19 Gennaio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  •    - Brunei
  •    - Cambogia
  •    - Filippine
  •    - Indonesia
  •    - Laos
  •    - Malaysia
  •    - Myanmar
  •    - Singapore
  •    - Tailandia
  •    - Timor Est
  •    - Vietnam
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 02/01/2010, 00.00

    VIETNAM

    I redentoristi di Ho Chi Minh City accusati di propaganda contro lo Stato

    J.B. An Dang

    Timori per una nuova ondata di violenze contro i sacerdoti. I redentoristi hanno criticato gli espropri ingiusti del governo ad Hanoi e lo sfruttamento delle miniere di bauxite fra i montagnard del Vietnam Centrale. Le autorità comuniste citano il papa per darsi ragione, ma non attuano il dialogo con la popolazione.
    Ho Chi Minh City (AsiaNews) – Il comitato popolare di Ho Chi Minh City ha emesso un comunicato in cui si denuncia la comunità redentorista della città di andare contro “la politica del Partito e le leggi della nazione”. I cattolici temono la ripresa di nuove violenze contro i sacerdoti.
     
    Il comunicato a firma di Pham Ngoc Huu, presidente del comitato è stato pubblicato il 28 dicembre scorso e diffuso in tutti i media statali. In esso si accusa la chiesa di Nostra Signora del perpetuo soccorso nella città del sud di aver organizzato delle veglie di preghiera in massa “con la partecipazione di molti preti, religiosi e laici da altre regioni del Paese senza il permesso del governo locale per distorcere, accusare in modo falso e criticare il governo”.
     
    Il comunicato afferma che i redentorista hanno usato il bollettino parrocchiale per “pubblicare articoli e immagini che spingono i fedeli a fraintendere la politica del Partito e le leggi della nazioni”.
     
    In effetti negli ultimi due anni, la chiesa dei redentoristi ha ospitato molti momenti di preghiera e veglie per sostenere i confratelli di Thai ha ad Hanoi, nella loro lotta per salvare i terreni della parrocchia, requisiti ingiustamente dal governo della città.
     
    La chiesa e i fedeli di Nostra Signora del perpetuo soccorso viene da allora tenuta sotto il controllo della polizia, in uniforme e in borghese che fotografa e filma tutti i presenti. Grazie a un sistema di altoparlanti piazzati attorno alla chiesa, i poliziotti disturbano le funzioni e le veglie.
     
    Il comunicato cita in particolare la veglia tenutasi in parrocchia lo scorso 27 luglio. Il raduno si era tenuto in occasione degli attacchi violenti contro due sacerdoti di Dong Hoi (Cfr. AsiaNews.it, 28/07/2009 Prete in coma perché picchiato dalla polizia. Proteste dei cattolici in tutto il Vietnam).
     
    Pham Ngoc Huu attacca in modo pesante anche il padre redentorista Joseph Le Quang Uy, un noto attivista pro-life. “Le Quang Uy – dice il comunicato – aiuta le forze ostili e reazionarie a condurre propaganda contro la Repubblica socialista del Vietnam”. Il sacerdote è accusato di “sfruttare il suo ruolo nel condurre la preghiera per distorcere la situazione sociale, politica ed economica del Vietnam, denunciando il governo per violazioni dei diritti umani… minando così la grande unità nazionale”.
     
    Nei mesi scorsi il sacerdote ha criticato le scelte del governo per lo sfruttamento delle miniere di bauxite fra i montagnard del Vietnam centrale e ha già subito attacchi dai media statali che chiedevano la sua condanna fino a 20 anni di prigione (v. AsiaNews.it, 02/07/2009 Un redentorista rischia l’accusa di voler rovesciare il regime vietnamita).
     
    Huu accusa i redentoristi di non seguire le indicazioni del papa. Egli si rifà a una frase di Benedetto XVI ai vescovi vietnamiti in visita ad limina, in cui il pontefice afferma che “un buon cattolico è anche un buon cittadino”.
    Il portavoce dei redentoristi, p. Peter Nguyen Van Khai, mette in luce il modo distorto con cui il governo usa le parole del papa e ricorda ad esso che il pontefice ha anche suggerito di perseguire “una sana collaborazione fra la Chiesa e lo Stato attraverso il dialogo”.
     
