Skin ADV
08 Febbraio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 04/08/2012, 00.00

    CINA – ASIA

    Hrw: in Asia tossicodipendenti rinchiusi nei lager, fra diritti negati e torture



    Centinaia di migliaia di persone in Cina, Vietnam, Cambogia e Laos detenute senza processo e vittime di torture e violenze. In nome di un presunto “trattamento sanitario” sono sottoposte a lavoro forzato e abusi. Le strutture realizzate e mantenute con i soldi di Paesi donatori e agenzie Onu.

    Pechino (AsiaNews/Agenzie) - Centinaia di migliaia di persone indentificate come tossicodipendenti in Cina e nel Sud-est asiatico sono detenute senza processo in centri dove subiscono torture, violenze psicologiche e sessuali, in nome del "trattamento sanitario" loro impartito. È quanto denuncia Human Rights Watch (Hrw), in un recente rapporto di 23 pagine intitolato "Torture in nome di cure mediche: le violazioni ai diritti umani in Vietnam, Cina, Cambogia e Laos". Questi centri, aggiungono gli esperti dell'organismo con base a New York (Stati Uniti), hanno ricevuto sostegno finanziario e fondi dai Paesi donatori e da agenzie delle Nazioni Unite; tuttavia, al loro interno si evidenzia una negazione "sistematica" del diritto alla cura per sieropositivi che, al contrario, sono soggetti a lavori forzati e abusi.

    Nel documento di Hrw emerge che oltre 350mila persone, identificate come "consumatori abituali di droghe", sono state rinchiuse in centri equiparabili a vere e proprie prigioni, in nome del "trattamento" sanitario da seguire per disintossicarsi. La privazione della libertà poteva durare fino a cinque anni e riguardava anche semplici cittadini senza fissa dimora, malati di mente e bambini di strada. Nei lager gli "ospiti" devono sostenere esercitazioni di stampo militare, intonare slogan e lavorare in condizioni equiparabili alla schiavitù come tappa di un fantomatico "terapeutico".

    Joe Amon, direttore del dipartimento Sanità e diritti umani di Hrw, sottolinea che "percosse, lavoro forzato e umiliazioni" non fanno parte del percorso terapeutico indicato per la lotta alla dipendenza. "Questi centri vanno chiusi" aggiunge e forniti al loro posto "programmi di disintossicazione seri". Pechino, Hanoi, Phnom Penh e Vientiane violano sistematicamente i diritti dei malati, privando le persone della libertà individuale. Sono prelevati dalla polizia o spediti come "volontari" nei centri, grazie anche alle pressioni di parenti, amministratori o capi-villaggio che vogliono rendere la loro zona "drug free". E una volta rinchiuse, le persone - siano essi consumatori occasionali o persino "presunti" tossici - non possono più fuggire, né ricevere cure mediche.

    Ricerche recenti hanno inoltre dimostrato che questi lager favoriscono la diffusione di malattie come l'Aids o la crescita rapida del numero di sieropositivi. In Vietnam la "terapia del lavoro" è parte integrante del trattamento contro la tossicodipendenza e i centri di accoglienza altro non sono che campi di lavoro forzato, al cui interno decine di migliaia di persone lavorano per sei giorni alla settimana ricoprendo le mansioni più umili e faticose. E le punizioni per eventuali errori commessi sfociano sovente in episodi di tortura. Una pratica che, oltre al Vietnam, viene applicata con uguale durezza in Cambogia, Laos e Cina dove il lavoro dei detenuti viene sfruttato per la produzione di oggetti e manufatti.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    14/01/2015 CAMBOGIA
    Hun Sen: 30 anni al potere in Cambogia fra corruzione, abusi e violazioni ai diritti umani
    Il Primo Ministro celebra oggi i tre decenni passati nel governo del Paese: è uno dei leader con il curriculum più lungo al mondo. Egli ha difeso il proprio operato, affermando di aver restituito pace e unità. Per i critici il suo dominio è caratterizzato da corruzione, omicidi extra-giudiziali, torture, arresti arbitrari. Hrw: la Cambogia è una nazione fondata “sul partito unico”.

    25/11/2004 LAOS
    L'Asean guarda al modello economico europeo


    22/11/2005 Cina – Onu
    Investigatore Onu: "Torture diffuse in Cina, ma Pechino collabora"

    Il primo inviato delle Nazioni Unite sulle torture arriva in Cina. La situazione "grave", ma la leadership "vuole migliorare". Previste visite in Tibet e Xinjiang. "Garanzie migliori di quelle che ha concesso il Pentagono per Guantanamo Bay".



    20/10/2010 LAOS - VIETNAM - CINA
    Moratoria per le dighe sul Mekong: distruggono ambiente e popolazione
    Il Laos e la Cambogia programmano dighe per vendere energia elettrica. La Cina ha 4 grandi dighe a monte ed è accusata di sottrarre l’acqua. A rischio l’ecosistema del fiume e la vita di 65 milioni di persone. Vietnam e Thailandia non contrarie a un coinvolgimento degli Usa.

    20/02/2014 LAOS
    Censure, sequestri e abusi: Vientiane è il regime “più repressivo” del Sud-est asiatico
    Attivisti denunciano: "nel Paese vi è un governo dittatoriale e repressivo in tema di libertà individuali e diritti civili". La sparizione di Sombath Somphone un monito per tutti gli attivisti e oppositori al regime. Un laotiano conferma: non si può discutere di politica o criticare il partito comunista al potere. Anche la religione sotto lo stretto controllo dello Stato.



    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Intervista al Papa sulla Cina: entusiasmo e scetticismo fra i cattolici cinesi. Alcuni sacerdoti sotto il torchio della polizia

    Maria Chen

    Giornali e radio di Stato hanno dato notizia dell’intervista di papa Francesco ad Asia Times. Vi è chi sogna che il pontefice possa visitare la Cina al più presto. Sacerdoti sotterranei sotto interrogatorio. Apprezzamenti per “il ramo d’ulivo” teso dal pontefice e per aver sottolineato il valore della cultura cinese. Ma si è scettici verso la risposta della leadership di Pechino. Il dialogo fra Cina e Vaticano non porta a risultati perché vi sono interessi diversi: politici e religiosi. Non avere fretta di stabilire relazioni diplomatiche per non sacrificare la libertà della Chiesa e il sacrificio dei suoi martiri. La Chiesa cinese è in crescita.


    VATICANO-CINA
    Papa Francesco ridice il suo amore alla Cina e a Xi Jinping



    Il pontefice elogia la “saggezza” e la “grandezza” della Cina e fa gli auguri a Xi Jinping per il Nuovo Anno cinese della Scimmia. Non bisogna “temere” la Cina, ma entrare in dialogo con essa per mantenere la pace nel mondo. Avere “misericordia” per il recente passato del Paese e “andare avanti” per cambiare la realtà. Nell’intervista, per scelta del giornalista, non si parla dei dialoghi fra Vaticano e Cina o di temi religiosi.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    Terra Santa Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®