10/05/2018, 12.55
VATICANO-TAIWAN
Invia ad un amico

I vescovi taiwanesi in visita ad limina in Vaticano

di Bernardo Cervellera

I sette pastori dell’isola sono giunti due giorni fa. Le sfide pastorali al centro della visita: annuncio e dialogo, penuria di clero, clero straniero, migranti, rapporti con le comunità del continente. L’ombra dei dialoghi fra Cina e Santa Sede. Ambasciatore Lee: Papa Francesco e il Vaticano attenti ai taiwanesi.

Città del Vaticano (AsiaNews) - I sette vescovi della Conferenza episcopale regionale di Taiwan sono giunti in Vaticano per la visita ad limina. Si tratta di mons. John Hung Shan-chuan (洪山川), arcivescovo di Taipei; mons. Peter Liu Cheng-chung (劉振忠)arcivescovo di Kaohsiung; mons. John Baptist Li Keh-mien (李克勉) di Hsinchu; mons. Martin Su Yao-wen (蘇耀文) di Taichung;  mons. Thomas Chung An-chu (鍾安住) di Chiayi; mons. Bosco Lin Chi-nan (林吉男) di Tainan; mons. Philip Huang Chao-ming (黃兆明) di Hualien.

I sette vescovi sono arrivati a Roma due giorni fa. La visita ad limina implica, oltre la preghiera alle tombe degli apostoli, anche un incontro con papa Francesco e una visita a diverse congregazioni vaticane.

I vescovi si incontreranno col pontefice lunedì 14 maggio. La delegazione ha preparato due doni per il papa: una porcellana basata su un dipinto di Giuseppe Castiglione, il gesuita italiano che ha vissuto come pittore di corte durante la dinastia Qing (XVIII secolo) e un dipinto dell’artista taiwanese Shen Chen (沈禎).

Nelle visite ai diversi dicasteri vaticani, i vescovi si stanno focalizzando sulle sfide pastorali che essi devono affrontare. Fra questi vi è anzitutto il potenziamento dell’evangelizzazione e l’equilibrio fra annuncio e dialogo con la cultura e con le religioni dell’isola; la penuria di clero locale e la presenza di sacerdoti stranieri, che hanno bisogno di tempo per apprendere la lingua e integrarsi nella cultura di Taiwan; il problema dei lavoratori migranti, soprattutto marinai; quello del rapporto fraterno con i cattolici della Cina popolare.

Questa è la prima visita ad limina nel pontificato di papa Francesco. La precedente è avvenuta 10 anni fa con Benedetto XVI.

Con papa Francesco si è aperto lo spiraglio di un possibile dialogo con la Cina popolare che potrebbe vedere in futuro anche la riapertura dei rapporti diplomatici fra Cina e Santa Sede.

Il Vaticano è uno dei 19 Stati che hanno rapporti diplomatici con Taiwan e l’unico in Europa. I rapporti diplomatici con Pechino significherebbero una rottura con Taiwan. A causa di ciò da anni molti cattolici nell’isola esprimono le loro preoccupazioni per il venir meno del sostegno internazionale verso Taiwan, con un temuto assorbimento dell’isola nella Repubblica popolare cinese.

Il Vaticano ha sempre assicurato che anche se ci fosse un’apertura ai rapporti diplomatici con la Cina, esso non abbandonerebbe la cura dei cattolici sull’isola, né l’amicizia con la popolazione di Taiwan.

Questa sera l’ambasciata della Repubblica di Cina (Taiwan) presso la Santa Sede offrirà un ricevimento in onore dei vescovi. L'ambasciatore Matthew Lee ha sottolineato l’attenzione che papa Francesco rivolge verso Taiwan. “Nell’ultimo anno – egli ha detto alla Cna - il papa ha inviato importanti rappresentanti vaticani a Taiwan per partecipare ad attività di scambio internazionali. Il pontefice ha anche espresso preghiere per la popolazione di Taiwan in occasione di disastri naturali”.

Prima di partire da Taiwan, i vescovi sono stati salutati dalla presidentessa Tsai Ing-wen. Il vice-presidente, Chen Chien-jen (陳建仁), cattolico, si è intrattenuto con loro a cena per esprimere il sostegno che il governo dà alla libertà religiosa dei cattolici e l’importanza che esso dà ai rapporti fra Taiwan e il Vaticano.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Inculturazione e ideologia del denaro, le sfide del Vangelo nell'Asia
18/08/2004
A Taiwan ‘libertà e tolleranza religiosa’ apprezzati dal Vaticano
11/05/2018 14:37
L’arcivescovo di Taipei invita papa Francesco a visitare Taiwan il prossimo marzo
11/05/2018 11:17
E' morto il p. Aloysius Berchmans Chang, grande teologo in lingua cinese
23/03/2015
L’arcivescovo di Ho Chi Minh City muore a Roma, durante la visita ad limina
07/03/2018 07:49