2 Marzo 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 22/08/2012
VIETNAM
Hanoi: arrestato tycoon della finanza, crollano i mercati
Nguyen Duc Kien, 48 anni, è uno dei fondatori dell'Asia Commercial Bank e ha interessi nel mondo del calcio. Egli è stato fermato per “condotta illegale negli affari”. L’istituto di credito parla di “vicenda personale”, ma il titolo perde punti. La borsa vietnamita segna il peggior dato dall’ottobre 2008.

Hanoi (AsiaNews/Agenzie) - Per reati legati alla finanza, la polizia vietnamita ha arrestato Nguyen Duc Kien, uno dei più importanti banchieri del Paese con interessi nel mondo del calcio e figura di primo piano nell'intreccio fra affari e politica ad Hanoi. Il fermo è avvenuto nei giorni scorsi e ha seminato il panico fra gli investitori, causando il crollo degli indici di borsa che hanno fatto segnare il dato più basso degli ultimi quattro anni. Secondo gli esperti l'intera vicenda è un segnale della profonda "fragilità" e "vulnerabilità" del sistema finanziario nazionale.

Kien, 48 anni (nella foto), è fra i soci fondatori dell'Asia Commercial Bank (Acb), uno degli istituti di credito privati più importanti del Vietnam. Usando il suo ruolo di presidente dell'Hanoi Football Club, egli è diventato famoso al grande pubblico per le feroci critiche lanciate alla Federcalcio vietnamita in merito a un giro di corruzione nel mondo del calcio.  

In base alle accuse, egli sarebbe imputato di malaffare nella gestione di tre compagnie che rientravano sotto il suo diretto controllo. Tuttavia, oltre alla generica "condotta illegale negli affari" non vi sono elementi più precisi riguardo ai presunti crimini commessi.

La notizia del fermo ha destato scalpore all'interno della finanza e degli affari in Vietnam. La borsa a Ho Chi Minh City registrava oggi un segno negativo di 2,1 punti percentuale, confermando il trend già registrato ieri (chiusura a meno 4,7). Dall'ottobre 2008 la borsa vietnamita non registrava un crollo così significativo; anche le azioni dell'istituto di credito guidato da Nguyen Duc Kien registrava indici record in segno negativo: oggi attorno al 6,6%, mentre ieri il dato ha chiuso a meno 7%, il massimo consentito prima che le quotazioni del titolo vengano sospese.

Intanto l'Asia Commercial Bank ha diffuso un comunicato in cui sottolinea che l'arresto non avrà conseguenze sul funzionamento dell'istituto; per il portavoce della banca Nguyen Thanh Toai si tratta infatti di "una questione personale".

In realtà dietro il fermo vi sarebbero anche "guerre" interne alla leadership comunista per la conquista del potere. Kien, infatti, sarebbe una figura molto vicina al Primo Ministro Nguyen Tan Dung, che ha lanciato una sfida più o meno velata al presidente vietnamita Truong Tan Sang per il primato in seno al Partito comunista. Analisti ed esperti di politica spiegano che la cacciata del tycoon della finanza non sarà decisiva per indebolire il premier o minacciare la stabilità; il fatto però è un esempio delle "tensioni" interne, che di rado emergono in superficie.

Nel recente passato il Vietnam era considerato fra le economie emergenti più importanti dell'Asia, alla stregua di Taiwan e Corea del Sud. Tuttavia, preoccupazioni inerenti il sistema bancario hanno gettato ombre oscure sullo sviluppo futuro della nazione. I timori sulla stabilità del Paese sono aggravati da dubbi sulla gestione dell'inflazione, dall'indebolimento della moneta locale, dalla crisi economia mondiale e da un declino negli investimenti esteri. 

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
03/11/2009 VIETNAM
Voci di dissidenti nel coro che prepara il congresso del Partito comunista vietnamita
05/05/2010 VIETNAM
Hanoi, giro di vite contro la corruzione dei funzionari
di Nguyen Hong
20/04/2006 VIETNAM
Vietnam: aperto il 10mo Congresso di un Partito comunista in crisi
22/10/2005 VIETNAM
Arrestato per tangenti il capo della sezione anti-corruzione di Hanoi
01/12/2004 VIETNAM
Hanoi, l'ennesima campagna contro i membri corrotti del partito

In evidenza
EGITTO - ISLAM
Le parole di al-Tayeb e di al-Sisi un grande passo per una rivoluzione dell'islam
di Samir Khalil SamirIl grande imam di Al-Azhar ha denunciato le interpretazioni basate sulla lettera del Corano e della sunna, brandite dai fondamentalisti e dai terroristi islamici; sostiene l'urgenza di una riforma dell'insegnamento dell'islam fra i laici e gli imam; domanda la fine della scomunica (takfir) reciproca fra sunniti e sciiti. E il presidente egiziano al-Sisi ha deciso di combattere lo Stato islamico dopo la decapitazione di 21 cristiani copti, che egli ha definito "cittadini egiziani" a parte intera.
ARABIA SAUDITA - ISLAM
Imam di Al-Azhar: Per fermare l'estremismo islamico occorre una riforma dell'insegnamento religiosoPer Ahmed al-Tayeb è urgente stilare un nuovo curriculum di studi per evitare una "cattiva interpretazione" del Corano e della sunna. Il terrorismo islamico mette in crisi l'unità del mondo musulmano. Il "nuovo colonialismo globale alleato al sionismo mondiale". Il discorso del re saudita.
HONG KONG - CINA - VATICANO
Card. Zen: Sembra che qualcuno voglia farci tacere
di Card. Joseph Zen Ze-kiunIl diffuso ottimismo sul miglioramento del dialogo fra Santa Sede e Cina sembra non avere fondamento. Alcune "tendenziose" interviste a vescovi cinesi, frenati nella libertà di parlare. Le questioni fondamentali sono sempre aperte: chi nomina i vescovi; cosa fare dell'Associazione patriottica. La guida della Lettera di Benedetto XVI ai cattolici cinesi, citata anche da papa Francesco. Un non accordo è meglio di un cattivo accordo. Cosa è successo a mons. Cosma Shi Enxiang? E a mons. Giacomo Su Zhimin? Un'animata riflessione del vescovo emerito di Hong Kong, campione della libertà religiosa in Cina.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate