3 Settembre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 21/08/2012
INDIA – PAKISTAN
Il “grande esodo” dell’Assam, le minacce islamiche e i fantasmi del nazionalismo
di Nirmala Carvalho
Quasi 300mila persone originarie del nordest dell’India hanno tentato di abbandonare in massa Karnataka e Maharashtra, dove risiedono. Per New Delhi è colpa di Islamabad, che ha diffuso su internet minacce di vendetta per le violenze di luglio tra tribali Bodo e musulmani nell’Assam. Per l’attivista Raghuvanshi, il problema è legato al clima di tensione generato dalle forze nazionaliste indù.

Mumbai (AsiaNews) - Una nuova crisi diplomatica rischia di coinvolgere New Delhi e Islamabad, dopo il "grande esodo interno" che ha sconvolto l'India negli ultimi giorni. Centinaia di migliaia di persone originarie dell'Assam avrebbero infatti abbandonato Bangalore (Karnataka), Mumbai e Pune (Maharashtra) dopo aver ricevuto minacce di morte via internet. Nei messaggi, apparsi per lo più su Facebook e Twitter, si avvertivano i lavoratori provenienti dagli Stati nordorientali che le comunità islamiche dell'India avrebbero presto vendicato quanto accaduto negli scontri etnici di luglio nell'Assam. Per New Delhi, c'è il Pakistan dietro questa campagna d'odio, ma Islamabad nega ogni coinvolgimento e chiede di provare tale accusa.

Le violenze tra tribali Bodo e settlers musulmani nell'Assam hanno provocato circa 80 morti e la fuga di circa 400mila persone - di entrambe le comunità -, che hanno trovato rifugio nei campi profughi allestiti dalla Chiesa locale. La tensione si è poi diffusa in altri Stati indiani, dove i Bodo e altri gruppi etnici sono emigrati per lavoro. Il panico sarebbe esploso la scorsa settimana, con la pubblicazione di "pettegolezzi" via sms, messaggi e foto su social network: circa 300mila persone originarie degli Stati nordorientali - per lo più studenti - avrebbero affollato le stazione dei treni per scappare via, temendo ritorsioni da parte delle comunità islamiche locali.

Al momento, l'esodo sarebbe rientrato e la situazione sta tornando alla normalità, grazie alla collaborazione dei governi dei vari Stati indiani coinvolti. Tuttavia, non è ancora chiaro chi abbia messo online  minacce e intimidazioni: mentre New Delhi accusa Islamabad di essere responsabile, il Pakistan continua a negare chiedendo prove che, però, non arrivano.

Ad AsiaNews Lenin Raghuvanshi, attivista per i diritti umani e direttore del People's Vigilance Committee on Human Rights (Pvchr), sottolinea: "Le violenze nell'Assam sono episodi di natura locale, che hanno origine in una prospettiva storica e in un contesto precisi. Tuttavia, essi hanno delle ripercussioni, che esplodono in conflitti interni alimentati dal nazionalismo delle forze fasciste". In questo senso, secondo l'attivista "la più grande minaccia per l'India è un esodo interno, provocato da forze nazionaliste del Paese [i radicali che sostengono l'ideologia hindutva, ndr] o esterne, come i fondamentalisti musulmani". 

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
24/08/2012 INDIA
Non il Pakistan, ma i nazionalisti indù dietro i messaggi d’odio contro l’Assam
25/07/2012 INDIA
Sacerdote dell’Assam: Come uno tsunami, la crisi umanitaria tra tribali e musulmani
di Nirmala Carvalho
30/07/2012 INDIA
La miseria dei tribali Bodo, vittime delle violenze in Assam
di Nirmala Carvalho
21/11/2012 INDIA
Caritas India: formiamo leader tribali e musulmani, per portare la pace in Assam
di Santosh Digal
24/10/2012 INDIA
Vescovo indiano: Aiutate i 400mila profughi dell’Assam
di Santosh Digal

In evidenza
IRAQ-ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del Patriarca Louis Sako; le preoccupazioni del vescovo del Kurdistan
di Bernardo CervelleraIl capo della Chiesa caldea ringrazia per la campagna di AsiaNews e spera che "questa catena di solidarietà si allunghi". Aiutare i profughi a rimanere in Iraq. Ma molti vogliono fuggire all'estero. Il vescovo di Amadiyah, che ha accolto migliaia di sfollati nelle chiese e nelle case: Aiutiamo anche arabi (musulmani) e yazidi, in modo gratuito e senza guardare alle differenze confessionali.
ITALIA - IRAQ
"Adotta un cristiano di Mosul", rispondere nei fatti e con la vita all'emergenza irachenaAsiaNews lancia una raccolta fondi per sostenere i fedeli nel mirino dello Stato islamico, dopo le richieste del Patriarca di Baghdad e il pressante appello di papa Francesco "a assicurare gli aiuti necessari, soprattutto quelli più urgenti, a così tanti sfollati, la cui sorte dipende dalla solidarietà altrui". Oltre 100mila persone sono state costrette a fuggire dalle loro case senza niente addosso, e ora non hanno di che vivere. Per aiutarli, bastano 5 euro al giorno: i fondi raccolti saranno inviati al Patriarcato di Baghdad, che provvederà a distribuirli secondo i bisogni di ogni famiglia.
CINA-VATICANO
Vescovo e sacerdoti di Wenzhou denunciano la campagna del governo contro le croci e le chiese del Zhejiang
di Eugenia ZhangPer mons. Vincenzo Zhu Weifang, della Chiesa ufficiale, la campagna di distruzione aumenta l'instabilità sociale. E' vera persecuzione contro la fede cristiana. Il vescovo si scusa per non essere intervenuto prima: sperava che la campagna finisse presto. Fedeli cattolici e protestanti sono rimasti feriti per difendere i loro edifici sacri. I sacerdoti di Wenzhou: la campagna è ingiusta e colpisce anche edifici in regola. Questi "atti stupidi" del governo provocano una distruzione dell'armonia sociale.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate