24 Gennaio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 08/09/2016, 10.15

    CINA - VATICANO

    Sequestrato dalla polizia il vescovo coadiutore di Wenzhou, mons. Pietro Shao Zhumin



    Mons. Shao sarebbe stato portato nel nordovest della Cina; il suo segretario è stato portato nello Yunnan; un altro sacerdote è in fermo a Hangzhou. Il governo vuole prevenire la presa di possesso della diocesi da parte del vescovo riconosciuto dalla Santa Sede, ma non da Pechino.

    Wenzhou (AsiaNews) – Il vescovo coadiutore di Wenzhou (Zhejiang), mons. Pietro Shao Zhumin (foto 1, a destra) è stato sequestrato dalla polizia e portato fuori della diocesi, che si appresta a celebrare i funerali del vescovo ordinario morto ieri, mons. Vincenzo Zhu Weifang. Secondo i fedeli del luogo, il sequestro è avvenuto poco prima della morte di mons. Zhu per impedire a mons. Shao di celebrare i funerali e porsi come ordinario della diocesi (come invece dovrebbe essere dal punto di vista canonico).

    Il governo è opposto a mons. Shao perché egli è un membro della comunità non ufficiale, e la sua nomina a vescovo, pur col mandato della Santa Sede, non è riconosciuta dalle autorità di Pechino.

    Fonti di AsiaNews a Wenzhou hanno confermato oggi che mons. Shao è stato portato dalla polizia nel nordovest della Cina “per un viaggio”. Il suo segretario (e cancelliere della diocesi), p. Paolo Jiang Sunian (foto 1, a sin.), anch’egli sacerdote non ufficiale, è stato scortato dalla polizia nello Yunnan; un altro sacerdote è tenuto in fermo in un hotel di Hangzhou, la capitale provinciale.

    Le fonti affermano che “il vescovo e i sacerdoti sono stati portati via dalla città per ostacolare una tranquilla successione di mons. Shao all’episcopato di Wenzhou”.

    La polizia locale ha anche proibito ai membri della comunità sotterranea di partecipare ai funerali. I membri della comunità ufficiale devono anch’essi munirsi di un permesso per partecipare alle esequie, e le forze dell’ordine hanno stabilito che la messa potrà essere partecipata solo da 400 persone.

    La comunità cattolica di Wenzhou – circa 120mila fedeli - è da decenni divisa fra ufficiali e non ufficiali. La Santa Sede, per cercare di spingere alla riconciliazione dei due rami, aveva nominato mons. Zhu, della Chiesa ufficiale, come vescovo ordinario e mons. Shao quale vescovo coadiutore. I tentativi di riconciliazione sono stati frenati da membri delle due comunità, ma soprattutto dal governo che cerca di dividerle e di punire i membri della comunità sotterranea.  Mons. Shao e p. Jiang hanno subito diverse volte l’arresto e la prigionia.

    In attesa dei funerali che si terranno il 13 settembre, nelle parrocchie ufficiali e in tanti luoghi di culto non ufficiali si tengono preghiere e messe per il pastore defunto. La salma è stata composta in una camera ardente a Maao, luogo di nascita di mons. Zhu, per essere onorata dai fedeli (v. foto 2-3)

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    11/10/2016 11:27:00 CINA-VATICANO
    È tornato a Wenzhou – ma sotto controllo – mons. Pietro Shao Zhumin

    Era stato portato via insieme a p. Jiang Sunian per non farli partecipare ai funerali di mons. Zhu Weifang. Il Vaticano ha confermato che mons. Shao è vescovo di Wenzhou. I fedeli esortati alla calma.



    22/09/2016 12:44:00 CINA-VATICANO
    I preti sotterranei di Wenzhou rendono omaggio al defunto vescovo (ufficiale)

    Un gruppo composto da 16 sacerdoti della Chiesa non ufficiale ha tenuto una cerimonia “semplice ma solenne” di preghiera in memoria del defunto mons. Vincenzo Zhu Weifang. Il p. Paolo Jiang, che ha guidato il gruppo, è stato “portato in vacanza” questa mattina. Ancora fuori dalla diocesi il vescovo Shao Zhumin, che succede come ordinario al presule defunto. I cattolici di Wenzhou ringraziano la Santa Sede per questa decisione.



    30/08/2007 CINA
    Rilasciato p. Jiang Sunian, sacerdote non ufficiale di Wenzhou
    Il sacerdote, arrestato insieme al vicario generale della diocesi, ha scontato 11 mesi di detenzione. Ricoverato per un peggioramento della sua sinusite, soffre ora di problemi cardiaci, pressione alta ed intasamento delle arterie.

    07/09/2016 10:15:00 CINA - VATICANO
    È morto mons. Zhu Weifang, vescovo di Wenzhou, la città delle croci demolite

    Il vescovo coadiutore, mons. Pietro Shao Zhumin, è stato rapito dalla polizia per non permettergli di partecipare al funerale, essendo egli un vescovo non riconosciuto dal governo. Rapiti anche tre sacerdoti. Le autorità statali hanno proibito ai fedeli sotterranei di partecipare alle esequie del vescovo. Il vescovo defunto aveva passato 16 anni ai lavori forzati e sei in prigione. 



    04/01/2018 08:42:00 CINA-VATICANO
    Mons. Pietro Shao Zhumin di Wenzhou è libero dopo 7 mesi

    Da ieri non è più sotto custodia della polizia di sicurezza. Da Xining, dove era, andrà a Pechino per cure e poi ritornerà nella sua diocesi. La sua liberazione – si ipotizza – frutto delle pressioni internazionali e della campagna di preghiere e digiuni lanciata dalla sua comunità. Non ha firmato alcuna adesione all’Associazione patriottica.





    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Il Vaticano domanda ai vescovi legittimi di farsi da parte per lasciare spazio a quelli illegittimi

    John Baptist Lin

    Lo scorso dicembre mons. Pietro Zhuang Jianjian di Shantou (Guangdong) è stato obbligato ad andare a Pechino dove “un prelato straniero” del Vaticano gli ha chiesto di lasciare la cattedra al vescovo illecito Giuseppe Huang Bingzhang. La stessa richiesta gli è stata fatta lo scorso ottobre. Mons. Giuseppe Guo Xijin, vescovo ordinario di Mindong dovrebbe diventare l’ausiliare o il coadiutore del vescovo illecito Vincenzo Zhan Silu. Sinicizzare la Chiesa cinese: sostenere il principio dell’indipendenza e seguire la leadership del Partito comunista.


    VATICANO – PERU'
    Papa in Perù: Giovani, il cuore non si può ‘fotoshoppare’, perché è lì che si gioca l’amore vero



    All’Angelus nella Plaza de Armas, papa Francesco ai giovani di seguire Gesù con tutto se stessi, senza scoraggiarsi, su esempio di san Martino di Porres, il santo meticcio. La preghiera silenziosa per la pace nella Repubblica del Congo. Ai vescovi, l’esempio di san Toribio di Mogrovejo, un infaticabile evangelizzatore: “Oggi lo chiameremmo un vescovo ‘di strada’”. Alle religiose contemplative l’invito a pregare per l’unità della Chiesa peruviana.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®