26 Maggio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 02/01/2013, 00.00

    HONG KONG - CINA

    Hong Kong, in 68mila contro Leung "il bugiardo", sostenuto da Pechino

    Paul Wong

    I manifestanti accusano il capo dell'esecutivo di aver violato la legge e mentito alla popolazione. Ma si accusa soprattutto la sua politica, sfavorevole alle giovani famiglie, l'incuria verso la situazione sociale e la sua sudditanza verso la Cina popolare. I dimostranti a favore di Leung sono stati pagati. L'urgenza della democrazia. Anche il cardinal Tong chiede nel messaggio natalizio suffragio universale per il Territorio.

    Hong Kong (AsiaNews) - Decine di migliaia di persone hanno manifestato ieri, all'inizio dell'anno, per esigere le dimissioni di Leung Chun-ying, capo dell'esecutivo di Hong Kong, accusato di essere un "bugiardo" per aver ristrutturato casa sua senza permessi e aver mentito in pubblico.

    Gli oppositori di Leung, in due cortei per un totale di oltre 68mila partecipanti, portavano cartelli che dipingevano Leung come Pinocchio, o come un lupo, o un diavolo che va "cucinato" (v. foto). I manifestanti accusano Leung di aver costruito una strada di uscita da casa e di aver costruito un parcheggio coperto, il tutto senza i permessi legali. Per lo stesso motivo (in questo caso la costruzione di una cantina), il suo concorrente alle elezioni del governo, Henry Tang, era stato estromesso dalla gara.

    Ma i motivi che hanno spinto a dimostrare sono vari e si concentrano sull'insoddisfazione verso la politica di Leung, sempre più succube di Pechino e meno preoccupata del benessere della popolazione del territorio. Hong Kong è al primo posto nel mondo per i prezzi delle case, che sono aumentate del doppio in quattro anni, rendendo difficile la vita delle giovani famiglie. L'ex colonia britannica è anche molto inquinata, con 3mila morti premature all'anno a causa dell'aria pessima. A squalificare Leung come una pedina di Pechino vi è il tentativo - rifiutato dalla popolazione - di inserire nelle scuole una "educazione patriottica" che esalta i risultati della Cina popolare e quello di reinserire una legge per la sicurezza che riduce la libertà di espressione e di associazione.

    La marcia di ieri mirava soprattutto a esigere le elezioni dirette del capo dell'esecutivo e il suffragio universale che la popolazione di Hong Kong non ha mai ottenuto, né sotto i britannici, né sotto la Cina. Pechino ha dichiarato che solo dal 2017 si potrà parlare di democrazia, temendo che la situazione del territorio possa infiammare le richieste di democrazia nella madrepatria.

    I parlamentari dell'area democratica vogliono presentare una mozione per aprire un'inchiesta sulle "serie violazioni" della legge da parte di  Leung, che potrebbe portare all'impeachment del capo dell'esecutivo. Ma l'opposizione in parlamento gode solo di un terzo dei seggi.

    Per la cronaca, ieri si è svolta anche una manifestazione a favore di Leung, con sventolii della bandiera della Cina popolare e con danze, che ha raccolto poco più di 8mila persone. Secondo il portale cinese The House News, la gente che ha partecipato a questo raduno ha ricevuto 250 dollari di Hong Kong da qualche oscura  organizzazione. In serata, alcuni manifestanti anti-Leung hanno avuto uno scontro con la polizia, che ha arrestato nove persone per disordini.

    Secondo gli organizzatori, i partecipanti alla marcia erano invece più di 130mila. Fra questi anche molti cattolici, che hanno chiesto al capo dell'esecutivo di dimettersi. La marcia è stata infatti organizzata dal Civic Front, una coalizione che include gruppi cristiani, lavoratori, donne, studenti e partiti politici. La portavoce Jackie Hung Ling-yu, una cattolica, spiega che la protesta è una difesa dei valori centrali di Hong Kong e una richiesta affinché venga introdotto il sistema "una testa un voto" per eleggere il nuovo capo di Hong Kong dopo le dimissioni di Leung.

    Rose, una cattolica che ha partecipato alla marcia, spiega ad AsiaNews di essere "arrabbiata per la mancanza di integrità e di fiducia di Leung, peggiorata con i problemi di costruzione della sua casa. Questo modo di fare mina i valori centrali di Hong Kong: lo stato di diritto, la libertà, i diritti umani, l'uguaglianza e il rispetto degli altri. Come capo del governo, dovrebbe come prima cosa rispettare lo stato di diritto". "I suoi stretti legami con Pechino - conclude - contribuiscono a far perdere a Hong kong la propria indipendenza e danneggiano la grande autonomia del Territorio".

