01 Luglio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 04/01/2016, 00.00

    HONG KONG – CINA

    Hong Kong, “spariti” i proprietari di una libreria critica nei confronti di Pechino



    Lee Bo è il quinto dirigente della Causeway Bay Bookshop a scomparire. Il negozio e la casa editrice collegata sono noti per il loro lavoro sulla lotta per il potere nella Cina continentale e sulla vita privata dei leader comunisti. La popolazione del Territorio in piazza chiede notizie sulla loro sorte. Il Capo dell’Esecutivo: “Inaccettabile se ci fossero dietro le agenzie di sicurezza cinesi, ma non abbiamo prove”. I deputati democratici convinti invece del coinvolgimento del Partito.

    Hong Kong (AsiaNews) – La società civile di Hong Kong è sempre più preoccupata per la sparizione di cinque dirigenti della Causeway Bay Bookshop, libreria specializzata in testi sulla lotta per il potere nella Cina continentale e sulla vita privata dei leader comunisti. Dietro le sparizioni sembra infatti esserci il governo di Pechino. Al momento l’esercizio commerciale è chiuso. Il suo direttore, Lee Bo, è sparito lo scorso 30 dicembre: la polizia del Territorio lo ha inserito nella lista delle persone scomparse. Gli agenti stanno esaminando le telecamere di sicurezza dell’area per capire se siano coinvolti o meno agenti della sicurezza cinese.

    Secondo il quotidiano locale Ming Pao, la moglie di Lee ha ricevuto tre chiamate telefoniche da parte del marito. Nelle conversazioni, il direttore ha chiesto alla donna – parlando in mandarino – di “non aspettarlo presto” e di “mantenere un basso profilo”. Lee ha aggiunto di “stare cooperando con un’inchiesta della polizia”, ma non ha chiarito se si tratti di quella di Hong Kong o della Cina continentale. Il numero di telefono dimostra però che le telefonate sono partite da Shenzhen (Cina meridionale).

    Lo scorso 3 gennaio 2016, diversi attivisti del Territorio si sono riuniti davanti all’Ufficio di Pechino per le relazioni con Hong Kong. Questi hanno chiesto spiegazioni sulla sorte delle persone scomparse. Oltre a Lee Bo sono irreperibili da tempo il cittadino svedese Gui Minhai, proprietario della casa editrice Mighty Current sparito nell’ottobre 2015 in Thailandia; Lam Wing-kei, manager della libreria; Lui Bo, general manager della casa editrice; Cheung Jiping, capo del settore commerciale. Gli ultimi tre sono irrintracciabili dal novembre 2015.

    Davanti all’Ufficio c’erano anche il deputato del Consiglio legislativo Alberto Ho e Lee Chek-yan, entrambi di area democratica. Il primo è convinto che la sparizione dello staff editoriale sia in qualche modo collegata con la pubblicazione di un libro sulle storie d’amore di Xi Jinping; il testo era quasi in pubblicazione. Secondo Lee è “inaccettabile” che la polizia continentale abbia avuto un ruolo nella sparizione: “Sarebbe una violazione assoluta del concetto ‘Una nazione, due sistemi’”. Il riferimento è alla struttura giuridico-sociale e politica messa in piedi da Pechino dopo il ritorno di Hong Kong alla madrepatria (1997); da allora, per 50 anni, l’ex colonia gode di relativa indipendenza dal governo centrale.

    Sulla vicenda si è espresso oggi anche il Capo dell’Esecutivo Leung Chun-ying, secondo il quale “non sarebbe accettabile vedere agenzie di sicurezza cinese operare in Hong Kong, in violazione alla Basic Law [la piccola “Costituzione” del Territorio ndr]. Tuttavia non abbiamo indicazioni o prove del loro coinvolgimento”. Il Global Times, quotidiano comunista in lingua inglese, ha pubblicato sempre oggi un editoriale in cui invita la popolazione a “non speculare” sulla sparizione di Lee e attacca i libri da lui venduti, che “colpiscono la reputazione di stimati funzionari”.

