31 Ottobre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 21/08/2012
INDIA – PAKISTAN
Il “grande esodo” dell’Assam, le minacce islamiche e i fantasmi del nazionalismo
di Nirmala Carvalho
Quasi 300mila persone originarie del nordest dell’India hanno tentato di abbandonare in massa Karnataka e Maharashtra, dove risiedono. Per New Delhi è colpa di Islamabad, che ha diffuso su internet minacce di vendetta per le violenze di luglio tra tribali Bodo e musulmani nell’Assam. Per l’attivista Raghuvanshi, il problema è legato al clima di tensione generato dalle forze nazionaliste indù.

Mumbai (AsiaNews) - Una nuova crisi diplomatica rischia di coinvolgere New Delhi e Islamabad, dopo il "grande esodo interno" che ha sconvolto l'India negli ultimi giorni. Centinaia di migliaia di persone originarie dell'Assam avrebbero infatti abbandonato Bangalore (Karnataka), Mumbai e Pune (Maharashtra) dopo aver ricevuto minacce di morte via internet. Nei messaggi, apparsi per lo più su Facebook e Twitter, si avvertivano i lavoratori provenienti dagli Stati nordorientali che le comunità islamiche dell'India avrebbero presto vendicato quanto accaduto negli scontri etnici di luglio nell'Assam. Per New Delhi, c'è il Pakistan dietro questa campagna d'odio, ma Islamabad nega ogni coinvolgimento e chiede di provare tale accusa.

Le violenze tra tribali Bodo e settlers musulmani nell'Assam hanno provocato circa 80 morti e la fuga di circa 400mila persone - di entrambe le comunità -, che hanno trovato rifugio nei campi profughi allestiti dalla Chiesa locale. La tensione si è poi diffusa in altri Stati indiani, dove i Bodo e altri gruppi etnici sono emigrati per lavoro. Il panico sarebbe esploso la scorsa settimana, con la pubblicazione di "pettegolezzi" via sms, messaggi e foto su social network: circa 300mila persone originarie degli Stati nordorientali - per lo più studenti - avrebbero affollato le stazione dei treni per scappare via, temendo ritorsioni da parte delle comunità islamiche locali.

Al momento, l'esodo sarebbe rientrato e la situazione sta tornando alla normalità, grazie alla collaborazione dei governi dei vari Stati indiani coinvolti. Tuttavia, non è ancora chiaro chi abbia messo online  minacce e intimidazioni: mentre New Delhi accusa Islamabad di essere responsabile, il Pakistan continua a negare chiedendo prove che, però, non arrivano.

Ad AsiaNews Lenin Raghuvanshi, attivista per i diritti umani e direttore del People's Vigilance Committee on Human Rights (Pvchr), sottolinea: "Le violenze nell'Assam sono episodi di natura locale, che hanno origine in una prospettiva storica e in un contesto precisi. Tuttavia, essi hanno delle ripercussioni, che esplodono in conflitti interni alimentati dal nazionalismo delle forze fasciste". In questo senso, secondo l'attivista "la più grande minaccia per l'India è un esodo interno, provocato da forze nazionaliste del Paese [i radicali che sostengono l'ideologia hindutva, ndr] o esterne, come i fondamentalisti musulmani". 

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
24/08/2012 INDIA
Non il Pakistan, ma i nazionalisti indù dietro i messaggi d’odio contro l’Assam
25/07/2012 INDIA
Sacerdote dell’Assam: Come uno tsunami, la crisi umanitaria tra tribali e musulmani
di Nirmala Carvalho
30/07/2012 INDIA
La miseria dei tribali Bodo, vittime delle violenze in Assam
di Nirmala Carvalho
21/11/2012 INDIA
Caritas India: formiamo leader tribali e musulmani, per portare la pace in Assam
di Santosh Digal
24/10/2012 INDIA
Vescovo indiano: Aiutate i 400mila profughi dell’Assam
di Santosh Digal

In evidenza
IRAQ - ITALIA
Lettera dell'arcivescovo di Mosul: Grazie per gli aiuti, che sostengono le sofferenze dei rifugiati
di Amel NonaLe offerte di tutti i donatori della campagna "Adotta un cristiano di Mosul" sono usate per acquistare cibo, vestiti pesanti, coperte per i profughi e affittare case o roulotte per affrontare l'inverno e il freddo che sono giunti molto presto. Due donne hanno difeso la loro fede cristiana davanti ai miliziani islamisti che volevano convertirle, minacciandole di uccidere. Rifugiato fra i rifugiati, mons. Nona scopre un modo nuovo di essere pastore.
IRAQ - ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": raccolti e inviati quasi 700mila euro. La campagna continua
di Bernardo CervelleraInviata la seconda tranche di aiuti, raccolti nel mese di settembre. In Medio oriente e in Iraq si gioca il destino dei rapporti fra oriente e occidente. L'appello di papa Francesco e del Sinodo. I governi tiepidi. Gli aiuti giunti da tutto il mondo: una nuova comunità internazionale che sconfigge la "globalizzazione dell'indifferenza".
IRAQ-VATICANO
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del vescovo per i primi aiuti
di Amel NonaMons. Amel Nona, vescovo caldeo di Mosul, anch'egli rifugiato, ringrazia tutti i donatori della campagna lanciata da AsiaNews. La situazione è sempre più difficile per il numero enorme di profughi e per l'arrivo dell'inverno e della neve, che rendono impossibile alloggiare nelle tende o all'aperto. La crisi, un'occasione che rende attiva la fede dei cristiani.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate