17 Gennaio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  •    - Brunei
  •    - Cambogia
  •    - Filippine
  •    - Indonesia
  •    - Laos
  •    - Malaysia
  •    - Myanmar
  •    - Singapore
  •    - Tailandia
  •    - Timor Est
  •    - Vietnam
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 20/05/2015, 00.00

    VIETNAM

    Hue: sacerdoti e fedeli a difesa del monastero di Thiên An, nel mirino delle autorità comuniste

    Truong Anh

    Il luogo di culto oggetto di attacchi da parte di polizia e teppisti assoldati dall’amministrazione locale. Il governo vuole requisire la struttura e il parco, che ospita una foresta protetta, per costruire un parco di divertimenti. Studenti cattolici: "Terrorismo psicologico per costringere la Chiesa a vendere i terreni".

    Hue (AsiaNews) - Nuovo attacco delle autorità comuniste contro una proprietà della Chiesa vietnamita, da tempo al centro di una campagna di requisizioni ed espropri forzati. Al centro della controversia il monastero di Thiên An, fondato il 10 giugno 1940 da missionari francesi, nella diocesi di Hue, al centro del Vietnam. La struttura è visitata dai fedeli e ospita sacerdoti, suore, religiosi e seminaristi che svolgono attività pastorale (al servizio di cattolici e fedeli di altre religioni), in tre diverse chiese della città. L’amministrazione locale intende requisire l’area di un centinaio di ettari e l’annessa struttura, mettendola a disposizione dell’agenzia viaggi “Antica capitale Hue” per la costruzione di un centro ricreativo e un parco di divertimenti. 

    Negli ultimi giorni il monastero è stato oggetto degli attacchi di gangster e scagnozzi assoldati dalle autorità locali per impaurire i cattolici e convincerli ad abbandonare l’area. A questi si aggiungono i raid di poliziotti che, a più riprese, hanno fatto irruzione nella struttura e minacciato di occuparla. Un doppio assalto, cui sacerdoti e fedeli si sono opposti con fermezza, rifiutandosi di consegnare terreni e struttura. 

    Del resto secondo la legge vietnamita il monastero di Thiên An è un luogo di culto destinato alla pratica religiosa. Esso ha contribuito con molti progetti sociali e culturali allo sviluppo della zona, insieme a iniziative di protezione dell’ambiente, tutela della salute e conservazione di una foresta protetta. Fonti locali parlano di “polmone verde” dell’antica capitale del Vietnam “a beneficio di tutta la comunità”, mentre il progetto dell’agenzia viaggi servirà solo ad arricchire una sparuta minoranza. 

    Un gruppo di studenti cattolici, dietro anonimato, riferiscono ad AsiaNews che “finora le autorità locali non hanno desistito da proposito di occupare i terreni della Chiesa vietnamita”, con il solo scopo di “fare i loro affari”. Poliziotti e malavitosi “minacciano la sicurezza dei religiosi”, aggiungono, e usano il “terrorismo psicologico per requisire i terreni, al fine di attuare ad ogni costo i loro affari illeciti”. 

    Contro il nuovo tentativo di esproprio i fedeli della diocesi di Hue si sono stretti attorno a quanti vivono nel monastero di Thiên An, promuovendo iniziative di preghiera comune contro gli abusi del governo e le violazioni alla libertà religiosa. 

    Oggi in Vietnam, a fronte di una popolazione di circa 87 milioni di persone, i buddisti sono il 48%; i cattolici poco più del 7%, seguiti dai sincretisti al 5,6%; infine, vi è un 20% circa che si dichiara ateo. Pur essendo una minoranza (sebbene significativa), la comunità cristiana è attiva nei settori dell'educazione, sanità e sociale.

    Di contro, la libertà religiosa è in costante diminuzione: nel mirino delle autorità sono finiti leader religiosi, fra cui buddisti e cattolici, o intere comunità come successo nella diocesi di Vinh, dove media e governo hanno promosso una campagna diffamatoria e attacchi mirati contro vescovo e fedeli. La repressione colpisce anche singoli individui, colpevoli di rivendicare il diritto alla libertà religiosa e rispetto dei diritti civili.

    Di recente i vescovi vietnamiti hanno criticato con forza una proposta di legge su “Fede e religione”  del governo di Hanoi, che viola la libertà di culto e ne limita la pratica. Una norma, aggiungono i prelati, che contrasta con la Dichiarazione universale dei diritti umani e la Costituzione della Repubblica socialista del Vietnam che, in linea di principio, tutela la pratica del culto. 

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    13/04/2017 15:18:00 VIETNAM
    Thien An, cinque ordinazioni sacerdotali nonostante le persecuzioni del regime

    Il vescovo di Kontum in visita pastorale al monastero. L’amministrazione locale intende requisire l’area e l’annessa struttura. Il monastero spesso oggetto degli attacchi di teppisti e polizia.



    12/01/2018 15:20:00 VIETNAM
    Thien An, pressioni e ingerenze: monaci benedettini contro le autorità locali

    Il Comitato popolare provinciale chiede il trasferimento del superiore per le sue proteste contro gli espropri al monastero.  Da tempo il governo mira ad impossessarsi degli oltre 110 ettari di foresta protetta e sradicare la pratica religiosa. La struttura attaccata da teppisti per impaurire i cattolici e convincerli ad abbandonare l’area.



    04/07/2017 12:29:00 VIETNAM
    “Ottimista” sul futuro, malgrado tutto, il presidente dei vescovi vietnamiti

    “Comunisti e cattolici si capiscono molto meglio”. “Il regime comunista è sempre un regime dittatoriale le autorità del quale hanno la tendenza a opprimere gli oppositori”, compresi sacerdoti e blogger cattolici. Le stesse autorità che, per altro verso, “rubano” i terreni dei monasteri e vogliono escludere i cattolici da settori come la scuola o la sanità”.



    30/06/2017 12:36:00 VIETNAM
    Thiên An, abbattuta la croce del monastero; aggrediti monaci e fedeli

    Un centinaio di persone mobilizzate dal governo comunista della città di Huế. Gli assalitori hanno malmenato i monaci accorsi per difendere il simbolo sacro. In due sono rimasti feriti ed un altro è rimasto privo di sensi. Fra i picchiatori riconosciuti esponenti di spicco della polizia locale. Una parrocchiana: “Forti interessi di potere ed economici dietro quest’aggressione”. Il monastero al centro di un’annosa disputa col governo.



    07/07/2016 11:27:00 VIETNAM
    Hue, la polizia torna all’attacco del monastero di Thien An

    Il luogo di culto cattolico è oggetto di espropri da parte della autorità comuniste. Il 26 giugno scorso la polizia ha interrotto i monaci mentre costruivano una strada. Il giorno seguente l’abate ha inviato una petizione di protesta alle autorità locali e internazionali: “Possiamo perdere la causa solo se Hanoi non rispetterà la legge”.

     





    In evidenza

    COREA
    La Corea del Nord invierà una delegazione olimpica di alto livello a Pyeongchang



    Dopo due anni di tensioni, il primo incontro fra delegazioni di Nord e Sud Corea. Seoul propone che gli atleti di Nord e Sud marcino fianco a fianco nelle cerimonie di apertura e chiusura dei Giochi (9-25 febbraio 2018).


    VATICANO
    Papa: il rispetto dei diritti di persone e nazioni essenziale per la pace



    Nel discorso ai diplomatici Francesco ha chiesto la soluzione di conflitti – a partire dalla Siria – e tensioni – dalla Corea a Ucraina, Yemen , Sud Sudan e Venezuela – e auspicato accoglienza per i migranti e per gli “scartati”, come i bambini non nati o gli anziani e rispetto per i diritti alla libertà religiosa e di opinione, al lavoro.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®