07 Dicembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 13/11/2007, 00.00

    IRAQ

    I “successi” di Baghdad e l’“inferno” di Mosul



    I progressi della sicurezza nella capitale inducono numerosi profughi a fare ritorno. Il merito al piano Petraeus, ma anche alla collaborazione delle forze irachene e delle realtà tribali sunnite e sciite. A Mosul, però, continua la caccia al cristiano: freddato davanti alla sua abitazione un fedele caldeo, che gestiva un negozio di liquori.
    Baghdad (AsiaNews) – Migliora la sicurezza a Baghdad e per le famiglie emigrate si inizia ad accendere la speranza di poter fare ritorno a casa. Ma in altre zone del Paese le condizioni di vita sembrano solo peggiorare: fonti di AsiaNews parlano ormai di un “governo islamico” a Mosul e raccontano di continui omicidi mirati contro i cristiani. L’ultimo ha colpito un giovane caldeo, padre di famiglia.
     
    Il primo ministro iracheno Nouri Al-Maliki ha ribadito che la sicurezza nel Paese è migliorata, adducendo come prova il fatto che siano rientrate 7mila famiglie, costrette in precedenza ad emigrare per fuggire dalle violenze, 3100 persone solo negli ultimi 90 giorni. "La gente ormai si gode la vita normale, che sta ripristinandosi nelle strade e nei mercati", ha proseguito Maliki. Attività commerciali – raccontano gli abitanti – rimangono aperte fino a tardi la sera, cosa impossibile fino a 6 mesi fa; le donne possono spostarsi anche da sole e in generale si respira un clima più rilassato anche in zone molto pericolose come Dora e Adhamiya, sebbene i rapimenti non siano cessati. "Siamo stati in grado di ritornare alla vita dopo otto mesi di inasprimento delle misure repressive", ha aggiunto, alludendo alla campagna lanciata lo scorso febbraio, in concomitanza con l'aumento di truppe (30mila uomini) deciso dagli Stati Uniti. "Molti terroristi hanno lasciato l'Iraq, e altri si stanno nascondendo", ha concluso, precisando che il totale degli attentati dinamitardi è sceso del 77 per cento dal giugno scorso, quando sono state dispiegate le truppe Usa del "surge". 
    Le cause di una diminuzione delle violenze terroristiche e tra milizie religiose è imputabile a più fattori oltre che al piano Petraeus: la collaborazione dei clan tribali sunniti e sciiti con le forze irachene e le truppe della coalizione contro Al Qaeda, la cui presenza è ormai riconosciuta come nociva da più parti; il reinserimento di membri del partito Baath, di Saddam Hussein, nelle fila dell’esercito regolare e delle strutture statali.
     
    Altro segno positivo di miglioramento nella capitale è la notizia dell’insediamento ufficiale oggi del nuovo rappresentante speciale delle Nazioni Unite, Staffan de Mistura, nominato nel settembre per rilanciare il ruolo dell’Onu in Iraq. La rappresentanza dell’organismo internazionale era stata chiusa e poi riaperta con poche centinaia di dipendenti in seguito al sanguinoso attentato del  19 agosto del 2003 contro il quartiere generale Onu a Baghdad.
     
    Dal nord del Paese, dove numerose famiglie soprattutto cristiane, sono emigrate in cerca di sicurezza, fonti di AsiaNews confermano che in molti stanno pensando di fare ritorno a Baghdad, in un clima di rinnovata speranza. “Magari entro un anno”, pensano i più cauti. Da registrare che il rientro di iracheni dall’estero coincide anche con un inasprimento delle misure sull’immigrazione nei Paesi ospitanti, come Siria e Giordania, la difficoltà di registrarsi presso l’Alto Commissariato Onu per i rifugiati (UNHCR), e l’impossibilità ormai di condurre all’estero una vita dignitosa. L’agenzia Irin nota che dopo anni fori dall’Iraq senza lavoro, molte famiglie hanno terminato i loro risparmi e rimpatriano spinte dalla disperazione. Emblematico il caso di Zia Qahtan Naeem, padre di tre figli, 46 anni, che in un anno in Siria ha dato fondo a 30mila dollari e che si accinge a tornare a Baghdad come se dovesse “affrontare una pena di morte”.
     
