13 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan


  • » 16/11/2017, 11.36

    CINA-VATICANO

    Il governo cinese riconosce il vescovo di Handan. Nessun vescovo illecito alla cerimonia

    Li Yuan

    Mons. Giuseppe Sun Jigen, sacerdote ufficiale, era stato ordinato in segreto nel 2011. Sebbene approvato anche dal governo, la cerimonia di installazione era stata cancellata all’ultimo momento per timore che vi partecipassero vescovi illeciti. Alla cerimonia di oggi, il vice-presidente del Consiglio dei vescovi era assente perché colpito da infarto; il vice-presidente dell’Associazione patriottica era assente per lutto. Il vescovo di Lanzhou, appena ufficializzato, porta sacerdoti e suore in “pellegrinaggio” a Jinggangshan, la culla della rivoluzione comunista nel Jiangxi.

    Handan (AsiaNews) – Mons. Giuseppe Sun Jigen è stato riconosciuto oggi dal governo cinese come vescovo di Handan (l’antica Yongnian, nell’Hebei). La cerimonia di installazione è avvenuta stamane in una piccola chiesa rurale della contea di Shexian, presieduta da mons. Pietro Feng Xinmou di Hengshui (l’antica Jingxian, sempre nel nord dell’Hebei). Al rito non era presente nessun vescovo illecito (foto 1).

    Mons. Sun è un membro della Chiesa ufficiale ed era stato nominato vescovo sia dalla Santa Sede che dal governo cinese alcuni anni fa. La sua ordinazione era stata programmata il 29 giugno del 2011, ma è stata cancellata all’ultimo momento: i fedeli non volevano che alla cerimonia partecipasse un vescovo illecito, mons. Giuseppe Guo Jincai di Chengde (Hebei). Nel frattempo, il 21 giugno di quell’anno, mons. Sun è stato ordinato in segreto vescovo coadiutore della diocesi.

    Alcune settimane fa si è diffusa la notizia dell’istallazione a cui avrebbero partecipato tutti i vescovi dell’Hebei. Ma oggi erano presenti solo due, entrambi approvati dalla Santa Sede. Oltre a mons. Feng, vi era mons. Francesco An Shuxin di Baoding (foto 2)

    Mons. Fang Jianping di Tangshan, vice-presidente del Consiglio dei vescovi cinesi, avrebbe dovuto presiedere la cerimonia. Ma quattro giorni fa ha subito un attacco di cuore ed è stato portato a Pechino per essere curato.

    Mons. Guo Jincai, vice-presidente dell’Associazione patriottica, avrebbe dovuto rimpiazzare mons. Fang, ma non ha potuto parteciparvi “a causa della morte di sua mamma”, come ha detto una fonte ecclesiale locale, che ha aggiunto: “Ringraziamo il Signore perché ha cura della nostra diocesi”.

    Dato che le autorità governative avevano pianificato la presenza di un vescovo illecito, solo 60 sacerdoti su 90 della diocesi hanno preso parte all’installazione, a cui hanno preso parte solo 100 fedeli.

    Un cattolico di Handan racconta che la diocesi ha scelto una piccola chiesa in campagna per evitare possibili reazioni dai fedeli, e ha cercato di bloccare la diffusione della notizia dell’istallazione. Il cattolico, che ha chiesto di rimanere anonimo, ha fatto notare con umorismo che anche un piccolo gruppo di fedeli può provocare guai.

    L’Hebei è la provincia con il maggior numero di cattolici, circa un milione, e un luogo dove è forte la presenza delle comunità sotterranee. Handan, una diocesi molto attiva, ha almeno 180mila fedeli. A Shexian, il luogo scelto per la cerimonia, vi sono solo 500 fedeli, in maggioranza nuovi battezzati.

    Nato il 2 agosto 1967, mons. Sun è entrato in seminario da giovane, nel 1986. Nel 1994 ha insegnato in seminario minore e nel ’95 è stato ordinato sacerdote da mons. Chen Bolu di Handan. Nel 1997 è stato fatto cancelliere e dal 2001 al 2005 è divenuto vicario generale. Nel 2005 è stato nominato parroco a Yongnian. Nel 2007 la santa sede lo ha nominato vescovo di Handan.

    Il nome di mons. Sun ha subito poi il processo elettorale richiesto dal governo, dove si vota per i candidati all’episcopato. Ma i cattolici sapevano che l’elezione era falsa, nel senso che gli elettori del comitato avrebbero votato e sostenuto solo il candidato approvato dal Vaticano.

    Fra il 1998 e il 2008, mons. Sun è stato anche membro della Conferenza politica consultiva di Handan.

    L’installazione di mons. Sun è diversa da quella avvenuta il 10 novembre scorso a Lanzhou per il vescovo Giuseppe Han Zhihai. Questi era un vescovo sotterraneo che è passato all’ufficialità. Secondo notizie provenienti dalla sua diocesi, il giorno dopo la sua installazione, mons. Han ha accompagnato in “pellegrinaggio” un gruppo di sacerdoti e suore di Lanzhou, Pingliang e Tianshui (Gansu) in visita a Jinggangshan (Jiangxi), considerata la culla della rivoluzione comunista, punto iniziale della Lunga Marcia (foto 3).

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    15/11/2010 CINA -VATICANO
    Shandong: ordinato il nuovo vescovo coadiutore di Zhoucun
    La cerimonia è avvenuta oggi nella cattedrale di Zibo davanti a 46 sacerdoti e oltre 1500 fedeli, tra cui diversi cattolici sotterranei. Mons. Giuseppe Yang Yongqiang è il decimo vescovo ufficiale ad essere ordinato nel 2010, in comunione con la Chiesa e riconosciuto dal governo.

    26/01/2015 CINA - VATICANO
    Cina, cattolici contro le nuove ordinazioni illecite: Uniti per la libertà religiosa
    I fedeli cinesi si schierano contro la decisione del governo di ordinare vescovi "indipendenti". Un invito ai candidati: "Non accettate questa ordinazione illecita". Chiesa ufficiale e non ufficiale "devono alzarsi in piedi, insieme, contro questi soprusi".

    10/11/2017 12:50:00 CINA-VATICANO
    Da sotterraneo a ufficiale: si insedia il vescovo di Lanzhou, mons. Han Zhihai

    Rappresentanti del governo affermano che il passaggio da sotterraneo a ufficiale è frutto di un negoziato con il Vaticano. La cerimonia si è svolta con la lettura della “lettera di approvazione” del Consiglio dei vescovi e con il giuramento “patriottico” del candidato. Mons Han Zhihai è un “manager intelligente”. Il 16 novembre un altro insediamento ufficiale ad Handan.



    17/06/2016 10:09:00 CINA - VATICANO
    Cina e Vaticano: reazioni incredule e di sconforto al “voltafaccia” di mons. Ma Daqin, vescovo di Shanghai

    Dopo essersi dimesso dall’Associazione patriottica, e aver subito quattro anni di arresti domiciliari, mons. Ma sembra ritrattare le sue posizioni ed esalta l’AP e la sua funzione per la Chiesa cinese. Per alcuni fedeli egli “è stato costretto”; per altri egli è vittima di “troppe pressioni”; per altri ancora questa “sottomissione” è il “prezzo da pagare” per ridare libertà alla comunità di Shanghai, dove forse riaprirà il seminario (chiuso da 4 anni) in settembre. In Vaticano non si dà molto credito alle dichiarazioni del prelato. Un vescovo cinese si domanda se è ancora utile il dialogo fra Santa Sede e Cina e teme che qualcuno in Vaticano abbia pilotato la “confessione” di Ma Daqin per far piacere al governo cinese.



    17/06/2016 10:32:00 CINA - VATICANO
    Mons. Ma Daqin: il testo della sua “confessione”

    Con un articolo pubblicato sul suo blog, il vescovo di Shanghai, dimessosi dall’Associazione patriottica quattro anni fa, sembra “confessare” il suo errore e esalta l’organismo di controllo della Chiesa. Riportiamo qui il testo quasi integrale del suo intervento. Traduzioni dal cinese a cura di AsiaNews.





    In evidenza

    MEDIO ORIENTE - USA
    Gerusalemme capitale, cristiani in Medio oriente contro Trump: distrugge le speranze di pace



    Il patriarcato caldeo critica una scelta che “complica” la situazione e alimenta “conflitti e guerre”. Il card. Raï parla di “decisione distruttiva” che viola le risoluzioni internazionali. Il papa copto Tawadros II cancella l’incontro col vice-presidente Usa Pence. Continua la protesta “rassegnata” dei palestinesi. Attivisti israeliani: gli Usa hanno abdicato al ruolo di mediatori nella regione. 

     


    CINA
    Le false promesse di Xi Jinping e la cacciata della ‘popolazione più bassa’ da Pechino

    Willy Wo-Lap Lam

    Decine di migliaia di migranti e le loro famiglie sono stati espulsi e mandati via dalla capitale. Eppure al recente Congresso del Partito, il presidente Xi ha promesso sostegno e aiuti contro la povertà. Nessuna ricompensa e nessun aiuto legale o caritativo per gli sfollati. Esiste nel Paese un “darwinismo sociale”, che condanna all’emarginazione le classi rurali e fa godere di privilegi e aiuti le classi cittadine. Per gentile concessione della Jamestown Foundation.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®