    Purtroppo, egli dice, il governo sembra impreparato ad accettare questa via.
     
    Secondo molti cattolici, più che al dialogo, il governo sembra più incline alla violenza e questa nuova campagna contro i redentoristi sembra l’inizio di una nuova campagna contro i sacerdoti.
     
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    05/08/2009 VIETNAM
    Violenze contro i cattolici: il velo contro crisi e corruzione del Partito comunista vietnamita
    La persecuzione contro i fedeli di Vinh è un diversivo per nascondere le profonde divisioni interne, ma anche la misura dell’abisso di disprezzo a cui è giunto il Partito, deciso ad approfittare dei nuovi venti economici e capace anche di svendere il Paese al suo nemico tradizionale, la Cina. La Chiesa e la sua funzione di risveglio delle coscienze, e i Montagnard convertiti sono condannati a sparire.

    06/03/2012 VIETNAM
    Hanoi contro i redentoristi di Saigon: un altro terreno sequestrato
    Si tratta di un asilo che le autorità hanno distrutto, forse per vendere il terreno e guadagnarci. Alle richieste di chiarimento dei religiosi, il governo risponde col silenzio, contravvenendo alle sue stesse leggi. La lunga lista delle violenze contro i redentoristi.

    23/04/2010 VIETNAM - VATICANO
    Il presidente della Conferenza episcopale diviene arcivescovo coadiutore di Hanoi
    Mons. Pietro Nguyen Van Nhon, vescovo di Da Lat, 72 anni, è coadiutore di mons. Giuseppe Ngo Quang Kiet, 58 anni. Molti sospettano che la Santa Sede si sia piegata alle pressioni del governo che vuole rimosso l’arcivescovo di Hanoi, “istigatore di rivolte”. In cambio ci sarebbero i rapporti diplomatici e il viaggio di Benedetto XVI in Vietnam. Ma lo stesso mons. Kiet afferma: La Santa Sede mi ha sempre appoggiato. I motivi sono la mia salute.

    30/04/2009 VIETNAM
    E’ “patriottico” opporsi al piano di Hanoi per lo sfruttamento degli Altipiani
    Il superiore dei Redentoristi replica alle accuse lanciate dalla stampa di regime contro due religiosi ricordando che “proteggere la natura e l’ambiente è una condizione necessaria per lo sviluppo umano”. Uno degli accusati è in prima linea nella battaglia per la vita, invisa al governo.

    06/10/2009 VIETNAM - VATICANO
    Incontro dei vescovi vietnamiti. Assente l’arcivescovo di Hanoi
    Il vescovo fatto oggetto di aspre critiche dal governo per la sua difesa della libertà religiosa, è ammalato. A tema il giubileo dell’anno prossimo, con una possibile visita del papa; l’educazione nei seminari; aiuti alle vittime del tifone Ketsana; la beatificazione di François Pallu e di Lambert de la Motte.



    In evidenza

    COREA
    La Corea del Nord invierà una delegazione olimpica di alto livello a Pyeongchang



    Dopo due anni di tensioni, il primo incontro fra delegazioni di Nord e Sud Corea. Seoul propone che gli atleti di Nord e Sud marcino fianco a fianco nelle cerimonie di apertura e chiusura dei Giochi (9-25 febbraio 2018).


    VATICANO
    Papa: il rispetto dei diritti di persone e nazioni essenziale per la pace



    Nel discorso ai diplomatici Francesco ha chiesto la soluzione di conflitti – a partire dalla Siria – e tensioni – dalla Corea a Ucraina, Yemen , Sud Sudan e Venezuela – e auspicato accoglienza per i migranti e per gli “scartati”, come i bambini non nati o gli anziani e rispetto per i diritti alla libertà religiosa e di opinione, al lavoro.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®