17 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 29/07/2016, 08.30

    SIRIA

    Il fronte di Al Nusra rompe con al Qaeda per avere futuro in Siria



    La rottura è avvenuta di comune accordo. Verrà creato un nuovo “Fronte per la conquista della Siria”. In questo modo al Nusra spera di sfuggire ai bombardamenti anti-jihadisti di Usa e Russia e mantenere una solida influenza sui gruppi di ribelli.

    Damasco (AsiaNews) – Il Fronte di al Nusra, il ramo siriano di al Qaeda, ha annunciato ieri sera di aver rotto i legami con l’organizzazione terrorista, varando un nuovo fronte con un nuovo nome: Jabhat Fateh al-Sham (Fronte per la conquista della Siria). Secondo analisti, la mossa – presa in accordo con i capi di al Qaeda – dovrebbe servire a salvare il gruppo dai bombardamenti della coalizione a guida Usa e da quelli russi e avere una funzione di raccordo fra tutti i gruppi ribelli, forse per escludere quelli “moderati”, che vengono implicati nei dialoghi sul futuro della Siria.

    L’annuncio è stato dato dallo stesso capo di al Nusra, Abu Mohamad al-Jolani. Apparendo per la prima volta in video (v. foto), Jolani ha spiegato che la separazione da al Qaeda serve a “proteggere la rivoluzione siriana”, formando un nuovo fronte che “unisca le masse del popolo di al-Sham [il Levante] liberando le loro terre, dando vittoria alla loro fede”.

    Egli ha anche ringraziato “i comandanti di al Qaeda per aver compreso la necessità di rompere i legami” e ha promesso che il nuovo gruppo “non avrà alcune legame con gruppi stranieri”.

    Proprio la scorsa settimana John Kerry, segretario di Stato Usa, e Sergei Lavrov, ministro russo degli esteri, si sono accordati per fare “passi concreti” e salvare un’esile tregua in Siria e fermare i jihadisti di al Nusra e dello Stato islamico.

    La mossa di Jolani sembra fatta apposta per sfuggire ai bombardamenti esterni. Essa è anche un tentativo di radunare tutta l’opposizione ad Assad sotto la sua egemonia.

    Al Nusra è sorto nel gennaio 2012, quasi a un anno dall’inizio del conflitto in Siria. Esso è il gruppo più importante insieme ai miliziani dello Stato islamico. A differenza di quest’ultimo, che combatte chiunque non sia suo stretto alleato, al Nusra ha collaborato con diversi gruppi ribelli.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    07/04/2015 SIRIA
    L’Onu chiede l’accesso umanitario al campo profughi dei palestinesi di Yarmouk
    La situazione dei 18mila profughi è definita “più che disumana”. Attorno al campo profughi – un tempo base dell’opposizione ad Assad – si stanno cambiando le alleanze: al-Nusra combatte con lo Stato islamico; palestinesi e Free Syrian Army combattono con l’esercito siriano.

    09/04/2015 SIRIA
    Nunzio a Damasco: Yarmouk, vergogna consumata nel silenzio della comunità internazionale
    Il campo profughi palestinese occupato dallo Stato islamico e bombardato dall'esercito siriano. Mons. Zenari: “Tragedia sotto gli occhi di tutti” ma ignorata a lungo. Nell’area vi sono fazioni “in lotta fra loro” e a farne le spese “sono i civili”. In passato la Chiesa si è attivata, seppur fra molte difficoltà, a portare aiuti. Non solo la Siria, è “tutto il Medio oriente a essere infuocato”.

    06/03/2015 SIRIA
    Capo militare di al Nusra ucciso in un raid dell’aviazione siriana
    In un’operazione delle forze di sicurezza di Damasco nella provincia di Idlib è morto Abu Homam al-Sham. Altri tre leader di primo piano deceduti nel corso dell’operazione. I vertici erano riuniti per delineare le strategie future del movimento. Al vaglio l’ipotesi di lasciare al Qaeda, puntando al sostegno degli Stati arabi.

    05/06/2015 ISLAM
    Al Qaeda “scomunica” lo Stato islamico: Il loro Califfato è illegittimo
    Abu Mohamed al-Jolani guida il Fronte al-Nusra, emanazione siriana della “Rete” fondata da bin Laden. In un’intervista ad al Jazeera attacca: “L’operato dello Stato islamico non è basato sulla nostra legge, hanno annunciato un Califfato ma gli studiosi lo hanno respinto. E violano il codice di condotta dei guerrieri dell’islam”.

    07/12/2015 SIRIA
    La coalizione guidata dagli Usa bombarda un campo dell’esercito siriano: 4 morti
    Il campo si trova a due km a ovest di Deir ez-Zor, nelle mani dello Stato islamico. Nei giorni scorsi Francia, Gran Bretagna, Stati Uniti avevano suggerito un’alleanza con l’esercito siriano per sconfiggere i miliziani del Califfato.



    In evidenza

    IRAQ
    Parroco di Amadiya: Avvento fra i profughi di Mosul, la solidarietà più forte delle difficoltà (Foto)



    P. Samir racconta un clima di gioia e di speranza, nonostante la mancanza di risorse e il calo negli aiuti. La lotta per sopravvivenza ha accresciuto il legame di unione fra cristiani e con musulmani e yazidi. Ancora oggi il centro ospita 150 rifugiati, il 70% dipende dalle risorse stanziate dalla Chiesa. Centinaia di giovani all’incontro di preghiera in preparazione al Natale.


    VATICANO-ASIA
    Xenofobia e populismo. Il caso dell’Asia

    Bernardo Cervellera

    Il simposio sul tema, voluto dal Consiglio mondiale delle Chiese (Wcc) e dal Dicastero vaticano per il servizio dello sviluppo umano integrale. Nella crescente ostilità verso gli altri, considerati come nemici e stranieri, tracciare le piste per l’impegno delle Chiese. I “migranti” tema politico importante in Germania e nella Brexit del Regno Unito. Testimonianze dall’America latina e dall’Africa. Esperienze asiatiche affidate al direttore di AsiaNews.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®