1 Agosto 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 01/04/2004
filippine
Il cardinale Sin celebra sabato il suo Giubileo d'oro

Manila (AsiaNews) – Il cardinale Jaime Sin, arcivescovo emerito dell'Arcidiocesi di Manila, celebrerà sabato 3 aprile, nella cattedrale della capitale filippina, il cinquantesimo anniversario della sua ordinazione sacerdotale. Tra i prelati con-celebranti ci saranno anche l'arcivescovo di Manila Gaudencio Rosales, il cardinale Ricardo Vidal, di Cebu, l'arcivescovo Antonio Franco, nunzio papale nelle Filippine, oltre a sacerdoti di Manila e delle diocesi circostanti.

Il cardinale è stato ordinato 50 anni fa, il 3 aprile 1954, a Roxas City, Capiz nel sud delle Filippine. Ha cominciato il suo insigne ministero ecclesiastico come prete missionario nei villaggi dell'isola di Panay, contro la volontà del suo vescovo che voleva frequentasse invece alcuni corsi di studio a Roma.

Noto per la sua franchezza e il suo coraggio, il cardinale Sin ha avuto un ruolo importante in tanti eventi storici avvenuti nelle Filippine, quali la prima Rivoluzione del Rosario, nel 1986, che gettò le basi per il ritorno della democrazia dopo 20 anni di guida autoritaria di Ferdinando Marcos, e la seconda Rivoluzione del Rosario che ha portato alla deposizione del presidente Joseph Estrada.

Il 31 agosto 2003, giorno del suo 75esimo compleanno, il cardinale Sin ha dato le dimissioni dal suo mandato, come richiesto dal diritto canonico cattolico. Il Santo Padre Giovanni Paolo II ha accettato le sue dimissioni il 15 settembre e ha nominato come suo successore l'arcivescovo Rosales, allora arcivescovo di Lipa.

Il Santo Padre ha inviato al cardinale due pagine di ringraziamenti speciali, in latino, per congratularsi per il suo Giubileo sacerdotale. Il Papa ha affermato che si tratta di una celebrazione meritata visto il grande impegno pasatorale del cardinale Sin. Ha aggiunto che il servizio sacerdotale dato dal cardinale Sin alla Chiesa, specie nel suo lungo e dinamico incarico come arcivescovo di Manila, è stato lo specchio del suo fruttifero impegno pastorale tra la gente e del suo amore per Cristo e il Vangelo (S.E.)   


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
28/06/2005 FILIPPINE
Filippine: celebrati i funerali del cardinal Sin
21/06/2005 FILIPPINE-VATICANO
Cardinale Jaime Sin: "Portare Cristo nella politica" (scheda biografica)
21/06/2005 FILIPPINE
Mons. Cruz: il card. Sin, “un uomo più grande della vita”
21/06/2005 filippine-vaticano
Il card. Jaime Sin, leader della Rivoluzione del rosario, è morto
01/08/2009 FILIPPINE
È morta Cory Aquino, la prima donna presidente in Asia e simbolo della democrazia
di Santosh Digal

In evidenza
CINA
Wenzhou, anche la Chiesa non ufficiale contro le demolizioni. La diocesi in digiuno
di Joseph YuanDopo la marcia del 90enne vescovo ufficiale mons. Vincent Zhu Weifang, il coadiutore mons. Peter Shao Zhumin e tutto il clero non ufficiale pubblicano una lettera aperta in cui chiedono di fermare la campagna di demolizione delle croci. Un appello ai cattolici “della Cina e del mondo intero” affinché si uniscano alla protesta, a sostegno della Chiesa cinese. Persino un vescovo illecito manifesta solidarietà con il clero del Zhejiang, contro gli atti del governo.
CINA
Wenzhou: Vescovo 90enne e 26 preti manifestano contro la demolizione delle croci
di Joseph YuanNon è la prima volta che l'anziano vescovo e i suoi sacerdoti si esprimono contro la campagna di demolizione di croci e chiese, che ha colpito oltre 400 edifici. La polizia ha cercato di disperderli e il gruppo ha presentato una petizione. La coroncina della Divina Misericordia a sostegno della Chiesa cinese. Entro il 31 agosto verranno abbattute le croci delle chiese nella zona di Lishui.
ISRAELE-IRAN
Dopo l’accordo sul nucleare, Israele dovrebbe diventare il miglior alleato dell’Iran
di Uri AvneryE’ la tesi del grande statista e pacifista Uri Avnery, leader del gruppo Gush Shalom, sostenitore della pace fra israeliani e palestinesi. Secondo Avnery, l’Iran desidera solo essere una potenza regionale e del mondo islamico, capace di commerciare con tutti, grazie alla sua raffinata e millenaria esperienza. Di fronte, rivolti al passato, vi sono le monarchie e gli emirati del Golfo. L’Iran può essere un ottimo alleato contro Daesh. Gli abbagli di Netanyahu e dei politici e media israeliani. (Traduzione dall’inglese di AsiaNews).

Dossier


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate