4 Agosto 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 04/08/2012
CINA – ASIA
Hrw: in Asia tossicodipendenti rinchiusi nei lager, fra diritti negati e torture
Centinaia di migliaia di persone in Cina, Vietnam, Cambogia e Laos detenute senza processo e vittime di torture e violenze. In nome di un presunto “trattamento sanitario” sono sottoposte a lavoro forzato e abusi. Le strutture realizzate e mantenute con i soldi di Paesi donatori e agenzie Onu.

Pechino (AsiaNews/Agenzie) - Centinaia di migliaia di persone indentificate come tossicodipendenti in Cina e nel Sud-est asiatico sono detenute senza processo in centri dove subiscono torture, violenze psicologiche e sessuali, in nome del "trattamento sanitario" loro impartito. È quanto denuncia Human Rights Watch (Hrw), in un recente rapporto di 23 pagine intitolato "Torture in nome di cure mediche: le violazioni ai diritti umani in Vietnam, Cina, Cambogia e Laos". Questi centri, aggiungono gli esperti dell'organismo con base a New York (Stati Uniti), hanno ricevuto sostegno finanziario e fondi dai Paesi donatori e da agenzie delle Nazioni Unite; tuttavia, al loro interno si evidenzia una negazione "sistematica" del diritto alla cura per sieropositivi che, al contrario, sono soggetti a lavori forzati e abusi.

Nel documento di Hrw emerge che oltre 350mila persone, identificate come "consumatori abituali di droghe", sono state rinchiuse in centri equiparabili a vere e proprie prigioni, in nome del "trattamento" sanitario da seguire per disintossicarsi. La privazione della libertà poteva durare fino a cinque anni e riguardava anche semplici cittadini senza fissa dimora, malati di mente e bambini di strada. Nei lager gli "ospiti" devono sostenere esercitazioni di stampo militare, intonare slogan e lavorare in condizioni equiparabili alla schiavitù come tappa di un fantomatico "terapeutico".

Joe Amon, direttore del dipartimento Sanità e diritti umani di Hrw, sottolinea che "percosse, lavoro forzato e umiliazioni" non fanno parte del percorso terapeutico indicato per la lotta alla dipendenza. "Questi centri vanno chiusi" aggiunge e forniti al loro posto "programmi di disintossicazione seri". Pechino, Hanoi, Phnom Penh e Vientiane violano sistematicamente i diritti dei malati, privando le persone della libertà individuale. Sono prelevati dalla polizia o spediti come "volontari" nei centri, grazie anche alle pressioni di parenti, amministratori o capi-villaggio che vogliono rendere la loro zona "drug free". E una volta rinchiuse, le persone - siano essi consumatori occasionali o persino "presunti" tossici - non possono più fuggire, né ricevere cure mediche.

Ricerche recenti hanno inoltre dimostrato che questi lager favoriscono la diffusione di malattie come l'Aids o la crescita rapida del numero di sieropositivi. In Vietnam la "terapia del lavoro" è parte integrante del trattamento contro la tossicodipendenza e i centri di accoglienza altro non sono che campi di lavoro forzato, al cui interno decine di migliaia di persone lavorano per sei giorni alla settimana ricoprendo le mansioni più umili e faticose. E le punizioni per eventuali errori commessi sfociano sovente in episodi di tortura. Una pratica che, oltre al Vietnam, viene applicata con uguale durezza in Cambogia, Laos e Cina dove il lavoro dei detenuti viene sfruttato per la produzione di oggetti e manufatti.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
14/01/2015 CAMBOGIA
Hun Sen: 30 anni al potere in Cambogia fra corruzione, abusi e violazioni ai diritti umani
25/11/2004 LAOS
L'Asean guarda al modello economico europeo
22/11/2005 Cina – Onu
Investigatore Onu: "Torture diffuse in Cina, ma Pechino collabora"
20/10/2010 LAOS - VIETNAM - CINA
Moratoria per le dighe sul Mekong: distruggono ambiente e popolazione
20/02/2014 LAOS
Censure, sequestri e abusi: Vientiane è il regime “più repressivo” del Sud-est asiatico

In evidenza
CINA
Wenzhou, anche la Chiesa non ufficiale contro le demolizioni. La diocesi in digiuno
di Joseph YuanDopo la marcia del 90enne vescovo ufficiale mons. Vincent Zhu Weifang, il coadiutore mons. Peter Shao Zhumin e tutto il clero non ufficiale pubblicano una lettera aperta in cui chiedono di fermare la campagna di demolizione delle croci. Un appello ai cattolici “della Cina e del mondo intero” affinché si uniscano alla protesta, a sostegno della Chiesa cinese. Persino un vescovo illecito manifesta solidarietà con il clero del Zhejiang, contro gli atti del governo.
CINA
Wenzhou: Vescovo 90enne e 26 preti manifestano contro la demolizione delle croci
di Joseph YuanNon è la prima volta che l'anziano vescovo e i suoi sacerdoti si esprimono contro la campagna di demolizione di croci e chiese, che ha colpito oltre 400 edifici. La polizia ha cercato di disperderli e il gruppo ha presentato una petizione. La coroncina della Divina Misericordia a sostegno della Chiesa cinese. Entro il 31 agosto verranno abbattute le croci delle chiese nella zona di Lishui.
ISRAELE-IRAN
Dopo l’accordo sul nucleare, Israele dovrebbe diventare il miglior alleato dell’Iran
di Uri AvneryE’ la tesi del grande statista e pacifista Uri Avnery, leader del gruppo Gush Shalom, sostenitore della pace fra israeliani e palestinesi. Secondo Avnery, l’Iran desidera solo essere una potenza regionale e del mondo islamico, capace di commerciare con tutti, grazie alla sua raffinata e millenaria esperienza. Di fronte, rivolti al passato, vi sono le monarchie e gli emirati del Golfo. L’Iran può essere un ottimo alleato contro Daesh. Gli abbagli di Netanyahu e dei politici e media israeliani. (Traduzione dall’inglese di AsiaNews).

Dossier


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate