09/09/2014, 00.00
HONG KONG - CINA
Invia ad un amico

Hong Kong, funzionario pro-Cina: Gli studenti in sciopero sono come i mafiosi delle triadi

Wong Kwan-yu, membro dell'Alleanza per la pace e la democrazia (vicina a Pechino), minaccia una campagna di diffamazione e denunce nei confronti di coloro che decideranno di boicottare le lezioni per chiedere vera democrazia per Hong Kong. E accosta i manifestanti alle gang criminali. Benny Tai, co-fondatore di Occupy, risponde: "Siamo soltanto all'inizio, arriveranno altre manifestazioni per il suffragio universale".

Hong Kong (AsiaNews) - Gli studenti che in difesa della democrazia hanno organizzato la campagna di boicottaggio delle lezioni "sono come i mafiosi delle triadi, dato che inciteranno altri studenti a partecipare ad attività illecite". Per questo "abbiamo preparato un sistema che prevede di denunciare coloro che agiscono in questo modo, arrivando a citare le scuole che lo tollerano". Lo ha dichiarato Wong Kwan-yu, membro dell'Alleanza per la pace e la democrazia (vicina alla Cina) e presidente della Federazione dei lavoratori dell'istruzione di Hong Kong.

Il nuovo capitolo della saga sul suffragio universale e la democrazia nel Territorio parte dunque dalle scuole. Dopo il rifiuto espresso da Pechino di concedere un sistema elettorale democratico per la scelta del nuovo capo dell'esecutivo - prevista per il 2017 - il movimento Occupy Central ha annunciato una "nuova era" di disobbedienza civile per la popolazione dell'ex colonia. I primi a rispondere sono stati appunto gli studenti, che hanno annunciato un boicottaggio delle lezioni lungo una settimana a partire dal prossimo 22 settembre.

Wong ha chiarito che l'Alleanza "farà di tutto" per far rientrare lo sciopero, arrivando a denunciare i responsabili e a fare pubblicità negativa contro quelle scuole che permetteranno manifestazioni contrarie ai voleri di Pechino. Poi è arrivato l'affondo: "Non ci sono differenze fra i membri delle triadi mafiose e questi studenti, dato che inciteranno altri giovani a commettere atti illegali".

Le minacce non sembrano spaventare i democratici. Benny Tai Yiu-ting, uno dei tre fondatori del movimento Occupy Central, ha infatti annunciato un sit-in di protesta per chiedere ai deputati del Consiglio legislativo - il piccolo "parlamento" di Hong Kong - di votare contro la risoluzione della Cina continentale. Inoltre, egli ha chiarito che si tratta solo della "prima fase di una nuova era. In questa nuova era, dobbiamo avere un sistema alternativo per costruire la democrazia di Hong Kong". 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Occupy Central: Pronto "un ricco banchetto" per la democrazia di Hong Kong
12/09/2014
Proteste a Hong Kong, la violenza della polizia "un boomerang contro il governo"
29/09/2014
Card. Zen: Con Occupy Central forse abbiamo provocato le ire dell'Imperatore
10/09/2014
I democratici di Hong Kong prendono un quarto dei seggi per le elezioni del capo dell’esecutivo
12/12/2016 15:16
Hong Kong, il governo chiude le porte al suffragio universale
22/04/2015