5 Settembre 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato

invia ad un amico visualizza per la stampa


» 18/10/2011
FILIPPINE - ITALIA
Il Pime sulla morte di p. Fausto Tentorio
Il dolore per la morte del missionario ucciso; la riconoscenza per gli amici che esprimono solidarietà; la preghiera per i parenti di p. Tentorio, per i missionari e per gli uccisori di p. Fausto. Il comunicato della Direzione generale del Pontificio Istituto Missioni Estere

Roma (AsiaNews) - Ormai i media in Italia, nelle Filippine e nel mondo hanno diffuso la notizia dell’uccisione del nostro confratello p. Fausto Tentorio ad Arakan nell’isola filippina di Mindanao. Confermiamo i fatti principali, cioè che uno sconosciuto ha sparato varie volte a p. Tentorio, mentre stava per salire sulla sua macchina davanti alla parrocchia. L’assassino è fuggito in una moto guidata da un complice. Fino ad ora non conosciamo né l’autore del delitto, né il motivo preciso dell’uccisione.

Nessuno dei nostri missionari del Pime è desideroso di fare l’eroe, ma tutti desideriamo essere fedeli alla nostra vocazione missionaria. P. Tentorio stesso ha firmato tempo fa una dichiarazione in cui affermava: “Riconoscente a Dio per il grande dono della vocazione missionaria, sono cosciente che essa comporta la possibilità di trovarmi coinvolto in situazioni di grave rischio per la mia salute ed incolumità personale, a causa di epidemie, rapimenti, assalti e guerre, fino all’eventualità di una morte violenta. Tutto accetto con fiducia dalle mani di Dio, e offro la mia vita per Cristo e la diffusione del suo Regno.” Questo ha dichiarato e questo ha vissuto. Il suo sacrificio giunge a pochi giorni dalla Giornata missionaria mondiale e in concomitanza con l’invito di Benedetto XVI a un nuovo slancio per la nuova evangelizzazione e la missione ad gentes.

In questo momento di dolore vogliamo esprimere la nostra riconoscenza a tutti coloro che ci hanno testimoniato la loro vicinanza alla comunità del PIME nelle Filippine e a tutto l’Istituto, tramite il nostro Superiore Generale. Da parte nostra preghiamo, e invitiamo tutti a pregare, per il suffragio di p. Fausto Tentorio e per tutti coloro colpiti in modo più forte da questa dolorosa vicenda: la sua famiglia, da cui p. Fausto è stato nutrito nella sua fede e nel suo amore; la Chiesa e i popoli di Mindanao, che p. Tentorio ha servito e amato con dedizione totale; la comunità PIME nelle Filippine, colpita ancora una volta dalla morte violenta di un confratello. Infine vogliamo pregare per la conversione dell’uccisore e eventuali mandanti, perché aprano il cuore al Signore: Egli non vuole che i peccatori periscano, ma che si convertano e abbiano la vita eterna.

invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
12/11/2012 FILIPPINE
Kidapawan, la mano dell'esercito dietro l'assassinio di p. Fausto Tentorio
19/10/2011 FILIPPINE
Sacerdote filippino: P. Tentorio mi ha aiutato a scoprire la mia vocazione
di Simone Cantarini
18/10/2011 FILIPPINE
I tribali di p. Tentorio pregano e dormono accanto alla sua bara
24/10/2011 FILIPPINE
Vescovi filippini: basta con i capri espiatori, il governo indaghi sulla morte di p. Tentorio
19/10/2011 FILIPPINE
I missionari Pime delle Filippine ricordano p. Fausto Tentorio
Articoli del dossier
FILIPPINE
I missionari Pime delle Filippine ricordano p. Fausto Tentorio
FILIPPINE
Sacerdote filippino: P. Tentorio mi ha aiutato a scoprire la mia vocazione
FILIPPINE
I tribali di p. Tentorio pregano e dormono accanto alla sua bara
FILIPPINE - ITALIA
L’Anno della Fede e il martirio di p. Fausto Tentorio
FILIPPINE
Missionario Pime: p. Tentorio, padre, fratello e amico per migliaia di tribali senza voce
FILIPPINE - ITALIA
Sgomento fra i familiari di p. Fausto Tentorio, ucciso nelle Filippine
FILIPPINE
Ucciso missionario del Pime a Kidapawan

In evidenza
ASIA-UE
La morte del piccolo Aylan e quella di tutto il Medio oriente
di Bernardo CervelleraTutto il mondo si commuove per il bambino morto nel naufragio di un gommone in Turchia. Ci si dimentica che in Siria sono morti già decine di migliaia di bambini sotto la guerra. Occorre affrontare il problema dei profughi, ma anche e soprattutto le cause della loro tragedia: le guerre in Medio oriente, i finanziamenti allo Stato islamico, le guerre per procura delle potenze regionali e mondiali.
VATICANO-IRAQ
P. Samir di Amadiya: Il Papa è la voce dei profughi irakeni
di Bernardo CervelleraIl sacerdote caldeo ha incontrato papa Francesco chiedendogli di tenere alta l’attenzione del mondo sui profughi cristiani di Mosul e della Piana di Ninive. Nella sua diocesi vivono 3500 famiglie cristiane e quasi mezzo milione di yazidi fuggiti davanti alle violenze dello Stato islamico. L’Isis non è tutto l’islam e vi sono musulmani che vogliono un Iraq della convivenza. I cristiani potrebbero emigrare, ma rimangono nella loro terra. I progetti di aiuto ai rifugiati: la scuola per i bambini, lavoro per gli adulti, una casa per ogni famiglia. L’appello di AsiaNews.
LIBANO
La Dichiarazione di Beirut: i musulmani in difesa della libertà dei cristianiLibertà di fede, di educazione e di opinione difese citando il Corano. Esse sono alla base dello Stato di diritto, che non deve essere uno Stato religioso. L’organo di riferimento dei sunniti del Libano condanna senza appello la violenza in nome di Dio. Il testo integrale del messaggio.

Dossier

Terra Santa Banner


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate