22/09/2016, 12.44
CINA-VATICANO
Invia ad un amico

I preti sotterranei di Wenzhou rendono omaggio al defunto vescovo (ufficiale)

di Victoria Ma

Un gruppo composto da 16 sacerdoti della Chiesa non ufficiale ha tenuto una cerimonia “semplice ma solenne” di preghiera in memoria del defunto mons. Vincenzo Zhu Weifang. Il p. Paolo Jiang, che ha guidato il gruppo, è stato “portato in vacanza” questa mattina. Ancora fuori dalla diocesi il vescovo Shao Zhumin, che succede come ordinario al presule defunto. I cattolici di Wenzhou ringraziano la Santa Sede per questa decisione.

Wenzhou (AsiaNews) – Il 20 settembre alle quattro del pomeriggio, p. Paolo Jiang Sunian – sacerdote non ufficiale della diocesi di Wenzhou (provincia del Zhejiang) – ha guidato in quanto leader della comunità sotterranea un gruppo di 16 sacerdoti presso il Ma Qiao Shan Columbarium, nella contea di Yongjia, per una commemorazione comune del defunto vescovo ufficiale mons. Vincenzo Zhu Weifang. Il presule è morto lo scorso 7 settembre.

Tuttavia questa mattina p. Jiang è stato di nuovo “portato in vacanza”. Era già stato portato via prima dei funerali ufficiali di mons. Zhu, per tornare subito dopo nella sua diocesi.

Alcune fonti a Wenzhou dicono che l’attuale vescovo, mons. Pietro Shao Zhumin, è anche lui a Xining, nel Qinghai (parte nord-occidentale della Cina). Il vescovo Shao è stato portato via dalla polizia “per una vacanza” lo scorso 23 agosto. Ancora non ha il permesso di tornare in diocesi anche se mons. Xu Jiwei di Taizhou – diocesi vicina a Wenzhou, anch’essa nel Zhejiang – è molto malato.

Ieri 21 settembre la Santa Sede ha pubblicato un comunicato attraverso il Bollettino della Sala Stampa in cui si commemora mons. Zhu Weifang di Wenzhou. Alla fine del testo si legge: “In accordo con il diritto canonico mons. Pietro Shao Zhumin, coadiutore della stessa diocesi, succede al prelato defunto”.

Un cattolico della comunità non ufficiale di Wenzhou dice di aver ringraziato Dio per questo annuncio: “Se la questione del vescovo si è risolta, la situazione si stabilizzerà”.

Il 20 settembre i sacerdoti di Wenzhou riuniti nel Columbarium hanno tenuto una cerimonia di preghiera “in memoriam” semplice ma solenne, come recita una breve nota apparsa sul blog della comunità ufficiale di Wenzhou su sina.com. Questa nota è sparita poco dopo.

Essa spiegava che p. Zhong Jinxing, della comunità ufficiale, ha ricevuto il gruppo di sacerdoti con un sincero benvenuto e con una calda ospitalità, e aggiungeva che li aveva accompagnati. I sacerdoti di entrambi i rami della Chiesa hanno condiviso le loro memorie del vescovo Zhu.

Il p. Jiang e due altri sacerdoti della Chiesa non ufficiale di Wenzhou sono stati portati via da rappresentanti del governo pochi giorni prima del funerale del presule, celebrato il 13 settembre. Il resto di loro è stato contattato dalla polizia, che li ha “avvertiti” di non andare alle esequie. Intorno al 14 settembre ai tre sacerdoti è stato consentito di tornare in diocesi. Ma, come già detto, oggi il p. Jiang è stato di nuovo portato via "in vacanza".

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
È tornato a Wenzhou – ma sotto controllo – mons. Pietro Shao Zhumin
11/10/2016 11:27
Sequestrato dalla polizia il vescovo coadiutore di Wenzhou, mons. Pietro Shao Zhumin
08/09/2016 10:15
Oltre 5mila fedeli ai funerali del vescovo di Wenzhou. Mons. Pietro Shao è sempre “in vacanza” con la polizia (Foto)
13/09/2016 11:33
Rilasciato p. Jiang Sunian, sacerdote non ufficiale di Wenzhou
30/08/2007
È morto mons. Zhu Weifang, vescovo di Wenzhou, la città delle croci demolite
07/09/2016 10:15