29 Luglio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  •    - Mongolia
  •    - Russia
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 19/12/2015, 00.00

    RUSSIA

    Il Patriarcato di Mosca licenzia Serghei Chapnin, il direttore della sua rivista



    Il giornalista era da tempo apertamente critico dei vertici della Chiesa russa e del loro eccessivo legame con il Cremlino. La creazione di una "nuova religione ibrida", un mix di tradizioni ortodosse e di nostalgia per il passato sovietico. Un suo rapporto al Carnegie Center di Mosca, in cui parla di “nuovo silenzio” per descrivere la condizione in cui vive il clero ortodosso oggi, avrebbe fatto traboccare il vaso.

    Mosca (AsiaNews) - Il direttore della "Rivista del Patriarcato di Mosca", il mensile che racconta la vita pastorale della Chiesa e rilancia gli interventi dei vertici ecclesiastici, Serghei Chapnin (v. foto) è stato sollevato dal suo incaricato, probabilmente per le sue posizioni apertamente critiche della situazione all’interno della Chiesa ortodossa russa (qui una sua intervista con AsiaNews). La notizia si è diffusa ieri 18 dicembre e ha sollevato diverse critiche in rete, dove è molto attivo lo stesso Chapnin, il quale si è limitato a ringraziare tutti per il sostegno dimostrato. L’ormai ex direttore ha annunciato al sito Colta.ru che commenterà quanto accaduto solo il 21 dicembre.

    I siti di informazione russi collegano il licenziamento di Chapnin (ai vertici del giornale del Patriarcato dal 2009) a una serie di sue recenti uscite pubbliche molto critiche verso i vertici del Patriarcato. La goccia che avrebbe fatto traboccare il vaso è stata la sua relazione sullo stato attuale della Chiesa russa, esposta neppure 10 giorni fa  nella sede dell’autorevole Centro Carnegie di Mosca. La posizione del Patriarcato riguardo il licenziamento non è ancora stata espressa.

    Classe 1968, Chapnin è da tempo un acuto osservatore della Chiesa russa e del suo rapporto con la società. La relazione letta al Carnegie si intitola “L’ortodossia nello spazio pubblico: guerra e violenza, eroi e santi” e lo stesso Chapnin ne ha poi pubblicato la versione integrale sul suo sito. Il tema centrale è il concetto di “nuovo silenzio”, coniato dal giornalista per riassumere la condizione in cui versa la Chiesa russa. “Nello spazio pubblico risuona di fatto una sola voce, quella del patriarca Kirill”, scrive Chapnin,  notando che “tutti gli altri per lo più tacciono, non si permettono dichiarazioni dettagliate, solo brevi commenti”. “Si tratta senza dubbio di un nuovo stile che illustra in modo chiaro l’importanza crescente del dominio gerarchico nella vita della Chiesa. - spiega - Più precisamente il concetto della gerarchia come controllo esclusivo del Patriarca”. 

    Il giornalista critica poi il “giovane episcopato” ordinato sotto Kirill e che “in cinque o sei anni non ha detto nulla”. “La domanda sorge spontanea - continua la relazione - perché i giovani vescovi non parlano, non vogliono, non sono in grado o hanno paura?”. “Questo silenzio è una pausa alla vigilia di grandi cambiamenti o il desiderio di uscire dallo spazio pubblico? A oggi queste domande rimangono aperte”. 

    Chapnin fa anche riferimento diretto al rapporto della Chiesa con il potere e la società, invitando a una “seria riforma” della Chiesa che si adatti ai nuovi tempi, pena la sua marginalizzazione. A suo dire, la società mostra segnali forti di insoddisfazione verso la Chiesa, che anche se per tradizione “è e sarà la Chiesa dell’Impero” strettamente legata allo Stato, allo stesso tempo deve provare a “diventare una istituzione autorevole della società civile” e nei rapporti con il potere temporale “almeno mantenere le distanze, non identificandosi con esso, non prendendo troppi soldi, non servendo le sue esigenze ideologiche”. 

    Attacca poi la tendenza “ad accoppiare gli eroi della guerra con quelli della tradizione ortodossa”, promossa sia da certi media che dal ministro della Cultura Medinsky e mette in guardia sulla “formazione di una nuova religione ibrida”, nella quale anche esponenti della Chiesa, oltre che quelli della politica, usano le parole “sacro” e “santo” con un’accezione completamente terrena, "dimenticando completamente il loro rimando a Dio". “Io la chiamo la religione post-sovietica civile, che incorpora sia le tradizioni ortodosse che la nostalgia per il passato sovietico e il sogno di un impero forte”.

    Conclude poi con un passaggio al teppismo religioso promosso da alcuni gruppi di fanatici ortodossi, mai pubblicamente condannati dal Patriarcato, come il giovane attivista Enteo responsabile, col suo gruppo “Volontà di Dio”, di alcuni attacchi a musei ed eventi culturali giudicati “offensivi del sentimento religioso”. A suo dire, la Chiesa indulge nella giustificazione divina della violenza commessa dai giovani. “Con questo teppismo Enteo e i suoi soci hanno rivelato il grave problema della Chiesa russa - denuncia Chapnin -, hanno reso chiaro ed evidente che le persone di Chiesa sono divise in due campi” in cui uno è quello degli ortodossi che “sono in sintonia con l’uso della violenza in nome di obiettivi politici ed economici”. “La violenza è diventata per un gruppo significativo del clero e dei laici un atto cristiano accettato e qualificato”. “Questi attivisti ortodossi invece di essere condannati dall’opinione pubblica ecclesiastica ,in realtà diventano eroi”. “Se la propensione alla violenza e alla sua giustificazione sarà una caratteristica dell’ortodossia moderna rimane una domanda aperta. La tentazione è grande”, conclude il rapporto.  

    Su Facebook sono subito apparsi diversi commenti alla notizia del licenziamento di Chapnin; come quello di una donna che fa notare come la partecipazione di un sacerdote a un noto talent show (‘Voce’) è permesso dal Patriarcato, mentre leggere una relazione sul “cristianesimo e lo spazio pubblico” al Carnegie è vietato. “Che contrasto: ‘Voce’ e ‘silenzio’ ”, scrive la donna. (M.A.)

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    13/01/2016 RUSSIA
    Arciprete Chaplin: dopo il mio licenziamento, sono censurato dai media russi
    L’ex capo del dipartimento sinodale per i rapporti tra Chiesa ortodossa e società, rimosso a dicembre per presunti dissapori con il Patriarca, denuncia di non avere più visibilità sulla stampa; per anni è stato il portavoce delle posizioni più intransigenti del Patriarcato.

    23/12/2015 RUSSIA
    Parla Serghei Chapnin: Sono stato licenziato dal patriarca Kirill. In Russia una nuova "Chiesa del silenzio"
    L’ex direttore della Rivista del Patriarcato di Mosca”, racconta alla stampa russa il clima di censura che vige nella Chiesa russa e i pericoli della stretta collaborazione con lo Stato. Il suo licenziamento non è stato una sorpresa.

    19/07/2010 RUSSIA - UCRAINA
    Il Patriarca Kirill in visita in Ucraina. Con un occhio al Vaticano
    La visita inizia domani e dura fino al 28 luglio. A ricordo del battesimo della Rus. È la terza visita del patriarca dalla sua elezione nel 2009. Apprezzamenti verso Benedetto XVI per una testimonianza comune in Europa e nel mondo.

    11/02/2016 14:44:00 RUSSIA-VATICANO
    Francesco e Kirill, un incontro che ha molte ragioni politiche e di fede (I)

    Dopo secoli di attesa, a distanza di una settimana dall’annuncio, si realizza il sogno di Giovanni Paolo II e di Benedetto XVI. Fra le ragioni, il Patriarcato sottolinea la difesa dei cristiani perseguitati dal fondamentalismo islamico e la secolarizzazione diffusa anche nel mondo protestante. Un’alleanza “contro”. Vi sono anche ragioni “politiche”: la preparazione al Sinodo Panortodosso e una indiretta benedizione di Putin. Frange conservatrici del Patriarcato sono contrarie a questo incontro “minimalista”. La prima parte dell'articolo di una personalità del Patriarcato di Mosca.



    07/08/2009 RUSSIA - UCRAINA
    Conclusa la visita di Kirill. Il patriarca relaziona Medvedev
    Nella sua visita di 10 giorni in Ucraina il patriarca di Mosca ha sempre sottolineato la profonda unità spirituale dei popoli della Rus. Ma vi è stata qualche contestazione. Per Vsevolod Chaplin la Chiesa ortodossa russa va ben oltre i confini politici della Federazione russa. Ma vi sono problemi religiosi e politici.



    In evidenza

    POLONIA – CINA – GMG
    I trucchi e le violenze di Pechino per fermare i giovani cinesi alla Gmg

    Vincenzo Faccioli Pintozzi

    Il governo ha bloccato ieri un gruppo di 50 giovani pellegrini, già imbarcati su un aereo diretto a Cracovia. Interrogati per ore all’immigrazione, sono stati “ammoniti” e rimandati a casa con l’ordine di non contattare nessuno all’estero. Nel frattempo, per i luoghi centrali della Giornata mondiale della Gioventù si aggirano “giovani cattolici cinesi”, in gruppi di cinque o sei persone, che hanno il compito di spiare i compatrioti. Lavorano per Istituti culturali o aziende cinesi in Polonia.


    ISLAM-EUROPA
    P. Samir: Terrore islamico in Francia e Germania: crisi dell’integrazione, ma soprattutto crisi della politica

    Samir Khalil Samir

    Il sequestro e l’uccisione di un sacerdote vicino a Rouen (Francia) e i vari attacchi a Würzburg, Monaco, Ansbach (Germania) sono stati compiuti da gente molto giovane e indottrinata con facilità. La Germania era un modello per l’integrazione dei rifugiati. Ma l’islamismo radicale non si lascia assimilare. Esso è sostenuto da Arabia saudita e Qatar. Non c’è altra strada all’integrazione. Ma occorre dire la verità: nel Corano ci sono elementi di guerra e violenza. Ignoranza e perdita di senso morale dei politici occidentali.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®