    Ma i “successi” di Baghdad non si riflettono in altre zone del Paese. Se a Kirkuk, contesa tra curdi e arabi, la situazione è “delicata, ma stazionaria” - come la definiscono alcuni funzionari locali - a Mosul è un “inferno”. Abitanti del posto riferiscono della presenza ormai di un “governo islamico”, con tutte le conseguenze tragiche che questo comporta per la piccola comunità cristiana. La settimana scorsa, davanti alla sua abitazione, è stato ucciso un uomo caldeo Khaled Sako, 35 anni e padre di tre figli. Era l’unico della sua famiglia rimasto in Iraq e gestiva un negozio di liquori. Lo hanno freddato alle spalle mentre entrava a casa, raccontano testimoni oculari.
     
     
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    06/10/2006 IRAQ
    Una campagna di terrore contro la chiesa caldea in Iraq

    In due giorni a Mosul, due nuovi attacchi alla parrocchia del Santo Spirito; colpito anche il convento delle domenicane. Si tratta delle azioni più eclatanti di una vera e propria campagna che vuole i cristiani fuori dall'Iraq. Il dramma dell'emigrazione, un problema che riguarda anche sciiti e sunniti.



    08/11/2006 IRAQ
    Vescovo iracheno chiama a raccolta i cristiani: uniti per contare di più ed avere sicurezza
    Appello dell vescovo di Kirkuk ai leader religiosi e politici iracheni: incontrarsi per tracciare una posizione comune sulla condizione dell'Iraq, affrontare la piaga dell'emigrazione e giocare un ruolo più attivo nella ricostruzione del Paese. Il testo dell'appello di mons. Sako.

    01/07/2010 IRAQ
    Mons. Sako: Sicurezza per i cristiani. Baghdad chiede di non accettare richieste di asilo
    Ad accrescere il dramma dei fedeli, vi è la divisione fra le comunità cristiane. Chiesti programmi per facilitare il rientro dei profughi. Il ministro dell’Immigrazione domanda a Ue, Usa, Australia di rifiutare richieste di asilo da parte dei cristiani.

    21/10/2006 MEDIO ORIENTE
    Patriarchi cattolici: è l'instabilità politica che fa emigrare i cristiani d'Oriente

    I capi delle Chiese mediorientali ribadiscono il carattere di collegamento tra cristianesimo ed islam delle loro comunità e chiedono al mondo musulmano una ferma condanna del terrorismo, che nuoce prima di tutto all'islam stesso.



    28/01/2008 IRAQ
    Solidarietà e donazioni non bastano, alla Chiesa irachena servono progetti concreti
    Invitato da “Aiuto alla Chiesa che soffre”, l’arcivescovo caldeo di Kirkuk ha partecipato la settimana scorsa ad incontri in Germania per sensibilizzare l’Europa sui problemi dei cristiani in Iraq. Egli spiega che per contenere il “mortale esodo” della comunità, prima di parole e offerte economiche, serve un serio impegno della stessa Chiesa irachena: riorganizzazione interna, negoziati con il governo curdo, nuovo impulso alla missione. “Senza paura!”.



    In evidenza

    IRAQ
    Parroco di Amadiya: profughi cristiani di Mosul, fra l’emergenza aiuti e l’attesa del rientro

    P. Samir Youssef

    In una lettera p. Samir Youssef racconta la situazione dei rifugiati, da oltre due anni lontani dalle loro case. Si segue con attenzione l’offensiva, anche se case e chiese “sono in gran parte” bruciate o distrutte. Con l’arrivo dell’inverno servono cherosene, vestiti, cibo e denaro per pagare il trasporto degli studenti. Un appello per continuare a sostenere la campagna di AsiaNews.


    IRAQ
    “Adotta un cristiano di Mosul”: il dono di Natale per attraversare l’inverno

    Bernardo Cervellera

    Le nuove ondate di profughi, con l’avanzata dell’esercito verso la Piana di Ninive e Mosul rischiano di far dimenticare i rifugiati che da due anni hanno trovato ospitalità nel Kurdistan. C’è bisogno di cherosene, vestiti per l’inverno, aiuti per i bambini, soldi per gli affitti. La campagna lanciata da AsiaNews due anni fa è più urgente che mai. Rinunciare a un dono superfluo per offrire loro un dono essenziale per vivere.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®