31 Ottobre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 28/07/2007
INDIA – USA
Il Senato americano dichiara fuorilegge la discriminazione di casta
di Nirmala Carvalho
La risoluzione approvata lo scorso 23 luglio e ora al vaglio del Congresso invita il più importante partner commerciale asiatico a riconoscere pari diritti a Dalit e Tribali. La Chiesa cattolica chiede particolare attenzione ai Dalit cristiani, vittime di un’emarginazione ancora più radicata.

New Delhi (AsiaNews) – Il Senato americano ha approvato una risoluzione dalla portata “storica”, nella quale “si impegna a mettere fuorilegge la discriminazione di casta in India”, uno dei suoi alleati “più stretti” sul piano commerciale. La normativa è ora al vaglio del Congresso, che deve ratificare la legge.

La risoluzione, proposta il 2 maggio scorso e ratificata il 23 luglio, è stata introdotta dalla presentazione di un rapporto congiunto di Human Rights Watch e del Center for Human Right and Global Justice sulla portata di “vasta scala della discriminazione razziale in India”, pubblicato nel mese di febbraio. Il documento sottolinea il fatto che le discriminazioni interessano “circa 200 milioni di persone appartenenti alle casta dei tribali (le popolazioni indigene) e i Dalit (gli intoccabili, la cui vita in India vale molto meno di quella di una mucca, animale ritenuto sacro). La risoluzione del Sentao Usa sancisce che “è interesse degli Stati Uniti porre l’attenzione sul modo in cui vengono trattati i Dalit e i Tribali in modo dar vita a uno sviluppo sociale reciproco e al rispetto dei diritti umani”.

Pieno sostegno da parte della conferenza dei vescovi indiani: il segretario della CBCI p. Cosmon Arokiaraj, sottolinea che “la Chiesa cattolica accoglie con favore la risoluzione del governo americano”, auspicando peraltro che “la stessa presa di coscienza avvenga anche all’interno della società indiana e della sua classe dirigente”. “Le persone devono avere a cuore il problema dell’uguaglianza dei diritti e della dignità dei Dalit, una realtà che interessa in modo particolare la Chiesa”, preoccupata per l’atteggiamento di profonda discriminazione verso i Dalit cristiani, una realtà ancora più isolata nel contesto sociale del Paese e che non gode nemmeno dei privilegi concessi agli altri Dalit. Al riguardo la Chiesa auspica che il governo Usa promuova una risoluzione ad hoc per i Dalit cristiani, che sancisca “l’uguaglianza per una casta discriminata esclusivamente per motivi religiosi”. In questa direzione viene accolto l’invito dell’NCRLM – Commissione nazionale per le minoranze religiose e linguistiche – che raccomanda pari diritti anche “ai Dalit cristiani e ai musulmani” in un rapporto consegnato due mesi fa nelle mani del premier indiano Manmohan Singh.

La risoluzione approvata da Washington prevede infine che i cittadini americani che lavorano in India “si impegnino a evitare discriminazioni verso i Dalit in tutti i rapporti d’affari”. Trent Frank, parlamentare Usa che ha introdotto il documento al congresso, ha invitato tutti i colleghi a “mettere fine alle discriminazioni e alle ingiustizie sociali: “l’intoccabilità”  è una pratica inaccettabile per il più importante partner commerciale americano oltre che il più stretto alleato” nella regione asiatica. Il nostro governo e il popolo americano si impegnano affinché questa pratica venga abbandonata mediante aiuti economici e un rafforzamento della partnership politica”.

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
13/10/2005 INDIA
Congresso Usa pronto ad esaminare la discriminazione contro i Dalit
di Nirmala Carvalho
18/06/2007 INDIA
Il prezzo del boom economico non può essere la vita dei più miseri
di Nirmala Carvalho
02/02/2006 INDIA
India, nuova diocesi al "100% dalit"
di Nirmala Carvalho
19/10/2006 INDIA
India: donne dalit fanno cacciare il sacerdote indù che le discrimina
18/07/2005 INDIA
Tamil Nadu, al via le udienze del Tribunale popolare dei Dalit cristiani

In evidenza
IRAQ - ITALIA
Lettera dell'arcivescovo di Mosul: Grazie per gli aiuti, che sostengono le sofferenze dei rifugiati
di Amel NonaLe offerte di tutti i donatori della campagna "Adotta un cristiano di Mosul" sono usate per acquistare cibo, vestiti pesanti, coperte per i profughi e affittare case o roulotte per affrontare l'inverno e il freddo che sono giunti molto presto. Due donne hanno difeso la loro fede cristiana davanti ai miliziani islamisti che volevano convertirle, minacciandole di uccidere. Rifugiato fra i rifugiati, mons. Nona scopre un modo nuovo di essere pastore.
IRAQ - ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": raccolti e inviati quasi 700mila euro. La campagna continua
di Bernardo CervelleraInviata la seconda tranche di aiuti, raccolti nel mese di settembre. In Medio oriente e in Iraq si gioca il destino dei rapporti fra oriente e occidente. L'appello di papa Francesco e del Sinodo. I governi tiepidi. Gli aiuti giunti da tutto il mondo: una nuova comunità internazionale che sconfigge la "globalizzazione dell'indifferenza".
IRAQ-VATICANO
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del vescovo per i primi aiuti
di Amel NonaMons. Amel Nona, vescovo caldeo di Mosul, anch'egli rifugiato, ringrazia tutti i donatori della campagna lanciata da AsiaNews. La situazione è sempre più difficile per il numero enorme di profughi e per l'arrivo dell'inverno e della neve, che rendono impossibile alloggiare nelle tende o all'aperto. La crisi, un'occasione che rende attiva la fede dei cristiani.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate