29 Giugno 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 02/02/2017, 08.52

    USA-COREA-GIAPPONE

    Il capo del Pentagono alla guerra contro Kim Jong-un e per migliorare l’economia Usa



    La Corea del Nord è all’ultimo stadio nella capacità di lanciare missili intercontinentali che potrebbero colpire anche gli Stati Uniti. Corea del Sud e Giappone sono già sotto la minaccia dei missili nordcoreani. Trump ha minacciato di abbandonare l’alleanza con Tokyo e Seoul se essi non pagano di più per la difesa. Mattis e Trump per una crescita dell’arsenale militare Usa. La difesa statunitense, la più potente e costosa al mondo, un bilancio annuale di oltre 600 miliardi di dollari e circa 1,3 milioni di soldati attivi.

    Washington (AsiaNews) – Il capo del Pentagono, Jim Mattis, ha scelto Corea del Sud e Giappone come destinazioni del suo primo viaggio ufficiale. Partito ieri alla volta di Seoul e poi Tokyo, egli vuole rafforzare l’alleanza con i due Paesi estremo-orientali nella lotta contro la Corea del Nord.

    Pyongyang e il suo leader Kim Jong-un sono divenuti un tema molto dibattuto negli Usa, dopo che all’inizio dell’anno, nel suo discorso ufficiale, Kim ha dichiarato che il Paese è all’ultimo stadio nella capacità di lanciare missili intercontinentali che potrebbero colpire anche gli Stati Uniti.

    Non è ancora chiaro quanto la minaccia nordcoreana sia reale. Alcuni esperti affermano che Pyongyang sarà capace di avere un’arma nucleare che possa colpire gli Usa entro 10 anni.

    Durante la sua campagna elettorale, il presidente Donald Trump ha spesso accennato alla possibilità di colpire Pyongyang, ma ha anche espresso l’idea di un possibile colloquio con Kim davanti a un piatto di hamburger. Per Trump, la Cina, che è il maggior alleato della Corea del Nord, dovrebbe fare molto di più per convincere Kim a desistere dal suo programma nucleare.

    Il viaggio di Mattis vuole rassicurare i due Paesi alleati, che sono già sotto la minaccia dei missili nordcoreani. Essi ospitano da decenni 80mila truppe statunitensi. Ma è probabile che essi dovranno “rassicurare” gli Stati Uniti nel sostenere in misura maggiore le spese militari. Durante la sua campagna, Trump si è lamentato che i trattati di difesa con loro sono svantaggiosi per gli Usa e che il suo Paese avrebbe abbandonato l’alleanza se Tokyo e Seoul non avessero pagato di più.

    La dimensione economica del viaggio e della difesa statunitense è al primo posto. Proprio ieri Mattis ha messo in luce i piani iniziali per una crescita dell’arsenale militare Usa. Anche Trump ha promesso una “grande ricostruzione” dei servizi militari Usa e la scorsa settimana ha firmato ordini esecutivi per accrescere il numero di aerei, navi e risorse per il Pentagono.

    La difesa americana è già la più potente e la più costosa del mondo, con basi su tutto il pianeta, un bilancio annuale di oltre 600 miliardi di dollari e circa 1,3 milioni di soldati attivi.

    Dopo il ritiro della maggior parte delle truppe Usa da Iraq e Afghanistan, l’amministrazione Obama aveva ridotto il budget del Pentagono, ma i repubblicani hanno spesso sottolineato che i tagli sono stati troppo forti e rischiano di indebolire la difesa Usa, soprattutto davanti alle escalation militari di Russia e Cina.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    03/02/2017 10:22:00 COREA-USA
    Seoul e Washington per lo scudo spaziale che non piace a Pechino, Mosca e alla Chiesa coreana

    Mattis e il presidente coreano ad interim hanno ribadito la necessità del sistema anti-missilistico Thaad. Per i cinesi, Trump sta potenziando la presenza Usa nel Nordest dell’Asia. Chiesa cattolica: No alla penisola coreana come al centro di una nuova guerra fredda.



    05/04/2017 08:29:00 COREA DEL NORD
    Nuovo test missilistico di Pyongyang, alla vigilia dell’incontro fra Xi Jinping e Donald Trump

    Il lancio di stamattina sembra voler provocare maggior disaccordo fra Cina e Stati Uniti. Il missile di medio raggio è partito da Sinpo ed è finito nel mar del Giappone. Pechino non vuole la caduta di Kim Jong-un e nemmeno l’unificazione delle due Coree.



    08/06/2017 08:37:00 COREA
    Pyongyang lancia nuovi missili. Moon frena lo sviluppo del Thaad

    I missili lanciati oggi non sono sottoposti al divieto Onu. Essi potrebbero colpire delle “grandi navi”. Bloccato ogni ulteriore spiegamento del sistema anti-missilistico Usa per motivi ecologici. Manifestazioni anti-Thaad a Seongju. Seoul è disposto a continuare i rapporti intercoreani con le ong e le organizzazioni caritative e religiose, ma Pyongyang le rifiuta.



    15/04/2017 11:37:00 COREA
    Fra venti di guerra, la Chiesa coreana prepara il Paese alle elezioni e alla pace

    Da Pyongyang minacce di risposta “con attacchi nucleari” se gli Usa fanno gesti di provocazione. Gli Stati Uniti dirigono la portaerei Carl Vinson verso la penisola coreana. Ministro cinese: Basta provocazioni e minacce reciproche. La Conferenza episcopale domanda ai candidati presidenziali quale sarà la loro politica verso la Corea del Nord. Mons. Lazzaro You Heung-sik scettico sulle possibilità di gesti violenti.



    18/05/2016 08:54:00 STATI UNITI – COREA DEL NORD
    Donald Trump apre a un meeting con Kim Jong-un

    Il miliardario americano, probabile candidato repubblicano alle prossime presidenziali americane, ha detto: “Non avrei alcun problema a incontrarlo. Proprio nessuno”. Sul tavolo dell’ipotetico summit ci sarebbero il programma nucleare di Pyongyang e il rapporto con la Cina: “Metterei un’enorme pressione su Pechino. Abbiamo un potere immenso dal punto di vista economico”. La sfidante, Hillary Clinton, commenta: “Ha un bizzarro amore per gli uomini forti stranieri”.





    In evidenza

    VATICANO-CINA
    ‘Grave preoccupazione’ della Santa Sede per mons. Shao Zhumin, sequestrato dalla polizia da oltre un mese

    Bernardo Cervellera

    Il vescovo di Wenzhou (Zhejiang) sarebbe sottoposto a lavaggio di cervello per farlo aderire all’Associazione patriottica. Mons. Shao appartiene alla comunità sotterranea. È la prima volta in tre anni - da quando sono ripresi di dialoghi Cina-Santa Sede - che la Sala Stampa si esprime su un vescovo arrestato. Il dolore dei fedeli per il troppo silenzio. Per mons. Shao aveva parlato anche l’ambasciatore tedesco a Pechino, Michael Clauss. L’invito a pregare per mons. Shao e per “il cammino della Chiesa in Cina”.


    VATICANO
    Papa: le Chiese d’Oriente, vivaci malgrado persecuzioni e terrorismo



    Ricevendo i partecipanti all’assemblea della “Riunione delle Opere per l’Aiuto alle Chiese Orientali” Francesco raccomanda la formazione del clero. “Non dimentichiamo che in Oriente anche ai giorni nostri, i cristiani – non importa se cattolici, ortodossi o protestanti – versano il loro sangue come sigillo della loro testimonianza”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®