30 Maggio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 04/08/2012, 00.00

    CINA – ASIA

    Hrw: in Asia tossicodipendenti rinchiusi nei lager, fra diritti negati e torture



    Centinaia di migliaia di persone in Cina, Vietnam, Cambogia e Laos detenute senza processo e vittime di torture e violenze. In nome di un presunto “trattamento sanitario” sono sottoposte a lavoro forzato e abusi. Le strutture realizzate e mantenute con i soldi di Paesi donatori e agenzie Onu.

    Pechino (AsiaNews/Agenzie) - Centinaia di migliaia di persone indentificate come tossicodipendenti in Cina e nel Sud-est asiatico sono detenute senza processo in centri dove subiscono torture, violenze psicologiche e sessuali, in nome del "trattamento sanitario" loro impartito. È quanto denuncia Human Rights Watch (Hrw), in un recente rapporto di 23 pagine intitolato "Torture in nome di cure mediche: le violazioni ai diritti umani in Vietnam, Cina, Cambogia e Laos". Questi centri, aggiungono gli esperti dell'organismo con base a New York (Stati Uniti), hanno ricevuto sostegno finanziario e fondi dai Paesi donatori e da agenzie delle Nazioni Unite; tuttavia, al loro interno si evidenzia una negazione "sistematica" del diritto alla cura per sieropositivi che, al contrario, sono soggetti a lavori forzati e abusi.

    Nel documento di Hrw emerge che oltre 350mila persone, identificate come "consumatori abituali di droghe", sono state rinchiuse in centri equiparabili a vere e proprie prigioni, in nome del "trattamento" sanitario da seguire per disintossicarsi. La privazione della libertà poteva durare fino a cinque anni e riguardava anche semplici cittadini senza fissa dimora, malati di mente e bambini di strada. Nei lager gli "ospiti" devono sostenere esercitazioni di stampo militare, intonare slogan e lavorare in condizioni equiparabili alla schiavitù come tappa di un fantomatico "terapeutico".

    Joe Amon, direttore del dipartimento Sanità e diritti umani di Hrw, sottolinea che "percosse, lavoro forzato e umiliazioni" non fanno parte del percorso terapeutico indicato per la lotta alla dipendenza. "Questi centri vanno chiusi" aggiunge e forniti al loro posto "programmi di disintossicazione seri". Pechino, Hanoi, Phnom Penh e Vientiane violano sistematicamente i diritti dei malati, privando le persone della libertà individuale. Sono prelevati dalla polizia o spediti come "volontari" nei centri, grazie anche alle pressioni di parenti, amministratori o capi-villaggio che vogliono rendere la loro zona "drug free". E una volta rinchiuse, le persone - siano essi consumatori occasionali o persino "presunti" tossici - non possono più fuggire, né ricevere cure mediche.

    Ricerche recenti hanno inoltre dimostrato che questi lager favoriscono la diffusione di malattie come l'Aids o la crescita rapida del numero di sieropositivi. In Vietnam la "terapia del lavoro" è parte integrante del trattamento contro la tossicodipendenza e i centri di accoglienza altro non sono che campi di lavoro forzato, al cui interno decine di migliaia di persone lavorano per sei giorni alla settimana ricoprendo le mansioni più umili e faticose. E le punizioni per eventuali errori commessi sfociano sovente in episodi di tortura. Una pratica che, oltre al Vietnam, viene applicata con uguale durezza in Cambogia, Laos e Cina dove il lavoro dei detenuti viene sfruttato per la produzione di oggetti e manufatti.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    14/01/2015 CAMBOGIA
    Hun Sen: 30 anni al potere in Cambogia fra corruzione, abusi e violazioni ai diritti umani
    Il Primo Ministro celebra oggi i tre decenni passati nel governo del Paese: è uno dei leader con il curriculum più lungo al mondo. Egli ha difeso il proprio operato, affermando di aver restituito pace e unità. Per i critici il suo dominio è caratterizzato da corruzione, omicidi extra-giudiziali, torture, arresti arbitrari. Hrw: la Cambogia è una nazione fondata “sul partito unico”.

    25/11/2004 LAOS
    L'Asean guarda al modello economico europeo


    22/11/2005 Cina – Onu
    Investigatore Onu: "Torture diffuse in Cina, ma Pechino collabora"

    Il primo inviato delle Nazioni Unite sulle torture arriva in Cina. La situazione "grave", ma la leadership "vuole migliorare". Previste visite in Tibet e Xinjiang. "Garanzie migliori di quelle che ha concesso il Pentagono per Guantanamo Bay".



    20/10/2010 LAOS - VIETNAM - CINA
    Moratoria per le dighe sul Mekong: distruggono ambiente e popolazione
    Il Laos e la Cambogia programmano dighe per vendere energia elettrica. La Cina ha 4 grandi dighe a monte ed è accusata di sottrarre l’acqua. A rischio l’ecosistema del fiume e la vita di 65 milioni di persone. Vietnam e Thailandia non contrarie a un coinvolgimento degli Usa.

    20/02/2014 LAOS
    Censure, sequestri e abusi: Vientiane è il regime “più repressivo” del Sud-est asiatico
    Attivisti denunciano: "nel Paese vi è un governo dittatoriale e repressivo in tema di libertà individuali e diritti civili". La sparizione di Sombath Somphone un monito per tutti gli attivisti e oppositori al regime. Un laotiano conferma: non si può discutere di politica o criticare il partito comunista al potere. Anche la religione sotto lo stretto controllo dello Stato.



    In evidenza

    IRAQ
    Patriarca di Baghdad: cristiani e musulmani in preghiera per la pace, fra Mese di Maggio e Ramadan

    Joseph Mahmoud

    Il 30 maggio la chiesa della Regina del Rosario a Baghdad ospiterà una preghiera interreligiosa contro le violenze e il terrorismo. A lanciare l’iniziativa il patriarca caldeo: non le opzioni militari, ma la preghiera contro conflitti che colpiscono “la popolazione innocente”. Un invito anche ai musulmani a riflettere per formare una nuova mentalità, una nuova cultura.

     


    EGITTO-ISLAM-VATICANO
    Papa Francesco e il Grande imam di Al Azhar, il detto e il “non detto”

    Samir Khalil Samir

    Vi sono molti aspetti positivi nell’incontro fra il pontefice e la suprema autorità sunnita, insieme a qualche silenzio. Per Al Tayyib l’islam non ha niente a che fare con il terrorismo. Ma l’Isis usa la bandiera nera di Maometto, la spada del profeta, le frasi del Corano. I terroristi prendono le loro affermazioni sanguinarie da molti imam. E’ urgente un nuovo rinascimento dell’islam, rileggendo la tradizione nella modernità: un lavoro interrotto dal fondamentalismo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®