del sistema finanziario nazionale.

    Kien, 48 anni (nella foto), è fra i soci fondatori dell'Asia Commercial Bank (Acb), uno degli istituti di credito privati più importanti del Vietnam. Usando il suo ruolo di presidente dell'Hanoi Football Club, egli è diventato famoso al grande pubblico per le feroci critiche lanciate alla Federcalcio vietnamita in merito a un giro di corruzione nel mondo del calcio.  

    In base alle accuse, egli sarebbe imputato di malaffare nella gestione di tre compagnie che rientravano sotto il suo diretto controllo. Tuttavia, oltre alla generica "condotta illegale negli affari" non vi sono elementi più precisi riguardo ai presunti crimini commessi.

    La notizia del fermo ha destato scalpore all'interno della finanza e degli affari in Vietnam. La borsa a Ho Chi Minh City registrava oggi un segno negativo di 2,1 punti percentuale, confermando il trend già registrato ieri (chiusura a meno 4,7). Dall'ottobre 2008 la borsa vietnamita non registrava un crollo così significativo; anche le azioni dell'istituto di credito guidato da Nguyen Duc Kien registrava indici record in segno negativo: oggi attorno al 6,6%, mentre ieri il dato ha chiuso a meno 7%, il massimo consentito prima che le quotazioni del titolo vengano sospese.

    Intanto l'Asia Commercial Bank ha diffuso un comunicato in cui sottolinea che l'arresto non avrà conseguenze sul funzionamento dell'istituto; per il portavoce della banca Nguyen Thanh Toai si tratta infatti di "una questione personale".

    In realtà dietro il fermo vi sarebbero anche "guerre" interne alla leadership comunista per la conquista del potere. Kien, infatti, sarebbe una figura molto vicina al Primo Ministro Nguyen Tan Dung, che ha lanciato una sfida più o meno velata al presidente vietnamita Truong Tan Sang per il primato in seno al Partito comunista. Analisti ed esperti di politica spiegano che la cacciata del tycoon della finanza non sarà decisiva per indebolire il premier o minacciare la stabilità; il fatto però è un esempio delle "tensioni" interne, che di rado emergono in superficie.

    Nel recente passato il Vietnam era considerato fra le economie emergenti più importanti dell'Asia, alla stregua di Taiwan e Corea del Sud. Tuttavia, preoccupazioni inerenti il sistema bancario hanno gettato ombre oscure sullo sviluppo futuro della nazione. I timori sulla stabilità del Paese sono aggravati da dubbi sulla gestione dell'inflazione, dall'indebolimento della moneta locale, dalla crisi economia mondiale e da un declino negli investimenti esteri. 

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    03/11/2009 VIETNAM
    Voci di dissidenti nel coro che prepara il congresso del Partito comunista vietnamita
    I media statali inneggiano alla “perseveranza nel comunismo”, ma c’è chi chiede di abbandonare l’atteggiamento ideologico. Tra questi, senza precedenti l’intervento dell’Istituto vietnamita per gli studi dello sviluppo (IDS), considerato il think tank del Paese. Marxismo e corruzione all’origine dei conflitti con le istituzioni religiose per le proprietà dei terreni.

    05/05/2010 VIETNAM
    Hanoi, giro di vite contro la corruzione dei funzionari
    Il Vietnam è il secondo Paese più corrotto del sud-est asiatico dopo l’Indonesia. I dirigenti statali sono troppo ricchi rispetto agli stipendi percepiti. Essi dovranno enumerare al governo le proprietà e i beni di lusso frutto di espropri e abusi a danno della popolazione. L’azione di governo è frutto della recente accordo anticorruzione stipulato con la Malaysia.

    20/04/2006 VIETNAM
    Vietnam: aperto il 10mo Congresso di un Partito comunista in crisi

    Dilagante corruzione, mancanza di libertà, burocrazia eccessiva, tra i problemi che minacciano la stessa "sopravvivenza" del Partito. Previsto un grande rinnovo nel Politburo. A sorpresa, un trionfale intervento del generale Giap.



    22/10/2005 VIETNAM
    Arrestato per tangenti il capo della sezione anti-corruzione di Hanoi

    L'arresto avviene nel mezzo della campagna governativo contro la corruzione rampante. L'uomo ha ricevuto fondi e terreni per falsificare le indagini su un gruppo petrolifero governativo.



    01/12/2004 VIETNAM
    Hanoi, l'ennesima campagna contro i membri corrotti del partito

    Da tempo la credibilità del governo e della finanza è macchiata da accuse di appropriazione indebita; il paese intende acquistare maggiore credibilità per entrare nel WTO.





    In evidenza

    IRAQ
    Parroco di Amadiya: profughi cristiani di Mosul, fra l’emergenza aiuti e l’attesa del rientro

    P. Samir Youssef

    In una lettera p. Samir Youssef racconta la situazione dei rifugiati, da oltre due anni lontani dalle loro case. Si segue con attenzione l’offensiva, anche se case e chiese “sono in gran parte” bruciate o distrutte. Con l’arrivo dell’inverno servono cherosene, vestiti, cibo e denaro per pagare il trasporto degli studenti. Un appello per continuare a sostenere la campagna di AsiaNews.


    IRAQ
    “Adotta un cristiano di Mosul”: il dono di Natale per attraversare l’inverno

    Bernardo Cervellera

    Le nuove ondate di profughi, con l’avanzata dell’esercito verso la Piana di Ninive e Mosul rischiano di far dimenticare i rifugiati che da due anni hanno trovato ospitalità nel Kurdistan. C’è bisogno di cherosene, vestiti per l’inverno, aiuti per i bambini, soldi per gli affitti. La campagna lanciata da AsiaNews due anni fa è più urgente che mai. Rinunciare a un dono superfluo per offrire loro un dono essenziale per vivere.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®