03/07/2013, 00.00
EGITTO
Invia ad un amico

Il Cairo: capo delle forze armate annuncia nuove elezioni presidenziali. Il sostegno di Al Azhar e della Chiesa copta

Il gen. Al-Sisi ha sospeso la costituzione dei Fratelli musulmani e preparerà nuove elezioni. Piazza Tahrir esulta all'annuncio. Gli interventi del grande imam di Al Azhar, del patriarca Tawadros e del capo dell'opposizione Mohamed El Baradei. Sconosciute le sorti di Mohamed Morsi.

Il Cairo (AsiaNews) - In un annuncio televisivo, il capo dell'esercito egiziano ha dichiarato la sospensione della costituzione egiziana e spiegato la roadmap verso nuove elezioni presidenziali e parlamentari. Nella sua dichiarazione, il gen. Abdul Fattah Al-Sisi era circondato dalle massime personalità militari e religiose dell'islam e della Chiesa copta.

Al-Sisi, che aveva già incontrato nel pomeriggio rappresentanti delle religioni e delle opposizioni, ha dichiarato che fino alle nuove elezioni il capo della corte costituzionale avrà poteri di presidente ad interim. Ciò significa che Mohamed Morsi, eletto nel Partito dei Fratelli musulmani lo scorso anno, non è più il presidente dell'Egitto. Ma tuttora non è chiaro dove egli sia. Alcune voci non confermate dicono che egli sia agli arresti domiciliari e che gli è proibito lasciare il Paese.

Nel suo annuncio, il gen. Al-Sisi ha criticato le dichiarazioni di Morsi che ieri ha rifiutato di dimettersi nonostante la pressione di milioni di dimostranti che da quattro giorni occupano le piazze egiziane. Morsi è stato spesso accusato di favorire i Fratelli musulmani e un'impostazione islamista della società, emarginando l'opposizione e gli altri gruppi religiosi e sociali.

Il capo delle Forze armate ha sottolineato che è tempo per l'Egitto di costruire una nazione in cui ogni persona dia il suo contributo, a qualunque religione o gruppo appartenga. Ci dovrebbe essere un governo di tecnici e un gruppo di esperti dalle diverse fasce sociali, culturali e religiose per riscrivere una costituzione più rispettosa del pluralismo egiziano.

Alla fine del suo discorso, a piazza Tahrir, piena all'inverosimile, è scoppiata l'esultanza: grida, applausi, fuochi d'artificio, raggi laser.

Subito dopo il gen. Al-Sisi , alla televisione ha parlato il grande imam di Al Azhar, Ahmed al-Tayeb, seguito dal patriarca Tawadros dei copti e da Mohamed El Baradei, rappresentante riconosciuto dell'opposizione a Morsi (Fronte di salvezza nazionale).

Tutti hanno sottolineato la necessità dell'unità della nazione e la sua riconciliazione.

Dopo pochissimo tempo dalle dichiarazioni di Al-Sisi, è stata diffusa una dichiarazione di Morsi in cui si accusa l'esercito di aver operato un colpo di Stato.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Attivista democratico: La "vera" Primavera araba riconquista l'Egitto
01/07/2013
Il no di Morsi a militari e a milioni di egiziani che chiedono la democrazia
02/07/2013
Bombe, elezioni, condanne: l'Egitto cerca la sua strada
03/03/2015
Secondo giorno di voto per la nuova costituzione egiziana. Ieri 9 morti
15/01/2014
Decine di morti e centinaia di feriti negli scontri fra islamisti pro-Morsi e la polizia
07/10/2013