    Fondata nel 1994, la libreria è divenuta molto popolare fra i cinesi in visita a Hong Kong proprio per la disponibilità di libri proibiti in patria. Negli ultimi anni, sono molti gli editori del Territorio finiti in carcere nella Cina continentale per questa attività: fra loro Yiu Man-tin, condannato a 10 anni di galera per “contrabbando”, Wang Jianmin e Wo Zhonxiao, arrestati per “attività economiche illecite”. (J. A.)

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    05/01/2016 HONG KONG – CINA
    Sempre più fitto il mistero di Lee Bo, editore critico di Pechino “sparito nel nulla”
    Una lettera inviata via fax e firmata da lui afferma che si trova in Cina per “collaborare a indagini segrete di cui è meglio che nessuno sappia”. La moglie ritira la denuncia alla polizia di Hong Kong per la sua sparizione. E un giornale ufficiale del Partito afferma: “Sa quanti danni ha commesso, vuole mantenere un basso profilo”. Lee Cheuk-yan: “Questo è ciò che gli abitanti del Territorio temono di più: essere presi da agenti cinesi e portati di nascosto oltreconfine”.

    29/01/2014 HONG KONG - CINA
    Una nuova Rivoluzione culturale: la guerra della Cina contro le pubblicazioni di Hong Kong
    L'editore Yao Wentian, che stava per pubblicare un libro su Xi Jinping, è stato arrestato con l'inganno. Da alcuni anni Pechino fa di tutto per distruggere e bloccare libri, riviste, giornali che si pubblicano nel territorio. Una guerra "senza spari e senza fumo" che la Cina sembra vincere, anche se nasconde i suoi veri problemi.

    09/03/2016 08:45:00 CINA
    Cina, il giornale Caixin chiede libertà di parola: oscurato

    Il magazine è noto in tutto il Paese per i suoi reportage in campo economico e finanziario. Malvisto dalle autorità, è sempre riuscito a sopravvivere grazie al sostegno e al rispetto dei suoi lettori. Un’intervista a un deputato, che chiede la possibilità di intervenire “senza censure” all’Assemblea nazionale del Popolo, viene fatta sparire. In risposta, il giornale pubblica un articolo per raccontare la censura del Partito.



    01/07/2015 CINA
    Pechino, una nuova legge sulla sicurezza nazionale per “proteggere” la propria sovranità
    La legge è stata adottata quasi all’unanimità. Prevede un rafforzamento del potere del governo centrale su temi sensibili come l’informazione e internet. Analisti denunciano un possibile inasprimento del controllo del Partito comunista. La nuova norma ufficialmente non si applica direttamente a Hong Kong e Macau.

    11/01/2016 HONG KONG
    “Basta coi rapimenti”: a migliaia in piazza per gli editori spariti ad Hong Kong
    Almeno 3500 persone hanno marciato fino agli uffici di Pechino nel Territorio chiedendo il rilascio dei cinque dirigenti, critici della Cina, scomparsi a fine dicembre. Crescono i sospetti sul coinvolgimento della polizia cinese.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    Mons. Ma Daqin, il Vaticano e la “logica da banditi” dell’Associazione patriottica

    Gu Feng

    Un sacerdote della Cina centrale ripensa al “voltafaccia” del vescovo di Shanghai e lo paragona a Giovanni il Battista, confinato in prigione dopo le accuse a Erode. La “logica da banditi” dell’Associazione patriottica e del governo tende a eliminare la religione dal Paese. Il Vaticano rischia di contraddirsi venendo a compromessi con l’Associazione patriottica, che papa Benedetto XVI ha definito “incompatibile” con la dottrina cattolica nella Lettera ai cattolici cinesi che papa Francesco non ha smentito, anzi l’ha ribadita.


    CINA - VATICANO
    Il “voltafaccia” di mons. Ma Daqin, una croce per il bene di Shanghai

    p. Pietro dalla Cina

    Il vescovo ausiliare di Shanghai ha a cuore il benessere della sua diocesi e intende portare da solo il fardello delle sue dichiarazioni di quattro anni fa. Le precisazioni di p. Lombardi sul ruolo della Santa Sede fugano ogni dubbio: la Lettera di Benedetto XVI alla Chiesa cinese è ancora valida, quindi la posizione dell’Associazione patriottica non è accettata dal Vaticano. Il commento di un sacerdote cinese, traduzione a cura di AsiaNews.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®