09/12/2008, 00.00
INDIA
Invia ad un amico

Il Congress vince in tre stati su cinque. Bjp sconfitto alle elezioni

Il partito del premier Manmohan Singh tiene il governo dello stato di Delhi e conquista Rajasthan e Mizoram. Il Bjp si conferma in Chhattisgarh e Madhya Pradesh dove però passa dai 173 seggi del 2003 a 142.
New Delhi (AsiaNews) - Il Congress party (Cp) tiene, anzi vince. I risultati delle elezioni negli stati di Delhi, Madhya Pradesh, Rajasthan, Chhattisgarh e Mizoram segnano una vittoria del partito di governo nei confronti del Bharatiya Janata Party (Bjp). Il Cp (nella foto una manifestazione dei sostenitori) ottiene il governo in tre dei cinque stati chiamati alle urne. Si conferma a Delhi, strappa il Rajasthan al Bjp e il Mizoram al Mizo National Front (Mnf).
 
Gli attentati di Mumbai, precedenti alla tornata elettorale, hanno acuito il peso delle consultazioni in cui una sconfitta elettorale del Congress sarebbe stata letta come un segno di ulteriore sfiducia verso il governo di New Delhi. Il Bjp aveva impostato la sua campagna come un banco di prova per il governo guidato dal Cp e auspicava più di una sconfitta per il partito del premier Manmohan Singh. L’obiettivo dichiarato era uno storico sorpasso a Delhi dove però il parlamento è rimasto in mano al Congress. A scrutini conclusi il Bjp ha convocato una riunione straordinaria per analizzare la sconfitta.
 
Nello stato dei Delhi il partito del premier mantiene il governo aggiudicandosi 42 dei 70 posti in parlamento: cinque in meno rispetto a quelli ottenuti nel 2003. Il Bjp resta all’opposizione nonostante l’aumento dei seggi: dai 20 di cinque anni fa ai 23 di oggi.
 
Ribaltate invece la situazione nel Rajasthan: il Bjp passa la mano al Cp. Il Congress passa infatti dai 56 seggi del 2003 ai 96 odierni; il Bharatiya Janata Party subisce un tracollo passando da 120 a 78 seggi.
 
Il partito nazionalista induista ha vinto solo nello stato del Chhattisgarh aggiudicandosi 50 dei 90 posti nel parlamento e confermando così lo stesso risultato del 2003. I commentatori leggono il dato come un successo personale del leader locale del Bjp, Raman Singh, e la conferma dell’immobilismo del Cp anche se ha ottenuto un seggio in più a discapito delle formazioni minori.
 
Nel Madhya Pradesh il partito induista cala, ma resta al governo: passa da 173 a 142 seggi mentre il Congress cresce da 38 a 71. Altro discorso per il Mizoram dove il Cp ha sconfitto il governo in carica del Mizo National Front che dei 21 seggi conquistati 2003 ne ha mantenuti solo 3 dopo la tornata elettorale del 2 dicembre.
Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Cento milioni d’indiani al voto. Un test per governo e opposizione indù
14/11/2008
Il Bjp fa autocritica e prova a prendere le distanze dall’estremismo indù
24/06/2009
L’India al voto: oltre 700 milioni di persone per scegliere il nuovo parlamento
15/04/2009
Netta vittoria dei nazionalisti indù nel Karnataka
26/05/2008
Ministro indù: conversioni forzate come ‘chiedere sesso in cambio di un favore’
05/06/2019 13:16