27 Aprile 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 22/12/2016, 14.48

    VATICANO-CINA

    I “toni morbidi” della Cina verso il Vaticano



    Forse per la prima volta, una dichiarazione della Santa Sede sulla Chiesa cinese e le ordinazioni episcopali, viene ricevuta e giudicata senza ira e senza citare le tradizionali posizioni di “autonomia” delle comunità cristiane rispetto al Vaticano.

    Città del Vaticano (AsiaNews) – Sono “toni morbidi” e stupefacenti quelli usati dalla Cina a commento della dichiarazione pubblicata giorni fa dalla Sala stampa vaticana. Lo afferma una personalità vaticana che ha voluto tenere l’anonimato, commentando la risposta data dalla signora Hua Chunying, portavoce del ministero cinese degli esteri.

    La dichiarazione del direttore Greg Burke riguardava la posizione della Santa Sede sulle ordinazioni episcopali di Chengdu e Xichang, dove con la forza della polizia era intervenuto mons. Lei Shiyin di Leshan, illecito e scomunicato. La dichiarazione si soffermava anche sull’imminente Assemblea dei rappresentanti cattolici cinesi, che dovrebbe tenersi a Pechino dal 26 al 30 dicembre. In essa si affermava – in modo non esplicito -  che l’Assemblea è “inconciliabile con la dottrina cattolica”, ma il Vaticano si riservava “di giudicare in base a fatti comprovati”. Nella scorsa Assemblea molti vescovi sono stati costretti con la forza a parteciparvi. La Santa Sede auspicava di vedere “segnali positivi” da parte del governo per “avere fiducia nel dialogo tra le Autorità civili e la Santa Sede e a sperare in un futuro di unità e di armonia”, senza violazioni alla libertà religiosa.

    Durante la conferenza stampa settimanale di ieri, alcuni giornalisti a Pechino hanno domandato a Hua Chunying quali potrebbero essere questi “segnali positivi” per “migliorare i rapporti col Vaticano”. La risposta è stata molto cortese: “Il governo cinese sostiene un principio chiaro e consistente nel trattare i rapporti con il Vaticano. La parte cinese è sempre sincera nel migliorare i rapporti con il Vaticano e lavora senza sosta per questo scopo. Vorremmo lavorare con il Vaticano verso questo scopo comune e spingere a un nuovo progresso nel migliorare le relazioni bilaterali e promuovere dei dialoghi costruttivi”.

    La fonte vaticana fa notare che forse per la prima volta la risposta a un’indicazione della Santa Sede sulla Chiesa in Cina viene accolta senza “furiose espressioni di ira” e senza ribadire i luoghi comuni tipici della visione governativa sulla Chiesa, citando i principi di “autonomia”, di “auto-elezione” e di “auto-ordinazione” dei vescovi. Non è stato citato nemmeno la questione dei rapporti con Taiwan.

    “Speriamo sia un segno di miglioramento”, ha concluso la fonte. Alcuni sacerdoti cinesi fanno notare però che la stupefacente morbidezza della portavoce è forse un tentativo di non aprire un nuovo fronte di tensione nei rapporti con l’estero da parte della Cina. 

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    23/12/2016 11:09:00 CINA - VATICANO
    Cattolici cinesi “felici” per la Dichiarazione vaticana sulla Cina: “Non è mai troppo tardi” per la chiarezza

    Per alcuni la Dichiarazione è uno “spartiacque” che segna la fine del silenzio del Vaticano sulle questioni cinesi e sulla libertà religiosa. Fra i “segnali positivi” che ci si attende dal governo cinese vi è anzitutto la “libertà di coscienza” e il rispetto per le scelte libere di vescovi, sacerdoti e suore. L’invito a “boicottare” l’Assemblea dei rappresentanti cattolici cinesi.



    20/12/2016 14:23:00 VATICANO-CINA
    La Santa Sede sull’Assemblea dei rappresentanti cattolici e le ordinazioni episcopali di Chengdu e Xichang

    In una dichiarazione del direttore della Sala stampa vaticana, si esprime “dolore” insieme ai cattolici cinesi per la partecipazione di un vescovo illecito alle ordinazioni episcopali di Chengdu e Xichang. Non si obbliga i vescovi a non partecipare all’Assemblea, pur ribadendo che essa è “inconciliabile con la dottrina cattolica”. Il Vaticano si attende “segnali positivi” dal governo.



    13/12/2016 08:47:00 CINA - VATICANO
    L’Assemblea dei rappresentanti cattolici cinesi e il silenzio del Vaticano

    Il raduno, definito “l’organismo sovrano” che domina la Chiesa cinese, si terrà a Pechino dal 26 al 30 dicembre. Per papa Benedetto XVI essa è “incompatibile con la dottrina cattolica”. La sua funzione: affermare che la Chiesa è “proprietà” dello Stato (e del Partito) e dividere sempre più i fedeli. Gli esempi del passato. Nei 2010 molti vescovi sono stati rapiti dalla polizia per obbligarli a partecipare. Cattolici ufficiali e sotterranei si appellano al papa perché si pronunci su questa Assemblea e sulle ordinazioni episcopali alla presenza di un vescovo illecito. I cattolici di tutto il mondo devono domandare al governo cinese di rispettare la dignità e i diritti religiosi dei suoi cittadini.



    15/12/2016 11:21:00 CINA - VATICANO
    Vescovi leciti e illeciti: il riso mescolato a sabbia è difficile da ingoiare

    In Cina si rischia di considerare come un fatto ovvio la “profanazione” delle ordinazioni episcopali con la presenza di vescovi scomunicati. Contro il servilismo creato da 5mila anni di cultura imperiale. L’intervento di un sacerdote-blogger della Cina del nord-est.



    14/12/2016 11:34:00 CINA - VATICANO
    Card. Zen: Gli “schiaffi” di Chris Patten e quelli al papa per le ordinazioni illecite e l’Assemblea in Cina

    Il vescovo emerito di Hong Kong lamenta il silenzio della Santa Sede sulle ordinazioni episcopali avvenute a Chengdu e a Xichang con la partecipazione di un vescovo scomunicato. Uno “schiaffo” al papa anche la prossima Assemblea dei rappresentanti cattolici cinesi, che si tiene alla fine del mese. L’Ostpolitik “è stata un fallimento”. “Davanti a una cosa cattiva… rifiutare la nostra collaborazione”.





    In evidenza

    VATICANO-EGITTO
    Papa Francesco in videomessaggio: Caro popolo d’Egitto…

    Papa Francesco

    In occasione della sua visita al Paese (28-29 aprile), oggi papa Francesco ha trasmesso un videomessaggio al popolo egiziano. “Il nostro mondo, dilaniato dalla violenza cieca – che ha colpito anche il cuore della vostra cara terra – ha bisogno di pace, di amore e di misericordia; ha bisogno di operatori di pace”.


    ISLAM
    Le radici dell’islamismo violento sono nell’islam, parola di musulmano

    Kamel Abderrahmani

    Dopo ogni attentato terrorista si tende a dire: “Questo non è l’islam”. Eppure quegli atti criminali sono giustificati e ispirati dai testi che sono il riferimento dei musulmani e delle istituzioni islamiche nel mondo. È urgente una riforma dell’islam dall’interno, da parte degli stessi musulmani. La convivenza con le altre religioni è la strada per togliere l’islam dalla sclerosi e dalla stagnazione.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®