    Nel messaggio natalizio del cardinale John Tong, anche il presule chiede l'introduzione del suffragio universale per l'elezione del capo dell'esecutivo e di tutti i membri della legislatura. Allo stesso tempo, durante la messa per la pace celebrata ieri in cattedrale, il cardinal Tong ha ricordato ai fedeli nell'omelia che gli operatori di pace devono rispettare la vita, il matrimonio e i valori familiari, la libertà e i diritti umani inclusa la libertà religiosa.

    Il porporato ha citato il messaggio del 25 dicembre di Benedetto XVI, che chiede ai nuovi leader cinesi di rispettare le religioni e stimare il contributo che danno alla società. I fedeli hanno pregato per "la tormentata Chiesa di Cina", sperando che i cattolici che vivono sotto l'oppressione possano persistere nella loro fede e che la paura della religione delle autorità venga sconfitta. Inoltre hanno chiesto che non venga usata la violenza. Nelle preghiere sono stati ricordati anche gli emarginati della società.

    (ha collaborato Eugenia Zhang)

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    25/05/2010 HONG KONG – CINA
    Pechino mostra di “aprire” ai democratici sulle riforme a Hong Kong
    Storico incontro, ieri, fra i leader del Partito democratico e il vice direttore dell’Ufficio cinese per i rapporti con Hong Kong, che loda il “pragmatismo” dei rivali, ma avverte: “Non tutti vogliono il suffragio universale”.

    13/10/2014 HONG KONG - CINA
    Appello ai giovani di Hong Kong: "Non mollate, combattete anche per il futuro della Cina"
    È il senso di una lettera scritta da un ragazzo della Cina continentale che studia nel Territorio: "Vivendo qui ho sperimentato il pregiudizio contro di noi, e mi sentivo diviso tra due mondi. Ma durante le proteste ho scelto da che parte stare: voi vi battete per principi che per noi non sono neanche immaginabili". Nel frattempo continuano gli scontri violenti fra manifestanti e gruppi anti-Occupy.

    17/02/2016 10:27:00 HONG KONG – CINA
    Il governo di Hong Kong rifiuta un’indagine indipendente sugli scontri di Mong Kok. Il pugno duro di Pechino

    Pechino si dimostra sempre più inflessibile sugli affari dell’ex colonia e usa per la prima volta il termine “separatisti radicali”. Il referendum rimane sulla carta e cresce il rischio di tensioni sociali.



    14/11/2014 HONG KONG-CINA
    Gli studenti di Occupy in viaggio "di protesta politica" a Pechino
    I giovani vogliono incontrare il premier Li Keqiang e membri dell'Assemblea nazionale del popolo, responsabili della decisione di ridurre la libertà di voto ad Hong Kong. Timori per un intervento della polizia per smantellare barricate e sit-in. Liberati 31 giovani, arrestati lo scorso ottobre.

    23/09/2014 HONG KONG - CINA
    Hong Kong, migliaia di studenti in piazza "per la democrazia e la libertà"
    Oltre 13mila giovani del Territorio aderiscono allo sciopero delle lezioni. Una settimana di dimostrazioni pacifiche per chiedere a Pechino di concedere il suffragio universale. Fra i presenti anche ragazzi della Cina continentale: "Grande ammirazione per i nostri colleghi. Da noi, se pensi qualcosa non puoi dirlo ad alta voce". Xi Jinping ammonisce Occupy Central: "Potremmo giocare un ruolo più pressante nella politica locale".



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    La persecuzione dei cattolici durante la Rivoluzione culturale

    Sergio Ticozzi

    La documentazione di quel violento periodo è stata bruciata o è sepolta negli archivi. Solo alcuni sopravvissuti ne parlano. I persecutori tacciono nella paura. I roghi degli oggetti religiosi e arredi nell’Hebei. Vescovi umiliati e arrestati nell’Henan; suore battute e uccise con bastoni, o sepolte vive. La persecuzione “non è ancora finita”; oggi è forse solo più sottile.


    CINA
    Il silenzio sui 50 anni della Rivoluzione Culturale in Cina e in occidente

    Bernardo Cervellera

    La sanguinosa campagna lanciata da Mao Zedong ha ucciso quasi 2 milioni di persone e mandato nei lager altri 4 milioni. Ogni cinese è stato segnato dalla paura. Ma oggi, nessuna cerimonia in memoria è stata prevista e non è apparso nessun articolo di giornale. Le lotte interne del Partito e il timore di Xi Jinping di finire come l’Urss. Anche oggi, come allora, in Europa c’è chi tace e osanna il mito della Cina. Molti predicono un ritorno al “grande caos”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®