21 Agosto 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan


  • » 02/02/2017, 08.52

    USA-COREA-GIAPPONE

    Il capo del Pentagono alla guerra contro Kim Jong-un e per migliorare l’economia Usa



    La Corea del Nord è all’ultimo stadio nella capacità di lanciare missili intercontinentali che potrebbero colpire anche gli Stati Uniti. Corea del Sud e Giappone sono già sotto la minaccia dei missili nordcoreani. Trump ha minacciato di abbandonare l’alleanza con Tokyo e Seoul se essi non pagano di più per la difesa. Mattis e Trump per una crescita dell’arsenale militare Usa. La difesa statunitense, la più potente e costosa al mondo, un bilancio annuale di oltre 600 miliardi di dollari e circa 1,3 milioni di soldati attivi.

    Washington (AsiaNews) – Il capo del Pentagono, Jim Mattis, ha scelto Corea del Sud e Giappone come destinazioni del suo primo viaggio ufficiale. Partito ieri alla volta di Seoul e poi Tokyo, egli vuole rafforzare l’alleanza con i due Paesi estremo-orientali nella lotta contro la Corea del Nord.

    Pyongyang e il suo leader Kim Jong-un sono divenuti un tema molto dibattuto negli Usa, dopo che all’inizio dell’anno, nel suo discorso ufficiale, Kim ha dichiarato che il Paese è all’ultimo stadio nella capacità di lanciare missili intercontinentali che potrebbero colpire anche gli Stati Uniti.

    Non è ancora chiaro quanto la minaccia nordcoreana sia reale. Alcuni esperti affermano che Pyongyang sarà capace di avere un’arma nucleare che possa colpire gli Usa entro 10 anni.

    Durante la sua campagna elettorale, il presidente Donald Trump ha spesso accennato alla possibilità di colpire Pyongyang, ma ha anche espresso l’idea di un possibile colloquio con Kim davanti a un piatto di hamburger. Per Trump, la Cina, che è il maggior alleato della Corea del Nord, dovrebbe fare molto di più per convincere Kim a desistere dal suo programma nucleare.

    Il viaggio di Mattis vuole rassicurare i due Paesi alleati, che sono già sotto la minaccia dei missili nordcoreani. Essi ospitano da decenni 80mila truppe statunitensi. Ma è probabile che essi dovranno “rassicurare” gli Stati Uniti nel sostenere in misura maggiore le spese militari. Durante la sua campagna, Trump si è lamentato che i trattati di difesa con loro sono svantaggiosi per gli Usa e che il suo Paese avrebbe abbandonato l’alleanza se Tokyo e Seoul non avessero pagato di più.

    La dimensione economica del viaggio e della difesa statunitense è al primo posto. Proprio ieri Mattis ha messo in luce i piani iniziali per una crescita dell’arsenale militare Usa. Anche Trump ha promesso una “grande ricostruzione” dei servizi militari Usa e la scorsa settimana ha firmato ordini esecutivi per accrescere il numero di aerei, navi e risorse per il Pentagono.

    La difesa americana è già la più potente e la più costosa del mondo, con basi su tutto il pianeta, un bilancio annuale di oltre 600 miliardi di dollari e circa 1,3 milioni di soldati attivi.

    Dopo il ritiro della maggior parte delle truppe Usa da Iraq e Afghanistan, l’amministrazione Obama aveva ridotto il budget del Pentagono, ma i repubblicani hanno spesso sottolineato che i tagli sono stati troppo forti e rischiano di indebolire la difesa Usa, soprattutto davanti alle escalation militari di Russia e Cina.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    05/07/2017 11:41:00 COREA-ONU
    Dubbi sulla potenza dei missili di Pyongyang. Moon deciso a seguire la strada delle sanzioni e del dialogo

    La retorica di Kim Jong-un: Il missile, “un dono per i bastardi americani”, nel giorno della festa d’indipendenza. “Ora possiamo colpire tutto il mondo”. Ma forse il missile si è disintegrato in aria, rientrando nell’atmosfera. Dubbi sulla capacità di miniaturizzare le testate nucleare da inserire nel cono del missile. Al Consiglio di sicurezza Onu, gli Usa chiederanno ulteriori sanzioni. Seoul ribadisce l’importanza della strada del dialogo.  Antonio Guterres: Mantenere unita la comunità internazionale.



    11/08/2017 10:09:00 GIAPPONE-COREA-USA
    Mons. Kikuchi: La Chiesa in Giappone prega per la pace, mentre i leader politici alimentano la tensione

    Per il vescovo di Niigata, le tensioni nella penisola coreana datano da 70 anni, ma i nuovi leader politici “stanno alimentando il fuoco già presente”. Una soluzione militare di aggressione Usa o nordcoreana porterebbe solo risultati devastanti per tutti. I 10 giorni di preghiera per la pace. La collaborazione fra vescovi giapponesi e coreani.



    07/08/2017 09:00:00 COREA
    Manila, i ministri degli esteri di Sudcorea, Usa e Giappone valutano la posizione di Pyongyang

    La proposta di mediazione del presidente sudcoreano Moon Jae-in è sostenuta dalla Cina e in parte dagli Usa. Prima stretta di mano fra i ministri degli esteri del Nord e del Sud nell'epoca Moon. La risoluzione Onu dà fiato alle diplomazie nel tentativo di scongiurare la guerra. Moon e Trump a colloquio telefonico.



    03/02/2017 10:22:00 COREA-USA
    Seoul e Washington per lo scudo spaziale che non piace a Pechino, Mosca e alla Chiesa coreana

    Mattis e il presidente coreano ad interim hanno ribadito la necessità del sistema anti-missilistico Thaad. Per i cinesi, Trump sta potenziando la presenza Usa nel Nordest dell’Asia. Chiesa cattolica: No alla penisola coreana come al centro di una nuova guerra fredda.



    12/08/2017 10:38:00 COREA
    Vescovi coreani: No alle ‘provocazioni imprudenti’. Fermiamo l’escalation nucleare lavorando per la ‘coesistenza dell’umanità’

    I vescovi coreani hanno diffuso oggi un’Esortazione sulle tensioni crescenti attorno alla penisola coreana. La Corea del Nord, ma anche i “Paesi limitrofi” rischiano di compiere “azioni precipitose, senza freni”, che potrebbero portare alla “morte di innumerevoli persone” e a “piaghe profonde per l’intera l’umanità”. Ridurre le spese militari e potenziare le spese per lo sviluppo umano e culturale. L’appello a usare “la coscienza, l’intelligenza, la solidarietà, la pietà e il mutuo rispetto”. La preghiera nel giorno dell’Assunta, festa dell’indipendenza coreana.





    In evidenza

    LIBANO-M. ORIENTE-VATICANO
    Patriarchi cattolici d’Oriente: Il genocidio dei cristiani, un affronto contro tutta l’umanità

    Fady Noun

    Colpite da guerre, emigrazione e insicurezza, le comunità cristiane si sono ridotte ormai a un “piccolo gregge” nell’indifferenza internazionale. Un appello a papa Francesco e alla comunità internazionale. Cattolici e ortodossi condividono gli stessi problemi. La fine dei cristiani in Oriente sarebbe “uno stigma di vergogna per tutto il XXI secolo”.


    COREA
    Vescovi coreani: No alle ‘provocazioni imprudenti’. Fermiamo l’escalation nucleare lavorando per la ‘coesistenza dell’umanità’



    I vescovi coreani hanno diffuso oggi un’Esortazione sulle tensioni crescenti attorno alla penisola coreana. La Corea del Nord, ma anche i “Paesi limitrofi” rischiano di compiere “azioni precipitose, senza freni”, che potrebbero portare alla “morte di innumerevoli persone” e a “piaghe profonde per l’intera l’umanità”. Ridurre le spese militari e potenziare le spese per lo sviluppo umano e culturale. L’appello a usare “la coscienza, l’intelligenza, la solidarietà, la pietà e il mutuo rispetto”. La preghiera nel giorno dell’Assunta, festa dell’indipendenza coreana.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®