3 Marzo 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 21/08/2012
INDIA – PAKISTAN
Il “grande esodo” dell’Assam, le minacce islamiche e i fantasmi del nazionalismo
di Nirmala Carvalho
Quasi 300mila persone originarie del nordest dell’India hanno tentato di abbandonare in massa Karnataka e Maharashtra, dove risiedono. Per New Delhi è colpa di Islamabad, che ha diffuso su internet minacce di vendetta per le violenze di luglio tra tribali Bodo e musulmani nell’Assam. Per l’attivista Raghuvanshi, il problema è legato al clima di tensione generato dalle forze nazionaliste indù.

Mumbai (AsiaNews) - Una nuova crisi diplomatica rischia di coinvolgere New Delhi e Islamabad, dopo il "grande esodo interno" che ha sconvolto l'India negli ultimi giorni. Centinaia di migliaia di persone originarie dell'Assam avrebbero infatti abbandonato Bangalore (Karnataka), Mumbai e Pune (Maharashtra) dopo aver ricevuto minacce di morte via internet. Nei messaggi, apparsi per lo più su Facebook e Twitter, si avvertivano i lavoratori provenienti dagli Stati nordorientali che le comunità islamiche dell'India avrebbero presto vendicato quanto accaduto negli scontri etnici di luglio nell'Assam. Per New Delhi, c'è il Pakistan dietro questa campagna d'odio, ma Islamabad nega ogni coinvolgimento e chiede di provare tale accusa.

Le violenze tra tribali Bodo e settlers musulmani nell'Assam hanno provocato circa 80 morti e la fuga di circa 400mila persone - di entrambe le comunità -, che hanno trovato rifugio nei campi profughi allestiti dalla Chiesa locale. La tensione si è poi diffusa in altri Stati indiani, dove i Bodo e altri gruppi etnici sono emigrati per lavoro. Il panico sarebbe esploso la scorsa settimana, con la pubblicazione di "pettegolezzi" via sms, messaggi e foto su social network: circa 300mila persone originarie degli Stati nordorientali - per lo più studenti - avrebbero affollato le stazione dei treni per scappare via, temendo ritorsioni da parte delle comunità islamiche locali.

Al momento, l'esodo sarebbe rientrato e la situazione sta tornando alla normalità, grazie alla collaborazione dei governi dei vari Stati indiani coinvolti. Tuttavia, non è ancora chiaro chi abbia messo online  minacce e intimidazioni: mentre New Delhi accusa Islamabad di essere responsabile, il Pakistan continua a negare chiedendo prove che, però, non arrivano.

Ad AsiaNews Lenin Raghuvanshi, attivista per i diritti umani e direttore del People's Vigilance Committee on Human Rights (Pvchr), sottolinea: "Le violenze nell'Assam sono episodi di natura locale, che hanno origine in una prospettiva storica e in un contesto precisi. Tuttavia, essi hanno delle ripercussioni, che esplodono in conflitti interni alimentati dal nazionalismo delle forze fasciste". In questo senso, secondo l'attivista "la più grande minaccia per l'India è un esodo interno, provocato da forze nazionaliste del Paese [i radicali che sostengono l'ideologia hindutva, ndr] o esterne, come i fondamentalisti musulmani". 

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
24/08/2012 INDIA
Non il Pakistan, ma i nazionalisti indù dietro i messaggi d’odio contro l’Assam
25/07/2012 INDIA
Sacerdote dell’Assam: Come uno tsunami, la crisi umanitaria tra tribali e musulmani
di Nirmala Carvalho
30/07/2012 INDIA
La miseria dei tribali Bodo, vittime delle violenze in Assam
di Nirmala Carvalho
21/11/2012 INDIA
Caritas India: formiamo leader tribali e musulmani, per portare la pace in Assam
di Santosh Digal
24/10/2012 INDIA
Vescovo indiano: Aiutate i 400mila profughi dell’Assam
di Santosh Digal

In evidenza
EGITTO - ISLAM
Le parole di al-Tayeb e di al-Sisi un grande passo per una rivoluzione dell'islam
di Samir Khalil SamirIl grande imam di Al-Azhar ha denunciato le interpretazioni basate sulla lettera del Corano e della sunna, brandite dai fondamentalisti e dai terroristi islamici; sostiene l'urgenza di una riforma dell'insegnamento dell'islam fra i laici e gli imam; domanda la fine della scomunica (takfir) reciproca fra sunniti e sciiti. E il presidente egiziano al-Sisi ha deciso di combattere lo Stato islamico dopo la decapitazione di 21 cristiani copti, che egli ha definito "cittadini egiziani" a parte intera.
ARABIA SAUDITA - ISLAM
Imam di Al-Azhar: Per fermare l'estremismo islamico occorre una riforma dell'insegnamento religiosoPer Ahmed al-Tayeb è urgente stilare un nuovo curriculum di studi per evitare una "cattiva interpretazione" del Corano e della sunna. Il terrorismo islamico mette in crisi l'unità del mondo musulmano. Il "nuovo colonialismo globale alleato al sionismo mondiale". Il discorso del re saudita.
HONG KONG - CINA - VATICANO
Card. Zen: Sembra che qualcuno voglia farci tacere
di Card. Joseph Zen Ze-kiunIl diffuso ottimismo sul miglioramento del dialogo fra Santa Sede e Cina sembra non avere fondamento. Alcune "tendenziose" interviste a vescovi cinesi, frenati nella libertà di parlare. Le questioni fondamentali sono sempre aperte: chi nomina i vescovi; cosa fare dell'Associazione patriottica. La guida della Lettera di Benedetto XVI ai cattolici cinesi, citata anche da papa Francesco. Un non accordo è meglio di un cattivo accordo. Cosa è successo a mons. Cosma Shi Enxiang? E a mons. Giacomo Su Zhimin? Un'animata riflessione del vescovo emerito di Hong Kong, campione della libertà religiosa in Cina.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate