3 Marzo 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 04/08/2012
CINA – ASIA
Hrw: in Asia tossicodipendenti rinchiusi nei lager, fra diritti negati e torture
Centinaia di migliaia di persone in Cina, Vietnam, Cambogia e Laos detenute senza processo e vittime di torture e violenze. In nome di un presunto “trattamento sanitario” sono sottoposte a lavoro forzato e abusi. Le strutture realizzate e mantenute con i soldi di Paesi donatori e agenzie Onu.

Pechino (AsiaNews/Agenzie) - Centinaia di migliaia di persone indentificate come tossicodipendenti in Cina e nel Sud-est asiatico sono detenute senza processo in centri dove subiscono torture, violenze psicologiche e sessuali, in nome del "trattamento sanitario" loro impartito. È quanto denuncia Human Rights Watch (Hrw), in un recente rapporto di 23 pagine intitolato "Torture in nome di cure mediche: le violazioni ai diritti umani in Vietnam, Cina, Cambogia e Laos". Questi centri, aggiungono gli esperti dell'organismo con base a New York (Stati Uniti), hanno ricevuto sostegno finanziario e fondi dai Paesi donatori e da agenzie delle Nazioni Unite; tuttavia, al loro interno si evidenzia una negazione "sistematica" del diritto alla cura per sieropositivi che, al contrario, sono soggetti a lavori forzati e abusi.

Nel documento di Hrw emerge che oltre 350mila persone, identificate come "consumatori abituali di droghe", sono state rinchiuse in centri equiparabili a vere e proprie prigioni, in nome del "trattamento" sanitario da seguire per disintossicarsi. La privazione della libertà poteva durare fino a cinque anni e riguardava anche semplici cittadini senza fissa dimora, malati di mente e bambini di strada. Nei lager gli "ospiti" devono sostenere esercitazioni di stampo militare, intonare slogan e lavorare in condizioni equiparabili alla schiavitù come tappa di un fantomatico "terapeutico".

Joe Amon, direttore del dipartimento Sanità e diritti umani di Hrw, sottolinea che "percosse, lavoro forzato e umiliazioni" non fanno parte del percorso terapeutico indicato per la lotta alla dipendenza. "Questi centri vanno chiusi" aggiunge e forniti al loro posto "programmi di disintossicazione seri". Pechino, Hanoi, Phnom Penh e Vientiane violano sistematicamente i diritti dei malati, privando le persone della libertà individuale. Sono prelevati dalla polizia o spediti come "volontari" nei centri, grazie anche alle pressioni di parenti, amministratori o capi-villaggio che vogliono rendere la loro zona "drug free". E una volta rinchiuse, le persone - siano essi consumatori occasionali o persino "presunti" tossici - non possono più fuggire, né ricevere cure mediche.

Ricerche recenti hanno inoltre dimostrato che questi lager favoriscono la diffusione di malattie come l'Aids o la crescita rapida del numero di sieropositivi. In Vietnam la "terapia del lavoro" è parte integrante del trattamento contro la tossicodipendenza e i centri di accoglienza altro non sono che campi di lavoro forzato, al cui interno decine di migliaia di persone lavorano per sei giorni alla settimana ricoprendo le mansioni più umili e faticose. E le punizioni per eventuali errori commessi sfociano sovente in episodi di tortura. Una pratica che, oltre al Vietnam, viene applicata con uguale durezza in Cambogia, Laos e Cina dove il lavoro dei detenuti viene sfruttato per la produzione di oggetti e manufatti.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
14/01/2015 CAMBOGIA
Hun Sen: 30 anni al potere in Cambogia fra corruzione, abusi e violazioni ai diritti umani
25/11/2004 LAOS
L'Asean guarda al modello economico europeo
22/11/2005 Cina – Onu
Investigatore Onu: "Torture diffuse in Cina, ma Pechino collabora"
20/10/2010 LAOS - VIETNAM - CINA
Moratoria per le dighe sul Mekong: distruggono ambiente e popolazione
22/06/2013 CAMBOGIA – LAOS – VIETNAM
Con la diga di Xayaburi, pesce gatto gigante a rischio estinzione

In evidenza
EGITTO - ISLAM
Le parole di al-Tayeb e di al-Sisi un grande passo per una rivoluzione dell'islam
di Samir Khalil SamirIl grande imam di Al-Azhar ha denunciato le interpretazioni basate sulla lettera del Corano e della sunna, brandite dai fondamentalisti e dai terroristi islamici; sostiene l'urgenza di una riforma dell'insegnamento dell'islam fra i laici e gli imam; domanda la fine della scomunica (takfir) reciproca fra sunniti e sciiti. E il presidente egiziano al-Sisi ha deciso di combattere lo Stato islamico dopo la decapitazione di 21 cristiani copti, che egli ha definito "cittadini egiziani" a parte intera.
ARABIA SAUDITA - ISLAM
Imam di Al-Azhar: Per fermare l'estremismo islamico occorre una riforma dell'insegnamento religiosoPer Ahmed al-Tayeb è urgente stilare un nuovo curriculum di studi per evitare una "cattiva interpretazione" del Corano e della sunna. Il terrorismo islamico mette in crisi l'unità del mondo musulmano. Il "nuovo colonialismo globale alleato al sionismo mondiale". Il discorso del re saudita.
HONG KONG - CINA - VATICANO
Card. Zen: Sembra che qualcuno voglia farci tacere
di Card. Joseph Zen Ze-kiunIl diffuso ottimismo sul miglioramento del dialogo fra Santa Sede e Cina sembra non avere fondamento. Alcune "tendenziose" interviste a vescovi cinesi, frenati nella libertà di parlare. Le questioni fondamentali sono sempre aperte: chi nomina i vescovi; cosa fare dell'Associazione patriottica. La guida della Lettera di Benedetto XVI ai cattolici cinesi, citata anche da papa Francesco. Un non accordo è meglio di un cattivo accordo. Cosa è successo a mons. Cosma Shi Enxiang? E a mons. Giacomo Su Zhimin? Un'animata riflessione del vescovo emerito di Hong Kong, campione della libertà religiosa in Cina.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate